Indice del post ristrutturazione del debito » vademecum informativo

Come evitare la vendita della propria casa, dopo il pignoramento immobiliare da parte di equitalia, attraverso la procedura relativa alla ristrutturazione del debito: il vademecum. La legge, disposta con l'articolo 182 bis del Regio Decreto 16 marzo 1942, numero 267, consente all'imprenditore che si trova in stato di crisi di poter domandare l’omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti stipulato con i creditori rappresentanti almeno il 60% dei crediti. Scopriamo ora quali sono i requisiti per poter accedere alla ristrutturazione del debito. Le condizioni per accedere alla ristrutturazione del debito Per poter usufruire degli accordi di ristrutturazione del [ ... leggi tutto » ]

L’imprenditore insieme alla richiesta, ha l'obbligo di depositare: una relazione aggiornata sulla situazione patrimoniale, economica e finanziaria dell'impresa; uno stato analitico ed estimativo delle attività e l’elenco nominativo dei creditori, con l’indicazione dei rispettivi crediti e delle cause di prelazione; l’elenco dei titolari dei diritti reali o personali su beni di proprietà o in possesso del debitore; il valore dei beni e i creditori particolari degli eventuali soci illimitatamente responsabili; e) un piano contenente la descrizione analitica delle modalità e dei tempi di adempimento della proposta; una relazione redatta da un professionista, designato dal debitore ed iscritto nel registro [ ... leggi tutto » ]

L'accordo di ristrutturazione del debito presenta numerosi vantaggi per l’imprenditore che si trova soggetto ad azioni cautelari o esecutive da parte dei creditori. Con la pubblicazione nel registro delle imprese del decreto di omologa dell'accordo di ristrutturazione del debito e per un periodo di 60 giorni, i creditori non possono infatti iniziare o proseguire azioni cautelari od esecutive, come un pignoramento immobiliare, sul patrimonio del debitore. Azioni dei creditori e presentazione dell'istanza L’imprenditore può presentare un'istanza chiedendo di vietare l’avvio o la prosecuzione di azioni cautelari o esecutive da parte dei creditori anche nel corso delle trattative e prima [ ... leggi tutto » ]

Come si è evidenziato, la procedura prevista dagli accordi di ristrutturazione del debito e dalla transazione fiscale appaiono piuttosto complessi ed articolati per il tipo ed il numero di attività necessarie, la cui esecuzione richiede presumibilmente un certo margine di tempo, donde la necessità di procedere con la massima celerità vista anche la situazione processuale caratterizzata dalla pendenza di un pignoramento immobiliare in fase purtroppo avanzata. Per completezza, nel caso di specie si potrebbe valutare anche l’opportunità di fare ricorso alla procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento o al piano del consumatore che, a livello procedurale, presenta affinità [ ... leggi tutto » ]

10 gennaio 2014 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il piano di ristrutturazione che il debitore può presentare al giudice per pagare il possibile ed ottenere l'esdebitazione del residuo
Molti debitori, pur avendo la volontà di mettere disposizione dei creditori l'intero patrimonio e le risorse reddituali non strettamente connesse alla sopravvivenza del proprio nucleo familiare, non possono liberarsi dei debiti accumulati nel tempo. Peraltro, le azioni esecutive avviate nei confronti del debitore sovraindebitato risultano, quasi sempre, inefficienti in termini ...
Concordato preventivo, accordo con i creditori e piano del consumatore - Il debito IVA va pagato per intero e può essere solo dilazionato
L'accordo o a cui possono giungere i creditori con l'imprenditore non fallibile o il piano di ristrutturazione del debito presentato dal consumatore, possono prevedere esclusivamente la dilazione del pagamento con riguardo ai tributi costituenti risorse proprie dell'Unione Europea, all'imposta sul valore aggiunto ed alle ritenute operate e non versate. Anche ...
Fallimento personale del debitore consumatore - Poter dire addio ai debiti con la legge sul sovraindebitamento
Come premessa, va detto che un imprenditore, per poter essere considerato "non fallibile", deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro ...
L'ammissione al concordato preventivo non impedisce il sequestro dei beni del debitore
L'imprenditore che si trova in stato di crisi può proporre ai creditori un concordato preventivo sulla base di un piano che può prevedere gli obiettivi e le finalità di seguito riportati. la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti attraverso qualsiasi forma, anche mediante cessione dei beni, accollo, o ...
Concordato con i creditori - la legge sul sovraindebitamento in aiuto dei debitori
La prima parte del decreto legge - Capo I, articoli da 1 ad 11 - si occupa delle disposizioni in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento, ed è dedicata alle definizioni generali ed, in particolare, all'individuazione della casistica e dei soggetti interessati al provvedimento legislativo, finalizzato a trovare una ...

Spunti di discussione dal forum

Legge 3/2012 per la composizione delle crisi da sovraindebitamento – L’accordo bisogna raggiungerlo con almeno il 60% dei creditori oppure con i creditori titolari di almeno il 60% dell’esposizione debitoria?
Vorrei chiedere se in caso mi rivolgessi al Giudice per omologare un accordo con i creditori, il 60% di assenso da parte dei creditori è riferibile al numero dei creditori o al totale dell'importo dovuto? Per esempio se io devo 50.000 a una banca, altri 5.000 alla stessa banca, e…
Legge 3/2012 – il ricavato dalla vendita dei beni strumentali è destinato ai creditori ma io devo comunque pagare allo Stato le tasse sulla plusvalenza?
Durante la redazione insieme all'organismo di composizione della crisi (occ) di un piano di esdebitamento con accordo con i creditori sono sorte alcune problematiche. Innanzitutto le tasse derivanti da unico 2017 che se presentiamo il piano ad aprile non rientrerebbero in domanda non essendo debito certo ed esigibile, a questo…
Qual è il termine massimo di rientro dal debito in un accordo con i creditori in base alla legge di composizione delle crisi da sovraindebitamento?
Dieci anni fa circa ho chiuso una ditta individuale (ero artigiano) e mi è rimasto solo un debito con la banca per il quale mi è stato ingiunto il pagamento dopo una sentenza. Poiché in questo caso il 60% dei creditori non c'è in quanto vi è solo un creditore…
Una volta notificato il precetto e raggiunto un accordo con il creditore posso alienare il bene non ancora pignorato?
Premesso che ho ricevuto decreto ingiuntivo e precetto per i quali sono scaduti i termini per l'opposizione, avendo però trovato nel frattempo un accordo con il creditore, volevo sapere se posso vendere i beni iscritti nel decreto ingiuntivo, per il quale, però, non è stato mai richiesto il pignoramento. Nello…
Vorrei ristrutturare casa – Sono ancora in tempo per bonus e detrazioni?
Ho deciso di procedere alla ristrutturazione della mia unica casa di proprietà: purtroppo prima non mi trovavo in fortunate condizioni economiche ed ho dovuto mettere i soldi da parte piano piano. Vorrei sapere se sono ancora in tempo per disporre delle agevolazioni fiscali per quanto riguarda la ristrutturazione. Se si,…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post ristrutturazione del debito » vademecum informativo. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Ristrutturazione del debito » Vademecum informativo Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 10 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 settembre 2017 Classificato nella categoria composizione delle crisi da sovraindebitamento, debiti esdebitazione e fallimento debitore con legge 3/2012 Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Vuoi fare una domanda?