Da SAS a SRL dopo un anno? » Socio responsabile non fallisce

Dopo la trasformazione da società Sas ad Srl, soltanto la nuova società risponde delle nuove obbligazioni sociali. Cio perchè, decorso un anno dall’iscrizione della trasformazione nel registro delle imprese, non può più essere dichiarato il fallimento del socio già illimitatamente responsabile.

Infatti, in tema di trasformazione della società in accomandita semplice in società a responsabilità limitata, che poi fallisce, deve osservarsi che la liberazione del socio dalle obbligazioni preesistenti alla trasformazione è fatto diverso dalla cessazione della responsabilità illimitata.

Invero, in mancanza del consenso esplicito o presunto dei creditori alla trasformazione di una società di persone in società di capitali, il socio illimitatamente responsabile della prima non è liberato dalle obbligazioni sociali contratte sino al momento della trasformazione e continua a risponderne illimitatamente.

Tuttavia, dopo che la trasformazione ha avuto luogo soltanto la società risponde delle obbligazioni sociali non essendo prevista alcuna ultrattività della responsabilità illimitata del socio, incompatibile con la disciplina delle società di capitali.

Ne consegue che, ai sensi dell’articolo 147, secondo comma, della legge fallimentare, decorso un anno dalla iscrizione della trasformazione nel registro delle imprese, non può più essere dichiarato il fallimento del socio già illimitatamente responsabile.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso da piazza Cavour con la pronuncia 25846/13.

Il focus sulla pronuncia

Il socio illimitatamente responsabile non fallisce se è passato un anno dalla trasformazione da Sas a Srl. Decorsi dodici mesi dall’iscrizione nel registro delle imprese l’estensione è esclusa perché solo la compagine risponde delle obbligazioni sociali.

Se la Sas è diventata Srl da oltre un anno e porta i libri in Tribunale l’ex accomandatario non fallisce con essa per estensione come socio illimitatamente responsabile.

Dopo l’iscrizione della trasformazione presso il registro delle imprese, infatti, è soltanto la compagine a rispondere delle obbligazioni sociali.

È quanto si evince dalla sentenza in esame, emessa dagli Ermellini.

24 Dicembre 2013 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quando il socio accomandante di una sas rischia di rispondere illimitatamente dei debiti societari
Com'è noto, nelle società in accomandita semplice diverso è il regime di responsabilità verso i terzi che caratterizza le distinte categorie dei soci: gli accomandatari, ai quali è riservato il potere di amministrare la società, che rispondono illimitatamente e solidalmente per le obbligazioni sociali; gli accomandanti, esclusi dalla amministrazione, che rischiano nei limiti della quota conferita. L'articolo 2320 del codice civile disciplina le attività delle quali è fatto divieto al socio accomandante, individuate nel compimento di atti di amministrazione, trattazione o conclusione di affari in nome della società. Il socio accomandante assume responsabilità illimitata per le obbligazioni sociali ove contravvenga ...

Società di persone - obblighi tributari per i soci illimitatamente responsabili e per il socio accomodante di una sas
Obblighi tributari per i soci illimitatamente responsabili di una società di persone Nella società di persone tutti i soci solidalmente e illimitatamente responsabili rispondono per le obbligazioni sociali di ogni specie, tra cui anche per le obbligazioni legali e quelle tributarie. Il regime della responsabilità illimitata dei soci di una società di persone, infatti, appare di generale applicazione e non esiste una disposizione di legge che ne circoscriva la portata al campo delle obbligazioni di origine negoziale, con esclusione delle obbligazioni tributarie. La responsabilità solidale tributaria può essere, dunque, fatta valere nei confronti del socio illimitatamente responsabile di una società ...

Snc » Da quando il socio che cede la quota è liberato dalle obbligazioni sociali?
Nella società di nome collettivo, Snc, da quale momento il socio che cede la quota è liberato dalle obbligazioni sociali? Nella società in nome collettivo la responsabilità del socio uscente cessa nel momento in cui detto mutamento viene pubblicato presso il registro delle imprese, ovvero cessa dal momento in cui è portato a conoscenza dei terzi con mezzi idonei. In caso contrario non è opponibile ai terzi che lo hanno ignorato senza colpa. Questa, riassunta brevemente, la decisione emessa dalla Corte di Cassazione con sentenza 24490/13. Quando il socio che cede la quota è libero dai debiti della Snc In ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su da sas a srl dopo un anno? » socio responsabile non fallisce. Clicca qui.

Stai leggendo Da SAS a SRL dopo un anno? » Socio responsabile non fallisce Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 24 Dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria impresa responsabilità patrimoniale socio ed amministratore Inserito nella sezione debiti ed imprese

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)