Separazione » Problematiche su assegnazione casa familiare

In tema di separazione personale ed assegnazione della casa coniugale, è necessaria la convivenza del figlio maggiorenne con il genitore collocatario. Qualora il ragazzo abbandoni l’abitazione, è legittima la revoca.

L’assegnazione della casa coniugale è una delle questioni più conflittuali tra coniugi freschi di separazione.

La questione si complica quando l’abitazione è di proprietà di chi non può più abitarla.

In questo caso, infatti, il provvedimento del giudice che assegna il godimento del bene all’altro coniuge finisce con l’ostacolare non poco la possibilità che l’immobile divenga per quest’ultimo una risorsa economica.

Di solito, la decisione del giudice sull’assegnazione della casa coniugale si fonda sulla necessità di offrire una stabilità domestica alla prole fino a quando quest’ultima non abbia raggiunto una autosufficienza economica.

Solo quando il figlio sia divenuto economicamente autonomo, il genitore che sia stato privato del godimento dell’immobile, potrà rivolgersi al giudice perché questi revochi il provvedimento di assegnazione al coniuge separato.

Ma che cosa accade quando il figlio maggiorenne, anche se privo di una autonomia economica, si allontana da casa?

A parere della Corte di Cassazione, che ha chiarito la vicenda con la sentenza 13295/14, il trasferimento della residenza del figlio rappresenta un valido motivo di decadenza dal diritto di godere della casa familiare.

Gli Ermellini hanno ricordato, dunque, che l’assegnazione dell’immobile a uno dei coniugi va effettuata tenendo conto, in via prioritaria, dell’interesse della prole ed ha come presupposto la convivenza di un genitore con i figli minori o maggiorenni, ma non ancora economicamente autonoma.

Pertanto, dopo la separazione di due coniugi, affinché la convivenza del figlio col genitore possa aver rilievo ai fini dell’assegnazione della casa familiare, occorre che essa sia stabile, semmai con eventuali sporadici allontanamenti, di breve periodo.

In parole povere, il ritorno solo saltuario del figlio presso l’abitazione, come ad esempio per i weekend, raffigura un rapporto di semplice ospitalità da parte del genitore ed esclude il diritto di abitare la casa familiare.

Con la pronuncia esaminata, quindi, piazza Cavour ha definitivamente affermato che il provvedimento con cui il giudice assegna la casa familiare a uno dei coniugi dopo la separazione ha, di regola, come presupposto la convivenza di quel coniuge con la prole minorenne o maggiorenne non economicamente autosufficiente.

Se tale presupposto viene meno, in quanto il figlio non abita più stabilmente l’immobile, il coniuge non assegnatario della casa potrà rivolgersi al giudice per chiedere la revoca del provvedimento di assegnazione.

8 Luglio 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale può essere modificato in sede di appello, anche se non è stato oggetto di specifica impugnazione, per circostanze sopravvenute. È quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza del 28.04.2010 numero 10222. In particolare la Corte ha ritenuto che il trasferimento dell'unico figlio in altra città, con suo allontanamento dalla casa coniugale, può comportare la modifica del provvedimento di assegnazione. Al riguardo si osserva che il presupposto indefettibile per l'assegnazione della casa coniugale al coniuge non titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale è costituito dalla presenza di figli ...

Separazione e divorzio » Se il coniuge obbligato muore e la casa passa di proprietà, si estingue il diritto di abitazione derivante del provvedimento giudiziale di assegnazione della casa coniugale?
L'assegnazione della casa coniugale, intervenuta con il provvedimento giudiziale di separazione o divorzio, e di cui il coniuge obbligato è proprietario, comproprietario, anche in comunione con altri è, secondo le norme vigenti, espressamente condizionata soltanto all'interesse dei figli. La Corte di cassazione, già con la sentenza 23591/2010, ha infatti ribadito che la scelta cui il giudice è chiamato non può prescindere dall'affidamento dei figli minori o dalla convivenza con i figli maggiorenni non ancora autosufficienti che funge da presupposto inderogabile dell'assegnazione. L'assegnazione della casa familiare è, in definitiva uno strumento di protezione della prole e non può conseguire altre e ...

Separazione personale tra coniugi » Ex casa coniugale in affitto: ora chi paga il contratto di locazione?
Separazione personale tra due coniugi: in caso di contratto di locazione per l'ex casa coniugale, il padrone di casa da chi deve pretendere il pagamento dell'affitto? Chiariamo la questione nell'articolo seguente. Come sappiamo, nella fattispecie di una separazione personale tra due coniugi, durante la controversia in tribunale, viene decisa anche l'assegnazione dell'ex casa coniugale. Il giudice, infatti, stabilisce chi dei due coniuge deve andare ad abitare la casa dove una volta si viveva insieme: giurisprudenza consolidata stabilisce, sovente, che l'immobile venga assegnato a chi dei due ex coniugi è affidatario della prole. Ma nel caso in cui l'immobile in cui ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione » problematiche su assegnazione casa familiare. Clicca qui.

Stai leggendo Separazione » Problematiche su assegnazione casa familiare Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 8 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)