Saranno i servizi segreti a gestire i voli di stato per il trasporto del "materiale" destinato al sollazzo dell'utilizzatore finale


Il personale che si occupa dei voli di Stato sarà trasferito alle dipendenze di­rette dell'intelligence. In parti­colare sarà inserito nell'orga­nico del Rud, l'ufficio che fa capo all'Aise — il servizio segreto mi­litare — ed è addet­to alle mansioni di vigilanza degli obiettivi.

La decisione è stata presa dal go­verno dopo la pub­blicazione delle fo­to del premier Sil­vio Berlusconi che imbarca a bordo degli aerei con la sigla «Repubblica Italiana» i suoi ospiti privati come il cantante Mariano Apicella, attori e bal­lerine.

E dopo la circostanza, emersa durante gli accerta­menti della Procura di Bari, che anche Gianpaolo Taranti­ni - indagato per induzione al­la prostituzione per aver porta­to ragazze a pagamento nelle residenze del premier - si spo­stava tra Roma e Milano a bor­do di quei velivoli.

Nella richiesta di avvio del­la procedura, già trasmessa al­l'Aeronautica Militare e alle al­tre amministrazioni da cui di­pende il personale, i trasferi­menti vengono giustificati con motivi di «sicurezza e ri­servatezza ». Finora le liste pas­seggeri e i piani di volo pote­vano essere acquisiti dall'auto­rità giudiziaria, sia pur con un provvedimento motivato.

D’ora in avanti i documenti sa­ranno invece coperti dal segre­to e dunque per poterli visio­nare si dovrà avviare un iter molto più complesso e soprat­tutto ci sarà la possibilità di opposizione alla consegna.

Un mese fa Silvio Berlusco­ni si era rivolto al garante del­la Privacy e alla magistratura romana per chiedere il seque­stro delle foto scattate dal re­porter sardo Antonello Zappa­du a Villa Certosa e all'aeropor­to di Olbia. Migliaia di scatti che riprendevano gli ospiti del­la sua residenza estiva, ma an­che quelli in arrivo o in parten­za a bordo dei velivoli. L'Au­thority ha ritenuto «illecito» ri­prendere e diffondere «imma­gini di persone all'interno di una privata dimora senza il lo­ro consenso e utilizzando tec­niche particolarmente invasi­ve », mentre ha stabilito che «sono permesse quelle riprese in luoghi pubblici», come è per esempio un aeroporto.

La Procura ha invece dispo­sto il sequestro di tutti gli scat­ti e poi ha delegato i carabinie­ri all'acquisizione dei docu­menti relativi ai voli immorta­lati dal reporter. Due settima­ne sono bastate ai magistrati per chiedere al tribunale dei ministri l'archiviazione dell'in­chiesta.

l'articolo continua qui (articolo da visualizzare in una finestra di navigazione anonima del browser)

.

Articoli correlati

Un prete coraggioso contro la CEI ed il cardinale Angelo Bagnasco

Quando Mara Carfagna e Silvio Berlusconi presentarono il disegno di legge contro la prostituzione …

Michela … cosa ci combini? La rossa di Calolziocorte è diventata nera, nera nera!

Quando Daniele Capezzone dava del matto a Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi dichiara guerra totale ai giornali

Chi è la misteriosa “regina di cuori” che Silvio Berlusconi tenta di nascondere?

I cattivi maestri e le vacanze diverse …

Comprereste il Giornale di cui è direttore questo individuo?

Affidereste la vostra anima a questo individuo?

L'imperatore Tiberio e le sue vacanze “in letizia” nell'isola di Capri

Il BERLUSCONI dolens

Il BERLUSCONI senza trucco e senza inganno

Il BERLUSCONI ridens

Il BERLUSCONI mendax

Io non gliela do ...

1 luglio 2009 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Link a ritroso

Stai leggendo Saranno i servizi segreti a gestire i voli di stato per il trasporto del "materiale" destinato al sollazzo dell'utilizzatore finale Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 1 luglio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • piero mei 25 ottobre 2009 at 13:58

    Il TRUMAN SHOW alla vaccinara

    L’“utilizzatore finale” è il vero protagonista di questo Grande Fratello a reti unificate che colpisce a destra e a manca. Chi “va a puttane” (ma non solo) dovrà, d’ora in avanti, prendere, oltre alle consuete, anche altre precauzioni. L’alcova dovrà essere bonificata, bisognerà che ci si accerti che non ci siano telefonini in circolazione: registrano voci e immagini, suoni e luci, la polvere sui mobili, zumano sul particolare. Ci vorrà un check in che sveli eventuali presenze tecnologiche.

    Il Grande Fratello che comincia domani sera, con il campionario sempre più variato e avariato di concorrenti, è un film dei telefoni bianchi al confronto. Non c’è tetta che tenga: vuoi mettere il reality vero che è la realtà dei video scabrosi e non la finzione che ci viene teleservita?

    Il manuale Cencelli, che era quello che distribuiva cariche, incarichi e prebende con il bilancino del potere delle correnti democristiane (tiempe belle e’ ’na vota…), è tenuto in gran conto da chi fa il casting per le televisioni ma anche da chi lo fa per i videofonini.

    La ragazza con la sesta misura, la donna che è diventata uomo, il forse gay, il commendatorino da macchietta teatrale, il borgataro di pasoliniana caricatura, padre e figlia, tutto il caravanserraglio del Grande Fratello televisivo è da sbadiglio al confronto del Potere.

    L’ultimo casting? Un Presidente del Consiglio, un Presidente di Regione? Vuoi mettere Palazzo Grazioli o Via Gradoli, strada che evoca covi brigatisti e sedute spiritiche, al confronto con “la Casa” dove si rinchiudono, come in una gabbia dello zoo, animali domestici che incontriamo tutti i giorni e che spesso ci somigliano tanto con i nostri pregi e difetti, forze e debolezze esposti per un po’ di popolarità, qualche successiva comparsata e serata a gettone, la realizzazione che viene proposta come modello di vita?

    Il videofonino ci racconta la favola del re nudo. Il quale re non solo è nudo, ma ci viene mostrato pure nella sua versione di “utilizzatore finale”: che pena.

    Ora tutti rischiamo di essere un re nudo, tutti possiamo essere filmati in una situazione o in un’altra e se all’opinione pubblica in generale di noi non gliene importa niente, all’opinione privata, la poca o tanta gente che ci circonda, sì. A ciascuno di noi pure.

    Il telefonino è diventato un’arma impropria: il tuo, se dimentichi di spegnerlo, può squillare nelle circostanze meno adatte e comunque, anche se “irraggiungibile”, può far ricostruire a posteriori ogni tuo movimento, perfino il più intimo; quello altrui può, se ti distrai, riprendere tutto. E’ vita, questa? Il personal computer può raccontare tutto di te, ogni tuo clic.

    Siamo tutti involontariamente in questo casting e in ogni momento possono aspettarci dieci domande o quattro mele marce, tra le lenzuola e non solo: è molto inquietante il Truman show alla vaccinara, anche se si vive in odore di santità.




Cerca