La banca deve accertare insolvenza del debitore prima della segnalazione in centrale rischi

Pertanto, da ciò si evince che la banca deve accertare in modo inequivocabile l'insolvenza del debitore, attenendosi alle istruzioni della Banca d'Italia.

Una erronea segnalazione presso la Centrale rischi può cagionare danni all'immagine e alla reputazione economica del cliente segnalato.

Infatti, la Suprema Corte, con la pronuncia 12626/20, ha sancito che: La banca deve risarcire l'impresa per l'illegittima segnalazione alla Gestione dei Rischi, basata sul solo presupposto d'aver presentato per anni il bilancio in perdita. La segnalazione presuppone infatti che ci sia lo stato d'insolvenza.

A parere degli ermellini, dunque, è illegittima la segnalazione alla centrale rischi della Banca d'Italia se l'azienda, i cui conti sono in rosso, è anche in perdita da qualche esercizio. Non solo. L'istituto di credito che ha adottato il provvedimento illegittimo deve risarcire l'impresa di tutti i danni.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca