Rischio pignoramento immobile in comunione dei beni

La donazione può tutelarci dal pignoramento?

Mio padre, pensionato, da tempo riceve cartelle esattoriali relative a debiti contratti nello svolgimento della sua attività commerciale/artigianale.

Ha una pensione bassa (non minima) e non è in grado di pagare. Mia mamma nel 1984 ha acquistato la casa ove abitano “convinta” di essere unica acquirente poichè poco tempo prima entrambi, avevano chiesto regime di separazione di beni davanti ad un notaio.

Nel tentativo di mettere al sicuro l’immobile, si recò da un notaio per una donazione a mio favore ed emerge che l’atto di regime patrimoniale di separazione dei miei genitori non è mai stato notificato al Comune; in breve, ad oggi risultano in comunione e quindi la casa potrebbe essere oggetto di pignoramento.

Vi chiedo a questo punto, se la donazione della casa, fatta da mio padre e mia madre OGGI, possa tutelarci dal pignoramento (mai richiesto; attualmente ripeto arrivano solo cartelle di pagamento)?

Cosa mi consigliate sia opportuno fare? Se anche il Comune annoti l’atto di 30 anni fa (regolarmente registrato al Tribunale), tale annotazione ha effetto retroattivo?

La donazione può essere contestabile dai creditori di mio padre?

Le donazioni sono sempre revocabili, se evidentemente finalizzate ad evitare ipoteca o pignoramento

Le donazioni sono sempre revocabili, se evidentemente finalizzate ad evitare ipoteche in seguito al mancato pagamento di quanto preteso dalla PA.

L’annotazione a margine dell’atto di matrimonio del regime adottato di separazione dei beni doveva essere chiesta da sua madre, sulla base della documentazione attestante l’avvenuta registrazione.

Dal 2 marzo 2012 (data di entrata in vigore del decreto legge numero 16/2012) l’Agente della riscossione può iscrivere la garanzia ipotecaria solo se

  1. l’importo complessivo del credito per cui si procede non è inferiore, complessivamente, a 20.000 euro;
  2. i beni, venduti all’asta, avrebbero valore non inferiore a 20.000 euro (5° comma dell’articolo 3 decreto legge 16/2012).

21 Settembre 2012 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento e comunione dei beni
Se siete sposati in regime di COMUNIONE LEGALE dei beni e ricevete un pignoramento (sia esecuzione ordinaria che esecuzione esattoriale - Equitalia) occorre distinguere vari casi:  il pignoramento è per l'intero immobile (1/1 dell'intera proprietà) ed il debito è stato contratto soltanto da uno dei due coniugi. Secondo l'orientamento prevalente nei tribunali questo pignoramento è corretto, ma il coniuge non debitore e non sottoposto ad esecuzione può intervenire in giudizio eccependo che il bene pignorato eccede il valore del 50% dell'intero patrimonio della comunione legale. In sostanza i creditori di un solo coniuge posso rivalersi solo sul 50% dell'intero patrimonio, ...

Pignoramento dei beni della comunione legale
Il regime patrimoniale legale della famiglia è la comunione dei beni. I due regimi alternativi cui i coniugi possono accedere con una convenzione contenente una esplicita manifestazione di volontà, sono la separazione dei beni ed il fondo patrimoniale. E' ammessa inoltre una cosiddetta comunione convenzionale, nella quale i coniugi decidono per un regime che convenzionalmente esclude alcuni aspetti della comunione pur adottandone sostanzialmente lo schema di funzionamento. La comunione legale tra i coniugi si differenzia notevolmente rispetto alla comunione ordinaria e la disciplina prevista per l'espropriazione di beni indivisi non può applicarsi in maniera automatica a tutte le ipotesi di ...

Comunione dei beni tra coniugi » limiti del pignoramento
In tema di pignoramento di immobili in regime di comunione legale, il coniuge non debitore ha diritto di intervenire nella procedura e chiedere la distribuzione del 50% del ricavato dalla vendita all'asta, ma non può opporsi al pignoramento dell'immobile nella sua interezza Gli immobili intestati ai coniugi in regime di comunione legale, possono essere oggetto di pignoramento da parte dei creditori (ivi compresa Equitalia), sia che il debito sia stato contratto da uno solo che da entrambi i coniugi. Il problema riguarda invece la quota pignorabile (ossia l'intero o il 50% dell'immobile). Bisogna quindi distinguere i due casi: debito contratto ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rischio pignoramento immobile in comunione dei beni. Clicca qui.

Stai leggendo Rischio pignoramento immobile in comunione dei beni Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 21 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Giugno 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)