Indice del post irpef - ritenuta alla fonte

L'istituto della ritenuta alla fonte trova la propria disciplina nell'ambito delle disposizioni in materia di accertamento delle imposte sul reddito ed, in particolare, con riferimento ai redditi derivanti dall'esercizio di arti e professioni, nell'articolo 25 del DPR 29 settembre 1973, numero 600 (di seguito, per brevità, DPR numero 600 del 1973). La ritenuta opera secondo un meccanismo che vede coinvolti due soggetti: il sostituto d'imposta, ovvero il soggetto che corrisponde il compenso relativo a prestazioni di lavoro autonomo, ed il sostituito il quale, viceversa, è colui che ha reso la prestazione professionale e che riceve, quale corrispettivo, il compenso [ ... leggi tutto » ]

La ritenuta alla fonte che il sostituto d'imposta deve eff ettuare può operare "a titolo di acconto" o "a titolo d'imposta". Nel primo caso, come può agevolmente desumersi dalla stessa definizione, la ritenuta costituisce semplicemente un acconto dell'imposta sul reddito dovuta dal percettore, il quale, pertanto, dovrà adempiere agli ordinari obblighi dichiarativi e potrà determinare l'Irpef da versare all'erario detraendo, dall'imposta calcolata sul reddito complessivo dichiarato, l'ammontare delle ritenute alla fonte subite. Rientrano nel novero di tale fattispecie, per espressa previsione normativa, le ritenute operate sui compensi e sulle altre somme che costituiscono reddito di lavoro dipendente per i [ ... leggi tutto » ]

L'articolo 25 del DPR numero 600 del 1973, stabilisce che devono essere assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo di acconto "i compensi, comunque denominati, anche sotto forma di partecipazione agli utili, per prestazioni di lavoro autonomo, ancorché non esercitate abitualmente". In sostanza, i compensi di qualsiasi natura che costituiscono componenti positivi del reddito professionale, sono sempre soggetti a ritenuta alla fonte nella misura del 20 per cento del loro ammontare, anche se derivanti da attività di lavoro autonomo esercitate in forma occasionale. Al tal fine, appare utile rammentare brevemente quali sono le somme percepite dal professionista che assumono [ ... leggi tutto » ]

l’obbligo della ritenuta alla fonte sugli onorari pagati dalla parte soccombente a seguito di una sentenza di condanna alle spese processuali L'obbligo di effettuare la ritenuta d'acconto si applica anche nei confronti dei soggetti che, in qualità di sostituti d'imposta, erogano compensi in favore del difensore (in qualità di antistatario) della controparte vittoriosa, in esecuzione di una sentenza di condanna alle spese processuali. Ciò in quanto, come precisato dall'Amministrazione finanziaria mediante la Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate numero 8/1619 dell'8 novembre 1991, il debito, indipendentemente dall'esistenza di un diretto rapporto tra l'avvocato distrattario e la parte che esegue il pagamento, [ ... leggi tutto » ]

Come premesso, il sostituto d'imposta deve versare all'erario la ritenuta operata sul compenso corrisposto al professionista. Il versamento deve essere effettuato entro il giorno 16 del mese successivo a quello del pagamento del compenso, utilizzando il modello di delega unica di pagamento F24, presso gli sportelli di qualsiasi concessionario del servizio di riscossione, di qualsiasi banca delegata o di qualsiasi ufficio postale abilitato situati sul territorio nazionale. Sotto il profilo sanzionatorio, deve rammentarsi che con l'articolo 1, comma 414 della legge 30 dicembre 2004, numero 311 (la legge finanziaria per il 2005) è stata introdotta una nuova ipotesi di [ ... leggi tutto » ]

27 agosto 2013 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione dei redditi – chi non è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi
...
Omesso versamento ritenuta d'acconto » Datore di lavoro e dipendente responsabili in solido
E' responsabile anche il dipendente nel caso in cui il datore non versi al fisco la ritenuta d'acconto. Il lavoratore e il datore sono responsabili in solido per l'omesso versamento della ritenuta d'acconto. Il rapporto che si costituisce tra il sostituto d'imposta e il sostituito è quello di una obbligazione ...
Dichiarazione dei redditi – redditi da fabbricati
Abitazione principale è quella nella quale il contribuente o i suoi familiari (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado) dimorano abitualmente. Per l'abitazione principale compete la deduzione dal reddito complessivo fino all'ammontare della rendita catastale dell'unità immobiliare stessa e delle relative pertinenze, rapportata alla quota ...
Accertamento sintetico - Redditi esenti o soggetti a ritenuta d'imposta possono giustificare le spese ed il tenore di vita accertato
Le norme vigenti (DPR 600/73, articolo 38) consentono al contribuente, destinatario un accertamento del reddito con metodo sintetico, di dimostrare, attraverso idonea documentazione, che il maggior reddito determinato o determinabile sinteticamente è costituito, in tutto o in parte, da redditi esenti o da redditi soggetti a ritenute alla fonte a ...
Dichiarazione dei redditi – Chi può utilizzare il 730 e chi può fare dichiarazione congiunta
I lavoratori dipendenti e i pensionati (in possesso di determinati redditi) possono presentare la dichiarazione con il modello 730. Utilizzare il modello 730 è vantaggioso, in quanto il contribuente:  non deve eseguire calcoli e pertanto la compilazione è più semplice;  non deve trasmettere il modello all'Agenzia delle entrate, poiché questa ...

Spunti di discussione dal forum

Modello unico redditi percepiti stato di disoccupazione e contributi
In riferimento a questa discussione e per quel che riguarda i contributi INPS da versare superata la soglia dei 5000 rientro in quel caso? Tenendo conto che il reddito RL14 sono vendite fatte a soggetti privati quindi senza ritenuta d'acconto, l'unico reddito con ritenuta è quello del quadro RL15. Dovrei…
Ho realizzato un sito Internet ma il committente è sparito – Per ottenere un decreto ingiuntivo posso emettere una fattura?
Premetto che sono disoccupato e non ho partita iva: ho realizzato un sito internet per una ditta e ora questa ditta è sparita e si rifiuta di saldare il mio corrispettivo, che ammonta a 1400 euro nette. Visto che non posso emettere fattura, perché, come già sopra specificato, non ho…
Srl chiusa – chi risponde dei debiti verso l’erario?
Ero amministratore unico di una srl con 3 soci, prima posta in liquidazione (io liquidatore) e poi chiusa e cancellata dal registro delle imprese. Tale SRL ha chiuso con dei debiti, ora passati a Equitalia, per circa 20000 € vs l'erario, come in dettaglio successivo. Ora chiedo a voi: All'amministratore…
Fermo amministrativo sul veicolo di un lavoratore autonomo senza partita IVA
Ho ricevuto pignoramento da Equitalia del mezzo di lavoro. L'auto è intestata a persona fisica che svolge l'attività di incaricato alle vendite per un'azienda con tanto di tesserino e regime di ritenuta d'acconto alla fonte per redditi inferiori ai 5000€ annui. L'unico reddito della mia famiglia è quello e il…
modello unico redditi percepiti e stato di disoccupazione
Non so se scrivo nella sezione giusta, ho bisogno di sapere se perdo lo stato di disoccupazione con il mio attuale modello unico 2015. quadro RL14 2900 euro quadro RL15 900 euro quadro RL 20 (ritenuta acconto) 180 euro quadro RL25 (proventi diritti d'autore) 1500 euro Quadro RN (reddito complessivo)…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post irpef - ritenuta alla fonte. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post IRPEF - Ritenuta alla fonte Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 27 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 5 ottobre 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?