Scheda anagrafica del lavoratore » La procedura per ottenerla

Ufficio di collocamento e libretto di lavoro - Cosa è cambiato

A partire dal 2003 sono cambiate le normative che regolano il settore lavoro. Infatti il vecchio ufficio di collegamento è stato rinnovato, ed è diventato obsoleto il vecchio libretto di lavoro, che aveva bisogno della vidimazione annuale. In questo articolo vedremo come ottenere un documento molto importante, e cioè la scheda anagrafica del lavoratore.

Il libretto di lavoro, in base alle attuali normative in materia di collocamento, è stato abolito.

Ora, gli Sportelli di Anagrafe del Lavoro rilasciano, su richiesta dei lavoratori, una scheda anagrafica/professionale contenente i dati sulla propria carriera lavorativa (a sostituizione del libretto di lavoro, abolito il 1° marzo 2003).

Scheda anagrafica del lavoratore » Di cosa si tratta

La scheda anagrafica è un documento che contiene una serie di informazioni che riguardano le nostre esperienze sia lavorative che formative, oltre che le disponibilità del lavoratore.

E' necessario essere iscritti al centro per l'impiego per ottenere la scheda anagrafica, e se non lo siete basterà recarvi nel centro per l'impiego di competenza territoriale per farsi registrare per essere iscritti nelle liste di collocamento.

Quando si deve essere assunti presso un'azienda come lavoratore dipendente la scheda anagrafica assume un' importanza fondamentale: infatti non si potrà procedere all'assunzione in assenza di detto documento.

Questa scheda contiene, oltre che tutti i dati del lavoratore, anche il numero degli eventuali mesi di disoccupazione.

L'indicazione dei mesi di disoccupazione è fondamentale per essere assunti con agevolazioni, perchè infatti esistono una serie di normative che permettono ai datori di lavori di avere importanti sgravi se si assume un lavoratore con un certo numero di mesi di disoccupazione.

Per ottenere questo documento vi recherete all'ufficio per l'impiego, dove un addetto, procederà alla ricerca telematica della vostra posizione e procederà alla stampa di un documento vidimato e firmato.

Chi può richiedere la scheda anagrafica del lavoratore

Possono richiedere la Scheda Anagrafica del Lavoratore i disoccupati, gli inoccupati e i lavoratori, italiani o stranieri in possesso di permesso di soggiorno.

Il richiedente deve presentarsi all'ufficio locale del centro per l'impiego del Comune in cui ha il proprio domicilio.

Sono necessari un documento d'identità valido e il codice fiscale.

L'interessato, se disoccupato o inoccupato, deve presentare presso lo sportello una dichiarazione di disoccupazione, in autocertificazione con l'apposito modulo, dove attesta di: non essere impegnato in alcuna attività lavorativa; essere immediatamente disponibile ad una proposta di lavoro; svolgere una qualche azione di ricerca attiva di lavoro.

Il cittadino extracomunitario che voglia recarsi presso i centri dell'impiego per autocertificare il proprio stato di disoccupazione deve portare con sé il permesso di soggiorno in originale valido o scaduto da non più di due mesi e che non rientri in una delle seguenti categorie: turismo, cure mediche, motivi religiosi, lavoro stagionale, gravidanza, per dimora, per gara sportiva.

Il servizio è gratuito e il rilascio è immediato.

La validità è illimitata, ma il lavoratore può inoltrare una richiesta di cancellazione.

2 novembre 2013 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Invalidità del patto di prova fra lavoratore e datore di lavoro
La causa del patto di prova va individuata nella tutela dell'interesse comune alle due parti del rapporto di lavoro, in quanto diretto ad attuare un esperimento mediante il quale sia il datore di lavoro che il lavoratore possono verificare la reciproca convenienza del contratto, accertando il primo le capacità del ...
Quando è possibile demansionare il lavoratore
Il demansionamento del lavoratore è illegittimo, salvo che sia stata disposto con il consenso del dipendente e per evitare il licenziamento per giustificato motivo oggettivo o la messa in cassa integrazione de lavoratore stesso, la cui diversa utilizzazione non contrasta, in tal caso, con l'esigenza di dignità e libertà della ...
Il lavoratore ha il diritto di astenersi dall'attività in occasione di festività infrasettimanali celebrative di ricorrenze civili o religiose
La legge riconosce al lavoratore il diritto soggettivo di astenersi dal lavoro in occasione di festività infrasettimanali celebrative di ricorrenze civili o religiose. Deve escludersi che il suddetto diritto possa essere compresso dal datore di lavoro, essendo rimessa la rinunciabilità al riposo nelle festività infrasettimanali solo all'accordo tra datore di ...
Legittimo il demansionamento del lavoratore se l'alternativa è il licenziamento per giustificato motivo oggettivo
E' valido il patto di demansionamento che, ai soli fini di evitare un licenziamento, attribuisca al lavoratore mansioni, e conseguente retribuzione, inferiori a quelle per le quali era stato assunto o che aveva successivamente acquisito, prevalendo in tal caso l'interesse del lavoratore a mantenere il posto di lavoro. Tale patto ...
Compensare debiti contributivi con false indennità corrisposte al lavoratore configura il reato di truffa
Integra il delitto di truffa la condotta del datore di lavoro che, per mezzo dell'artificio costituito dalla fittizia esposizione di somme dichiarate come corrisposte al lavoratore, induce in errore l'INPS sul diritto al conguaglio di dette somme, invero mai corrisposte, realizzando così un ingiusto profitto e non già una semplice ...

Spunti di discussione dal forum

I permessi non retribuiti rientrano nel calcolo per il computo del requisito contributivo di accesso all’indennità di disoccupazione Naspi?
Sono un lavoratore del comparto sicurezza armata (Guardia Giurata): la nostra categoria ha l'obbligo di detenere il porto d'armi per difesa personale di validità 2 anni rinnovabile. Le prefetture a cui siamo sottoposti per questo rinnovo,impiegano un max di 90 gg di calendario per rinnovarci il documento. Senza questo documento…
Richiesta di disoccupazione e debito verso INPS
Ho un debito con l'INPS per una vecchia attività chiusa, e le cartelle esattoriali Equitalia sono state rateizzate, ma dopo i primi pagamenti mi sono bloccato per motivi di lavoro. Da circa 14 mesi sono stato assunto da una azienda e poi licenziato e ho fatto richiesto di indennità di…
Maternità anticipata e NASPI – La maternità entro quanto tempo deve insorgere rispetto alla cessazione del rapporto di lavoro per aver diritto all’indennizzo?
Sono precettore di indennità di NASPI da settembre 2016, con l'ultimo rapporto di lavoro cessato il 20/08/16. Dal 23 marzo mi trovo in stato di gravidanza a rischio, accertato dalla Asl, anche l'ispettorato del lavoro ha trasmesso all'Inps la documentazione necessaria ed ho sottoscritto il patto di servizio con il…
Assegno di ricerca e Pignoramento presso terzi
Spettabile redazione, dopo aver condotto svariate ricerche in merito ed aver consultato diversi avvocati, senza avere una risposta chiara al mio problema, ho deciso di porvi il mio quesito. Ho ricevuto un precetto con richiesta di pagamento di un debito (inferiore ai 1500 euro spese incluse) scaturito dall'ingiunzione per il…
Indennità di disoccupazione e debiti con Equitalia
Ho lavorato per 13 mesi e adesso, per motivi di scarso lavoro, sono stato licenziato: quindi ho fatto domanda per la NASPI. Siccome mi trovo in una posizione debitoria, verso Equitalia e di conseguenza inps, vorrei chiedervi: 1- L'inps me l'acceterà la domanda? 2- Equitalia mi bloccherà il conto (visto…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su scheda anagrafica del lavoratore » la procedura per ottenerla. Clicca qui.

Stai leggendo Scheda anagrafica del lavoratore » La procedura per ottenerla Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 2 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 gennaio 2018 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info