Roaming ed accesso ad internet - nuove regole nella comunità europea

A partire dal giugno 2017, saranno vietate le tariffe roaming nell’Unione Europea (e nei Paesi dello Spazio economico Europeo – SEE) per le chiamate, per l’invio di messaggi di testo e per l’utilizzo di internet tramite dispositivi mobili.

Intanto, a partire dal 30 aprile 2016, le maggiorazioni del roaming per le chiamate effettuate non dovranno superare:

  • 5 centesimi di euro al minuto per le chiamate vocali
  • 2 centesimi di euro per ogni messaggio di testo (SMS)
  • 5 centesimi per ogni MB di navigazione su internet.

Il tetto per i costi delle chiamate ricevute sarà deciso entro la fine del 2015 e ci si aspetta che tali costi siano considerevolmente più bassi rispetto a quelli previsti per le chiamate effettuate.

Accesso libero a internet

La nuova legislazione obbligherà le imprese che offrono l’accesso a internet a trattare tutto il traffico dati in modo equivalente. Ad esempio, non sarà consentito bloccare o rallentare la ricezione di contenuti, applicazioni o servizi offerti da aziende specifiche.

L’eccezione a tale regola è il caso che intervenga una decisione di un tribunale in tal senso per, ad esempio, evitare una congestione della rete o contrastare attacchi informatici. Se tali misure saranno necessarie per la gestione del traffico dati, dovranno essere “trasparenti, non discriminatorie e proporzionali” e non dovranno durare più del necessario.

Un operatore potrà comunque offrire servizi specialistici (come una migliore qualità internet necessaria per l’utilizzo di alcuni servizi), ma solo a condizione che questo non abbia un impatto sulla qualità generale del traffico internet.

Prestazioni pubblicizzate dagli operatori – velocità di navigazione internet reale o rimborso al cliente

I provider di servizi internet dovranno fornire agli utenti, che sottoscrivono contratti su servizi di accesso a internet fissi o mobili, una spiegazione chiara sulle velocità di download e upload (rispetto a quelle pubblicizzate) che possono aspettarsi dal servizio. Ogni differenza evidente darà diritto a compensazioni, quali l’estinzione del contratto o l’ottenimento di un rimborso. Spetterà alle autorità nazionali di regolamentazione verificare se eventuali differenze possano o meno costituire una violazione del contratto.

30 Ottobre 2015 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fibra ottica: velocità internet dichiarata minore di quella reale? - Ecco come tutelarsi con l'operatore
Da qualche mese il mio operatore di linea fissa e internet mi ha inviato il nuovo modem, poiché, mi hanno spiegato, la mia linea passava dalla semplice ADSL alla fibra: in realtà, però, non ho notato grandi miglioramenti e anzi, la velocità è paradossalmente addirittura peggiorata. Un amico mi ha spiegato che a volte ciò accade poiché la fibra non arriva direttamente all'abitazione, ma solo alla cabina stradale. Io però, adesso, sto pagando di più. Cosa posso fare per far valere i miei diritti? ...

Il diritto di accesso alla documentazione del conto corrente e del deposito titoli del cliente e di coloro che gli succedono a qualunque titolo
Il cliente, colui che gli succede a qualunque titolo e colui che subentra nell'amministrazione dei suoi beni hanno il diritto di ottenere, a proprie spese, entro un congruo termine e comunque non oltre novanta giorni, copia della documentazione inerente a singole operazioni di conto corrente o deposito titoli, poste in essere negli ultimi dieci anni. Al cliente possono essere addebitati solo i costi di produzione di tale documentazione. E' l'articolo 119 del Testo Unico Bancario (TUB) a disciplinare il diritto di accesso alla documentazione bancaria, riconosciuto al cliente (al successore a qualunque titolo nonché al soggetto subentrante nell'amministrazione dei beni), ...

Disservizi voce ed internet - L'utente può chiedere il risarcimento danni all'operatore con cui ha stipulato il contratto di fornitura
Un professionista stipulava con un operatore telefonico alternativo (OLO) un contratto per la fornitura di servizi telefonici relativi alla rete fissa (chiamate voce ed ADSL per l'accesso ad internet). L'utente conveniva in giudizio l'operatore, rilevando il non corretto funzionamento dei servizi e chiedendone la condanna al risarcimento dei danni. I giudici di merito respingevano la richiesta eccependo che, in materia di rapporti tra l'operatore dominante (Telecom Italia) e i singoli operatori alternativi, è il primo, quale titolare esclusivo del potere di intervenire per la risoluzione dei guasti verificatisi sul cosiddetto "ultimo miglio" a dover ripristinare il servizio in caso di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su roaming ed accesso ad internet - nuove regole nella comunità europea. Clicca qui.

Stai leggendo Roaming ed accesso ad internet - nuove regole nella comunità europea Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 30 Ottobre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - fonia adsl RAI e pay tv Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)