Roberto Petrella

Per fruire dei benefici previsti dalla legge per la frequenza ai corsi universitari, il cui accesso è regolato dall’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), lo studente fa sempre parte del nucleo familiare dei genitori a meno che non possegga, congiuntamente, due requisiti. Uno di essi prevede che lo studente presenti una adeguata capacità di reddito (deve trattarsi di reddito percepito personalmente non di un sostegno al reddito, come il rdc, di cui è beneficiario il nucleo familiare di appartenenza): al momento la soglia è fissata in 6.500 euro lordi annui.

In conclusione, il nucleo familiare di riferimento per la DSU ISEE università comprenderà i suoi genitori.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.