Giorgio Valli

Nel quadro FC3 della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) vanno indicati i dati relativi al patrimonio immobiliare posseduto da ciascun componente il nucleo familiare. In particolare, va indicato il valore dei singoli cespiti posseduti dal soggetto alla data del 31 dicembre dell’anno precedente alla presentazione della dichiarazione sostitutiva, e ciò indipendentemente dal periodo di possesso del bene.

Ne consegue, pertanto, che non dovranno essere considerati i beni posseduti solo successivamente; dovranno comunque essere considerati i beni posseduti al 31 dicembre, anche se non piu posseduti alla data della dichiarazione.

Nel patrimonio immobiliare da indicare nella DSU/ISEE sono compresi i diritti reali di godimento assegnati (e, naturalmente trascritti nei pubblici registri) su beni immobili (usufrutto, uso, abitazione, servitù, superficie, enfiteusi); dal patrimonio immobiliare sono invece esclusi gli immobili di proprietà sui quali insistono i diritti reali di godimento (usufrutto, uso, abitazione, servitù, superficie, enfiteusi) a favore di terzi.

Quindi: l’erede la cui procedura di successione è stata perfezionata nel 2019 non dovrà includere nella DSU/ISEE l’immobile ereditato nel proprio patrimonio immobiliare finchè il coniuge superstite del defunto manterrà il diritto d’uso su quell’immobile (cioè fino a quando non potrà disporre dell’immobile). Viceversa, il coniuge superstite del defunto dovrà sempre indicare nella DSU/ISEE l’immobile per il quale detiene il diritto d’uso (anche in una DSU/ISEE presentata nel 2019).

Per quanto attiene il 730, vale lo stesso ragionamento: in caso di usufrutto o altro diritto reale (usufrutto, uso, abitazione, servitù, superficie, enfiteusi) il titolare della sola nuda proprietà non deve dichiarare il fabbricato.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca