Pignoramento esattoriale presso terzi dopo le novità introdotte dal Decreto del fare

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali.

Indice dei contenuti dell'articolo


La riforma ha toccato anche la procedura di pignoramento presso terzi: come è noto, l’Agente della riscossione ha il potere di pignorare i crediti del debitore presso terzi (ad esempio, lo stipendio), ordinando al terzo di pagare il credito direttamente al concessionario (articolo 72 bis del DPR numero 602/1973).

Orbene, è stato aumentato il termine entro cui il terzo dovrà effettuare tale pagamento (da 15 a 60 giorni).

Le nuove norme sul pignoramento si applicano immediatamente (anche ai pignoramenti già in corso) senza attendere il decreto attuativito (a differenza di quanto avviene per la rateizzazione).

22 Settembre 2013 · Antonella Pedone

Indice dei contenuti dell'articolo




Condividi il post e dona


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su pignoramento esattoriale presso terzi dopo le novità introdotte dal decreto del fare. Clicca qui.

Stai leggendo Pignoramento esattoriale presso terzi dopo le novità introdotte dal Decreto del fare Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 22 Settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 22 Agosto 2017 Classificato nella categoria archivio storico

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • ESMERALDA 13 Febbraio 2015 at 17:03

    Ieri abbiamo ricevuto una cartella di Equitalia per un finanziamento agevolato DL 185/00, erogato nel 2002. Non abbiamo traccia di quando siano state fatte le ingiunzioni di pagamento, perchè venivano cestinate ma verosimilmente, mio marito, che ha cambiato residenza dal 2009, riferisce che almeno dal 2008 di non avere ricevuto comunicazioni in tal senso. INVITALIA deve avere traccia di queste comunicazioni fatte che noi non abbiamo….. Inoltre, visto che parte del contributo ricevuto il 60% era a fondo perduto, il 40% a tasso agevolato da restituire e, visto che questo non si é verificato possono richiedere anche l’intero importo…? AIUTATECI!!!!!!!!!!!!!!

    • Ludmilla Karadzic 13 Febbraio 2015 at 18:08

      Conviene richiedere ad INVITALIA le comunicazioni di messa in mora per la restituzione del 40% del credito erogato, prima dell’iscrizione a ruolo. E’ un vostro diritto. Solo successivamente, dopo aver acquisito tali informazioni, si potrà verificare se, eventualmente, parte del debito è prescritto.