La sanatoria delle cartelle Equitalia

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

1. La definizione agevolata delle cartelle Equitalia
2. Debiti ammessi alla definizione agevolata
3. Come accedere alla sanatoria
4. Dove e come pagare gli importi della sanatoria

La definizione agevolata delle cartelle Equitalia

In cosa consiste la definizione agevolata

La Legge di Stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013, numero 147, articolo 1, commi da 618 a 624) ha previsto la possibilità per i contribuenti di pagare le cartelle e gli avvisi esecutivi senza gli interessi di mora e gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo.

I debiti, quindi, non vengono “annullati” del tutto, ma solo per la parte relativa agli interessi.

Riassumendo, con la sanatoria non vanno pagati:

Sono invece da pagare:

Debiti ammessi alla definizione agevolata

La definizione agevolata è prevista esclusivamente per le somme affidate ad Equitalia in riscossione fino al 31 ottobre 2013.

Per capire se si rientra nel detto limite temporale, bisogna controllare nell'estratto di ruolo, che può essere chiesto presso gli sportelli Equitalia.

Oltre al limite temporale suddetto, bisogna anche verificare la tipologia del debito.

In particolare, sono ammesse alla definizione agevolata le cartelle e gli avvisi esecutivi i cui recanti crediti dei seguenti Enti:

Al contrario, non sono ammesse alla definizione agevolata:

La definizione agevolata è applicabile anche in presenza di rateazioni, sospensioni giudiziali o situazioni debitorie complesse.



Come accedere alla sanatoria

Per aderire alla sanatoria, il contribuente non riceverà alcuna comunicazione.

Dovrà lui stesso attivarsi per verificare la propria situazione e individuare i tributi che rientrano nella definizione agevolata.

Dopo aver verificato se i propri debiti sono suscettibili di sanatoria (secondo le condizioni indicate nel paragrafo precedente), dovrà effettuare il pagamento delle somme dovute (al netto degli interessi), entro il 28 febbraio 2014.

Dove e come pagare gli importi della sanatoria

Dove e come pagare

Fino al 15 marzo resta sospesa la riscossione dei debiti interessati alla definizione agevolata.

Equitalia invierà entro il 30 giugno 2014, mediante posta ordinaria, una comunicazione di avvenuta estinzione del debito ai contribuenti che avranno pagato nei termini previsti.

26 gennaio 2014 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca