La definizione agevolata delle cartelle Equitalia

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

In cosa consiste la definizione agevolata

La Legge di Stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013, numero 147, articolo 1, commi da 618 a 624) ha previsto la possibilità per i contribuenti di pagare le cartelle e gli avvisi esecutivi senza gli interessi di mora e gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo.

I debiti, quindi, non vengono “annullati” del tutto, ma solo per la parte relativa agli interessi.

Riassumendo, con la sanatoria non vanno pagati:

  • gli interessi di mora, che maturano dalla data di notifica della cartella in caso di mancato pagamento delle somme entro i 60 giorni previsti;
  • il tributo relativo agli interessi per ritardata iscrizione a ruolo, riportato nell'estratto di ruolo e indicato nelle cartelle/avvisi emessi per conto dell'Agenzia delle entrate.

Sono invece da pagare:

  • il restante importo del debito (al netto degli interessi non dovuti);
  • l'aggio;
  • le spese di riscossione e quelle per eventuali procedure attivate.
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca