Salve vorrei sapere cosa devo fare io avevo una ditta di pulizie ero solo nn ero mai congruo ora con gli studi di settore devo dare quasi 50.000 euro allo stato

Salve vorrei sapere cosa devo fare io avevo una ditta di pulizie ero solo nn ero mai congruo ora con gli studi di settore devo dare quasi 50.000 euro allo stato io nn li ho mai guadagnati in dieci anni di lavoro sono in regola con tutte le fatture inps inail tutto pagato nn ho niente in nero ora ho chiuso se no mi devo ammazzare cosa devo fare devo pagare ho chiedere ad’ un avvocato grazie sono alla disperazione e alla separazione con il marito

Commento di FRANCESCO | Sabato, 4 Ottobre 2008

A parte la genericità del quesito, posso comunque dire per certo che il contenzioso tributario va affrontato prima che gli importi accertati dall’erario siano iscritti a ruolo.

Quello che si può ottenere dopo è solo una rateazione dei pagamenti.

In alternativa c’è il pignoramento dei beni immobili o mobili nella disponibilità del debitore.

Per fare una domanda su detrazioni, deduzioni ed agevolazioni fiscali; termini di prescrizione degli accertamenti; notifica, pagamento e dilazione della cartella esattoriale; fermo amministrativo ed iscrizione ipotecaria; pignoramento ed espropriazione esattoriale; ravvedimento operoso, autotutela, adesione e ricorso tributario; e su tutti gli argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

8 Ottobre 2008 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Studi di settore – cosa sono
Gli studi di settore hanno, ormai, una storia quasi ventennale, essendo stata, la loro disciplina, introdotta nel nostro ordinamento con l'articolo 62-bis del decreto legge 30 agosto 1993. numero 331, convertito, con modificazioni, nella legge 29 ottobre 1993, numero 427. Nel corso degli anni agli studi di settore sono state apportate numerose modifiche strutturali e di indirizzo in relazione alle finalità da perseguire. Gli studi di settore introducono nel rapporto tra Fisco e contribuenti elementi di certezza, di trasparenza e di perequazione del prelievo. In origine gli studi di settore erano stati concepiti con un'ottica di accertamento nei confronti delle ...

Studi di settore - Perché al contribuente conviene sempre aderire all'invito al contraddittorio
La procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore prevede il contraddittorio da attivare obbligatoriamente, pena la nullità dell'accertamento, con il contribuente. In tale sede, quest’ultimo ha l'onere di provare la sussistenza di condizioni che giustificano l'esclusione dell'impresa dall'area dei soggetti cui possono essere applicati gli “standards” o la specifica realtà dell'attività economica nel periodo di tempo in esame. D'altra parte la motivazione dell'atto di accertamento non può esaurirsi nel rilievo dello scostamento, ma deve essere integrata con la dimostrazione dell'applicabilità in concreto dello standard prescelto e con le ragioni per le quali sono ...

Accertamento tributario nullo se non motiva applicabilità degli studi di settore
La procedura di accertamento tributario mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici, la cui gravità, precisione e concordanza non è “ex lege” determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli “standards” in sé considerati – meri strumenti di ricostruzione per elaborazione statistica della normale redditività – ma nasce solo in esito al contraddittorio da attivare obbligatoriamente, pena la nullità dell'accertamento, con il contribuente. In sede di contraddittorio, il contribuente ha l'onere di provare la sussistenza di condizioni che giustificano l'esclusione della propria impresa dall'area dei soggetti cui possono essere applicati gli “standards” ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su salve vorrei sapere cosa devo fare io avevo una ditta di pulizie ero solo nn ero mai congruo ora con gli studi di settore devo dare quasi 50.000 euro allo stato. Clicca qui.

Stai leggendo Salve vorrei sapere cosa devo fare io avevo una ditta di pulizie ero solo nn ero mai congruo ora con gli studi di settore devo dare quasi 50.000 euro allo stato Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 8 Ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • cosimo 26 Maggio 2011 at 22:14

    salve avevo un attivita nel 2008 ho chiuso in perdita oggi mi chiama il commerc mi dice di pagare gli studi di settore per favore mi date un consiglio di cosa fare ? grazie

    • cocco bill 26 Maggio 2011 at 22:54

      Ciao Cosimo. Mi sembra esagerato dover pagare in base agli studi di settore per un’attività chiusa in perdita. Comunque per maggiori approfondimenti ti suggerisco di riportare il tuo problema in questo forum.