Riscaldamento centrale in un condominio

Parte prima (Articoli 1117, 1120, 1121 del codice civile) - L'impianto centralizzato di riscaldamento è, a norma dell'articolo 1117 del codice civile, da ascrivere alla proprietà comune di un condominio fino al punto in cui le tubazioni si diramano nelle varie proprietà esclusive. Se non diversamente specificato, sono di proprietà comune anche la sala caldaia, le condutture principali, la cisterna, i termostati.

Salvo titolo contrario e qualora l'impianto risulti idoneo da apposita certificazione, ogni condomino non allacciato all'impianto di riscaldamento centrale può allacciarvisi in qualsiasi momento senza che gli altri condomini possano rivalersi su di lui per le spese di manutenzione sostenute. Invece l'impianto autonomo di riscaldamento è di proprietà esclusiva di ogni proprietario.

L'amministratore deve provvedere ad esporre presso ogni impianto un cartello nel quale va indicato il periodo (orario giornaliero) di riscaldamento e le generalità del gestore dell'impianto. L'amministratore è responsabile dell'osservanza delle norme per il risparmio energetico e deve adottare le misure necessarie. L'orario giornaliero di accensione, nell'ambito delle prescrizioni in vigore (attualmente in zona E non più 14 ore al giorno dal 15.10. al 15.4.) di norma viene deciso dall'assemblea condominiale, potrebbe però anche essere regolato dall'amministratore.

La legge (DPR 26.8.1993 numero 412) prevede nei vani degli appartamenti una temperatura massima di 20 gradi con una tolleranza di +/- 2 gradi. L'assemblea condominiale può deliberare una temperatura inferiore con la maggioranza di 500 millesimi di proprietà.

Opere effettuate da un condomino nelle parti di impianto di sua proprietà esclusiva (sostituzione degli elementi scaldanti o modifiche delle condutture) non devono in nessun caso provocare scompensi nel funzionamento dell'impianto centralizzato.

Se il limite di rumorosità dell'impianto centralizzato viene superato il condominio è chiamato a rispondere nei confronti dei singoli condomini e deve assumere i provvedimenti del caso.

Parte seconda (Articolo 1117 - 1120 - 1121 Cod. Civ.)

Ogni impianto di riscaldamento (potenza nominale superiore a 35 KW) deve essere munito di un libretto di centrale (vedi DPR 26.8.1993 numero 412) con le seguenti indicazioni:

  • il responsabile della sala caldaia;
  • il responsabile di progetto e la ditta installatrice;
  • il progetto di installazione di partenza e le modifiche apportate nel tempo;
  • le risultanze delle verifiche effettuate dal responsabile competente;
  • le certificazioni dei controlli effettuati dagli enti pubblici (comune o provincia);
  • gli interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione;

I lavori di adattamento prescritti per l'impianto di riscaldamento (norme antincendio - provvedimenti di risparmio energetico) non rientrano nella regolamentazione per innovazioni, la sostituzione della caldaia

La sostituzione del bruciatore per vetustà o guasto rientra di norma nella manutenzione straordinaria; il cambio da gasolio a gas può avvenire con deliberazione a maggioranza ai sensi degli interventi per migliorie e non necessariamente quale innovazione.

Spese di ordinaria gestione dell'impianto di riscaldamento sono:
corrente elettrica - gasolio o gas - spazzacamino - manutenzione dell'impianto, pulizia - compenso per la gestione della sala caldaia.

Interventi straordinari riguardano la sostituzione o la ricostruzione del camino; la sostituzione della caldaia, del bruciatore o del serbatoio; sostituzione delle pompe di circolazione.

La messa in funzione di un nuovo impianto di riscaldamento rappresenta una innovazione, con le maggioranze previste e cioè due terzi dei millesimi di proprietà e la metà dei condomini (vedi articolo 1120 e 1121 cod. civ.).

Le maggioranze assembleari previste:
viene considerata ricostruzione delle parti comuni dell'edificio (articolo 1128 cod. civ.).

  • divieto d'accesso alla sala caldaia: maggioranza semplice;
  • eliminazione o chiusura dell'impianto: unanimità;
  • installazione di contatori individuali nelle abitazioni private: maggioranza dei partecipanti e minimo 500 millesimi;
  • installazione di un impianto di decalcificazione: maggioranza dei partecipanti e almeno 500 millesimi;
  • modifica della temperatura di erogazione del servizio di riscaldamento: maggioranza dei partecipanti e almeno 500 millesimi;
  • modifica del criterio di ripartizione delle spese di esercizio e di manutenzione: in presenza di un regolamento contrattuale : unanimità ;con un regolamento approvato: maggioranza dei partecipanti e almeno 500 millesimi;
  • sostituzione della caldaia: maggioranza dei partecipanti e almeno 500 millesimi;
  • trasformazione dell'impianto per cambiamento di combustibile: maggioranza dei partecipanti e almeno 500 millesimi.

———-
Articolo 1128 Cod. Civ. - Perimento totale o parziale dell'edificio (estratto)
Nel caso di perimento di una parte minore, l'assemblea dei condomini delibera circa la ricostruzione delle parti comuni dell'edificio, e ciascuno è tenuto a concorrervi in proporzione dei suoi diritti sulle parti stesse.

2 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su riscaldamento centrale in un condominio. Clicca qui.

Stai leggendo Riscaldamento centrale in un condominio Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • michele 11 ottobre 2008 at 08:53

    MI SONO DISTACCATO DALL’IMPIANTO DI RISCALDAMENTO CENTRALINIZZATO ORA DOVRANNO CONVERTIRE L’IMPIANTO DA GASOLIO A GAS MI SI CHIEDE DI PARTECIPARE ALLE SPESE ANCHE A ME CHE MI SONO STACCATO E CORRETTO GRAZIE

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca