Notifica degli atti a soggetti irreperibili - deve essere effettuata sul luogo di lavoro

Indice dei contenuti dell'articolo



Nel caso in cui non sia noto il luogo di dimora ma lo sia quello in cui il destinatario di una notifica svolge la propria attività professionale, deve ritenersi inapplicabile la disciplina prevista dall’articolo 143 codice di procedura civile che prevede il deposito dell’atto notificando alla casa comunale. Ciò perché l’articolo 143 disciplina le situazioni di assoluta irreperibilità del destinatario e deve, quindi, essere considerata norma residuale.

Ne consegue che la notifica avvenuta mediante deposito alla casa comunale deve essere considerata nulla se il notificante conosceva o avrebbe potuto conoscere il luogo di lavoro del notificatario utilizzando l’ordinaria conoscenza (C.Cass. sent. numero 17903 del 30 luglio 2010).

28 Settembre 2011 · Chiara Nicolai

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su notifica degli atti a soggetti irreperibili - deve essere effettuata sul luogo di lavoro. Clicca qui.

Stai leggendo Notifica degli atti a soggetti irreperibili - deve essere effettuata sul luogo di lavoro Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 28 Settembre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 5 Settembre 2020 Classificato nella categoria multe accertamento infrazione notifica verbale pagamento sanzione o ricorso » mini guide Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)