Equitalia - Opposizione agli atti esecutivi e all'esecuzione

Riscossione coattiva esattoriale - Opposizione agli atti esecutivi ed opposizione all'esecuzione

Nell'ambito del procedimento di riscossione coattiva esattoriale, al fine di valutare se esperire opposizione all'esecuzione ovvero opposizione agli atti esecutivi, vanno considerati i motivi dell'opposizione.

I rimedi di opposizione proponibili avverso la cartella esattoriale emessa per la riscossione di sanzioni amministrative pecuniarie sono l'opposizione all'esecuzione ex articolo 615 codice procedura civile, allorché si contesti la legittimità della pretesa per la mancanza di un titolo legittimante l'iscrizione a ruolo (omessa notifica del verbale o pagamento della multa) o si adducano fatti estintivi sopravvenuti alla formazione del titolo (intervenuta prescrizione o pagamento della cartella esattoriale) e l'opposizione agli atti esecutivi ex articolo 617 codice procedura civile, qualora si deducano vizi formali della cartella esattoriale o della sua notifica ovvero degli atti successivi del procedimento di riscossione coattiva.

Peraltro, così come in materia di riscossione delle imposte, anche nel caso di applicazione dello stesso procedimento per la riscossione delle sanzioni amministrative pecuniarie o dei contributi previdenziali, la correttezza del procedimento di formazione della pretesa esecutiva è assicurata mediante il rispetto di una sequenza di determinati atti, con le relative notifiche, allo scopo di rendere possibile un efficace esercizio del diritto di difesa del destinatario. E' evidente, allora, che l'omissione della notifica di un atto presupposto costituisce un vizio procedurale che comporta la nullità dell'atto consequenziale notificato.

Riscossione coattiva esattoriale - L'omissione della notifica di un atto presupposto è un vizio che comporta la nullità dell'atto consequenziale

Tale nullità può essere fatta valere mediante la scelta di impugnare solo l'atto consequenziale notificato (ad esempio, l'intimazione di pagamento) facendo valere il vizio derivante dall'omessa notifica dell'atto presupposto (ad esempio, la cartella esattoriale), o di impugnare cumulativamente anche quello presupposto, non notificato, facendo valere i vizi che inficiano quest'ultimo, eventualmente per contestare radicalmente la pretesa esecutiva.

Nel primo caso il giudice dovrà verificare solo la sussistenza o meno del difetto di notifica al fine di pronunciarsi sulla nullità dell'atto consequenziale, nel secondo la pronuncia dovrà riguardare l'esistenza, o no, di tale pretesa.

In base, dunque, al criterio generale di distinzione tra opposizione all'esecuzione ed opposizione agli atti esecutivi, valido anche quando venga opposta dinanzi al giudice ordinario una cartella esattoriale emessa da Equitalia per pretese diverse da quelle tributarie (riservate, queste ultime, alla giurisdizione delle Commissioni Tributarie), si avrà opposizione agli atti esecutivi quando cioè si farà valere l'omessa notifica dell'atto presupposto (la cartella esattoriale) allo scopo di ottenere l'annullamento dell'atto successivo (l'intimazione di pagamento), poiché si tratterà di vizio formale di quest'ultimo denunciabile ai sensi dell'articolo 617 codice procedura civile.

Si avrà, invece, opposizione all'esecuzione quando la deduzione della mancanza di notifica della cartella esattoriale è strumentale alla contestazione della pretesa esecutiva dell'ente impositore, della quale il destinatario assume di non essere previamente venuto a conoscenza proprio in conseguenza della mancata notifica della cartella esattoriale (che cumula in sé, nel procedimento di riscossione coattiva, le funzioni, che nel procedimento esecutivo ordinario, sono riservate alla notifica del titolo esecutivo e del precetto).

Questo è quanto statuito, fra l'altro, dai giudici di legittimità nella sentenza numero 10326 del 13 maggio 2014.

19 maggio 2014 · Ornella De Bellis


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riscossione coattiva esattoriale e pignoramento - Opposizione all'esecuzione e agli atti esecutivi
Nella riscossione coattiva esattoriale si può impugnare la cartella di pagamento, regolarmente notificata, al fine di contestare il diritto del creditore di procedere ad esecuzione forzata per vizi sostanziali. In pratica per: contestare la legittimità dell'iscrizione a ruolo del debito (omessa notifica dell'atto presupposto, cioè dell'avviso di addebito, del verbale ...
Differenza fra opposizione ad esecuzione ed opposizione agli atti esecutivi
Il criterio distintivo fra l'opposizione all'esecuzione (articolo 615 del codice di procedura civile) e l'opposizione agli atti esecutivi (articolo 617 del codice di procedura civile) si individua considerando che con l'opposizione all'esecuzione si contesta il diritto della parte istante di procedere ad esecuzione forzata per difetto originario o sopravvenuto del ...
Contributi previdenziali » giurisdizione competenza ed opposizione nelle procedure di riscossione coattiva
Le controversie inerenti il pagamento dei contributi degli esercenti la professione forense spettano alla giurisdizione del giudice ordinario ed alla competenza del giudice del lavoro, in quanto riguardano diritti ed obblighi che attengono ad un rapporto previdenziale obbligatorio e non ha carattere tributario. I giudici di legittimità hanno avuto modo ...
Competenza territoriale del Giudice in opposizione a cartella esattoriale originata da multa - luogo di notifica della cartella o di accertamento infrazione?
Trattandosi di giudizio di opposizione all'esecuzione, incardinato ex articolo 615 cod. proc. civ. con riferimento alla cartella esattoriale con la quale è stato richiesto il pagamento di somma con contestuale avvertenza, in caso di mancato pagamento nel termine assegnato, dell'inizio del procedimento esecutivo, deve ritenersi che la individuazione della competenza ...
Opposizione all'esecuzione esattoriale - natura del credito azionato, onere della prova e vizi di notifica della cartella
Il debitore sottoposto ad esecuzione, con l'opposizione all'esecuzione, può dedurre anche fatti che attengono all'esistenza del credito iscritto a ruolo ovvero all'identificazione del soggetto debitore risultante dal ruolo (cosiddetto merito della pretesa creditoria azionata in sede esecutiva), ma con le seguenti precisazioni: legittimato passivo è l'ente impositore, non l'Agente della ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su equitalia - opposizione agli atti esecutivi e all'esecuzione. Clicca qui.

Stai leggendo Equitalia - Opposizione agli atti esecutivi e all'esecuzione Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 19 maggio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 luglio 2017 Classificato nella categoria riscossione coattiva delle cartelle esattoriali Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca