In data 26 settembre u.s., data fissata per il rogito, la parte venditrice ha chiesto di rimandare la stipula della compravendita in quanto non accettava quale strumento di pagamento il bonifico disposto dall’ente erogante il mio mutuo

Salve, ripropongo i miei quesiti: alla data fissata per il rogito, la parte venditrice ha chiesto di rimandare la stipula della compravendita in quanto non accettava quale strumento di pagamento il bonifico disposto dall’ente erogante il mio mutuo.
Domande:
1. Può farlo??
2. Fatta richiesta alla banca di emettere assegno circolare ha risposto che è fattibile ma può che quest’ultimo può essere emesso presso loro filiale di altra città, ovvero Napoli, in quanto nella città in cui risiedo (Avellino) non vi è una loro sede e non si assumono l’onere e la responsabilità del trasporto da una città all’altra?!?!?
Premetto che ho chiesto il mutuo a Posteitaliane che si appoggia a Deutsche Bank quale ente erogatore e che gli atti di compravendita e mutuo devono essere fisicamente stipulati presso Sede Centrale Posteitaliane di Avellino.
Cosa posso fare?? Posso “costringere” il venditore ad accettare il bonifico quale metodo di pagamento??
Grazie

Commento di anna | Lunedì, 29 Settembre 2008

Come le ho già risposto via mail, lei non può “costringere” il venditore.

Però, se non era stato concordato uno strumento di pagamento nel preliminare di compravendita (il “compromesso”), a quel punto il venditore sarebbe responsabile della mancata compravendita e sarebbe così tenuto (a mio parere, ma non sono un avvocato) a restituirle il doppio della caparra fino a quesl momento versata. Se intendeva non accettare metodi di pagamento validi, doveva dirlo prima, in sede di preliminare.

Commento di PromotoreMutui | Giovedì, 2 Ottobre 2008

29 Settembre 2008 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Vincoli gravanti sul bene non rimossi dopo la stipula di un contratto preliminare di compravendita - E' legittimo il rifiuto a sottoscrivere il contratto definitivo
Nella stipula di un contratto preliminare di compravendita immobiliare, l'acquirente non può avvalersi della disciplina relativa alla garanzia dei vizi della cosa venduta o di quella relativa alla garanzia per mancanza di qualità della cosa venduta, le quali presuppongono la conclusione del contratto definitivo e sono estranee al contratto preliminare, che ha per oggetto solo l'obbligo di concludere un contratto successivo e definitivo di compravendita, in ordine al quale quelle garanzie non trovano giustificazione. L'acquirente che stipula un contratto preliminare di compravendita di un immobile gravato da vincoli, cui sia stato promesso dal venditore contraente il pieno e libero e ...

Compravendita dichiarata nulla - la prescrizione per la restituzione di quanto pagato parte dal giorno del pagamento
Può accadere che, in esecuzione di un contratto di compravendita, l'acquirente corrisponda un importo al venditore del bene. Se il contratto viene successivamente dichiarato nullo, la prescrizione per la restituzione di quanto pagato, a fronte dell'atto nullo, comincia a decorrere non già dalla data del passaggio in giudicato della decisione che abbia accertato la nullità del titolo giustificativo del pagamento, ma da quella del pagamento stesso. Così si è espressa la Corte di Cassazione nella sentenza numero 10250 del 12 maggio 2014. ...

Bonifico disposto dal conto corrente e accreditato al beneficiario post mortem del disponente
Caso specifico: il private banker che gestiva il rapporto del de cuius ha compilato un bonifico a favore di uno degli eredi e datato 2 giorni prima del decesso autorizzandone l'addebito in banca 5 giorni dopo il decesso dell'intestatario; essendo il private banker nipote diretto del de cuius e figlio di uno degli eredi legittimi, sapeva benissimo (presente oltretutto al funerale tenutosi 3 giorni prima che venisse autorizzato l'addebito in conto) che era deceduto l'intestatario e quindi non doveva far addebitare il bonifico! Abbiamo comunicato alla banca che ha disposto post mortem un bonifico pur essendo a conoscenza del decesso ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su in data 26 settembre u.s., data fissata per il rogito, la parte venditrice ha chiesto di rimandare la stipula della compravendita in quanto non accettava quale strumento di pagamento il bonifico disposto dall’ente erogante il mio mutuo. Clicca qui.

Stai leggendo In data 26 settembre u.s., data fissata per il rogito, la parte venditrice ha chiesto di rimandare la stipula della compravendita in quanto non accettava quale strumento di pagamento il bonifico disposto dall’ente erogante il mio mutuo Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 29 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria mutui casa - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Gaetano 11 Maggio 2009 at 09:09

    Un dipendente in forza al 31.05.2009 viene licenziato il 1°giugno ed assunto da un’altra ditta a metà agosto, nel modello 730/09 ha indicato quale sostituto d’imposta la ditta che lo aveva in forza al 31.05.2009,chi dovrà restituire nel mese di luglio 2009 l’eventuale credito d’imposta?

    • weblog admin 11 Maggio 2009 at 10:17

      Il datore di lavoro (sostituto d’imposta) del contribuente alla data di presentazione del 730 2009 redditi 2008.