La procedura per accedere alla sanatoria delle cartelle esattoriali di Equitalia

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Vediamo come funziona la procedura per accedere alla sanatoria delle cartelle esattoriali di Equitalia.

Il debitore che voglia fruire di questa sanatoria deve farne richiesta entro il 23 Gennaio 2017 utilizzando la modulistica predisposta dall'agente della riscossione Equitalia che può essere inoltrata via PEC (posta elettronica certificata) o presentata presso gli sportelli.

Nel caso di invio via PEC occorre allegare copia del documento di identità.

Qui il modulo:

Modello opposizione trasmissione ad Agenzia entrate dati spese sanitarie per dichiarazione precompilata

Nella richiesta il debitore deve specificare il numero di rate con le quali intende pagare (massimo quattro) e l'eventuale pendenza di giudizi (ricorsi tributari o ordinari) sulle somme oggetto del debito con contestuale rinuncia agli stessi.

Entro il 24 Aprile 2017 (180 giorni dalla data di entrata in vigore del dl) l'agente della riscossione/Equitalia comunicherà al debitore l'importo dovuto nonché quello delle singole rate con giorno e mese di scadenza.

Si potrà pagare sia a rate che in un'unica soluzione, rispettando le date di scadenza riportate sulla comunicazione inviata da Equitalia e sui bollettini di pagamento.

Sarà possibile dilazionare l'importo fino a un massimo di 5 rate, con le seguenti scadenze e percentuali in relazione all'importo dovuto:

  • Luglio 2017 (24%);
  • Settembre 2017 (23%);
  • Novembre 2017 (23%);
  • Aprile 2018 (15%);
  • Settembre 2018 (15).

Il pagamento delle somme dovute può essere fatto con

  • domiciliazione sul c/c bancario (rid) eventualmente indicato sulla dichiarazione;
  • con bollettini precompilati che l'agente della riscossione/Equitalia deve allegare alla comunicazione di accettazione, a meno che il richiedente non abbia chiesto di pagare con domiciliazione;
  • presso gli sportelli dell'agente della riscossione/Equitalia.
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca