Salve, nel mese di luglio 2008 ho informato verbalmente la mia banca che alla fine del mese avrei chiuso il conto corrente

Salve, nel mese di luglio 2008 ho informato verbalmente la mia banca che alla fine del mese avrei chiuso il conto corrente. A mia insaputa hanno avviato il blocco del conto per chiusura. Mi sono accorto di ciò dopo 10 giorni, quando dall’estero ho cercato di effettuare un prelievo. Nel frattempo un assegno da me emesso è andato in protesto causa mancanza di convenzione con la banca!!. Sono riuscito a pagarlo in tempo ed ho la dichiarazione autenticata del beneficiario, ma cosa devo fare per togliere la segnalazione alla CAI?? Inoltre vorrei citare la banca per ottenere un giusto risarcimento. Grazie in anticipo per la gentile risposta.

Commento di Alberto | Venerdì, 12 Settembre 2008

Dal momento in cui l’assegno non viene pagato per mancanza di fondi, il soggetto interessato (il traente) – a cui viene debitamente notificato l’inizio della procedura con il cosiddetto “preavviso di revoca” – ha 60 giorni di tempo per pagare. Il preavviso di revoca viene inviato per telegramma o raccomandata a/r entro 10 giorni dalla presentazione al pagamento dell’assegno.

Il pagamento, detto “tardivo” (nel termine dei 60 giorni dalla presentazione e mancata riscossione) comprende gli interessi legali, alcune spese (di protesto o di gestione per la dichiarazione di constatazione equivalente) nonché’ una penale che normalmente si aggira intorno al 10% dell’importo dell’assegno.

Tale pagamento può essere effettuato presso lo sportello della banca su cui è tratto l’assegno tramite la costituzione di deposito infruttifero vincolato al portatore del titolo non pagato (il creditore), presso il pubblico ufficiale che ha levato il protesto (notaio, ufficiale giudiziario o segretario comunale), oppure direttamente nelle mani del creditore, che rilascia quietanza alla banca o alla posta su un modulo predisposto. Modulo, che ovviamente, va riconsegnato alla banca trattaria per evitare la segnalazione al CAI.

Dunque con la CAI non dovresti aver problemi.

Piuttosto invece, verifica che non ti abbiano protestato l’assegno. Sono due procedure indipendenti. Come potrai leggere qui.

Per quanto riguarda la citazione della Banca in giudizio ti consiglierei di lasciar perdere. Non ne cavi un ragno dal buco, e butti via altri soldi.

Eppoi, Alberto, almeno per una volta diciamola tutta: i casini ce li andiamo proprio a cercare. La chiusura del conto potevi disporla al rientro del viaggio. E quando si danno disposizioni di chiusura conto, di assegni non se ne staccano più…. perchè dall’altra parte c’è un meccanismo infernale che non sta a vedere in che giorno deve bloccare il conto, per di più di un cliente che va via!!!

Commento di karalis | Venerdì, 12 Settembre 2008

12 Settembre 2008 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Chiusura del conto corrente - la banca non può condizionarla alla restituzione di un debito del cliente
Può accadere che la banca opponga rifiuto alla richiesta di chiusura del conto formulata dal cliente, giustificando tale rifiuto con il mancato rimborso di somme indebitamente versate al correntista a titolo di stipendio e tredicesima mensilità. Può accadere anche che, dopo il rifiuto di chiudere il conto corrente, trascorrano degli anni e che la banca proceda alla chiusura del conto corrente solo dopo la presentazione, da parte del cliente, di un esposto alla Banca d'Italia. Nel frattempo, pur in assenza di movimentazioni in conto corrente, le spese di gestione continuano a lievitare. La domanda che ci si pone è se ...

Delega conto corrente in rosso chiuso unilateralmente dalla banca - Quali problemi per il soggetto delegato ad operare e disporre?
Tre anni fa un mio amico ha deciso di tornare in Russia (ha la doppia cittadinanza, è nato e cresciuto in Russia) lasciandomi la delega del suo conto corrente bancario: su questo conto aveva un fido di 5000 euro. In questi anni ho trasferito, prelevato ed eseguito bonifici da questo conto bancario come richiesto da questa persona. Da novembre 19 non ho più fatto operazioni. In questi mesi sono arrivate un paio di lettere dalla banca per il mio amico (la corrispondenza arriva a casa mia) che non ho aperto con l'idea di consegnare tutto a lui quando sarebbe tornato ...

Pignoramento del conto corrente - Ho chiuso con una transazione e l'avvocato della controparte ha presentato rinuncia, ma la banca dice che non basta
Ho subito il pignoramento sia del quinto dello stipendio che del conto corrente: ho chiuso con una transazione e l'avvocato della controparte ha presentato rinuncia, a mezzo pec, sia alla banca che al datore di lavoro. Il responsabile della filiale della Banca mi ha detto che questa pec non basta e che, l'ufficio pignoramenti della Direzione, aspetta la pec da parte della cancelleria del Tribunale. E' corretto? Cosa posso fare? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su salve, nel mese di luglio 2008 ho informato verbalmente la mia banca che alla fine del mese avrei chiuso il conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Salve, nel mese di luglio 2008 ho informato verbalmente la mia banca che alla fine del mese avrei chiuso il conto corrente Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 12 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 9 Dicembre 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)