Risarcimento danni per sinistro con decesso » Morte reo e prescrizione

Risarcimento danni per sinistro con decesso » Morte del reo e prescrizione

La prescrizione del diritto al risarcimento danni decorre dalla dichiarazione giudiziale di improcedibilità.

Alla costituzione di parte civile nel processo penale deve essere riconosciuto l'effetto interruttivo e sospensivo permanente della prescrizione fino alla pronuncia della sentenza che dichiara l'estinzione del reato.

E ciò anche nel caso in cui il non doversi procedere è stabilito per la morte del reo nell'ambito del processo penale aperto contro il responsabile del sinistro stradale.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, a Sezioni unite, che con la sentenza 8348/13, pubblicata il 5 aprile, ha sancito che: La prescrizione del diritto al risarcimento del danno prodotto dalla circolazione dei veicoli derivante da illecito considerato dalla legge come reato, nell'ipotesi in cui il danneggiato si sia ritualmente costituito parte civile nel processo penale, deve ritenersi decorrente dalla data del passaggio in giudicato della sentenza dichiarativa dell'improcedibilità dell'azione per morte del reo e non da quella del decesso di detto danneggiante, dovendo infatti osservarsi che, analogamente a quanto avviene nell'ipotesi di estinzione del reato per amnistia, alla costituzione di parte civile nel processo penale debba riconoscersi l'effetto interruttivo-sospensivo permanente fino al passaggio in giudicato della sentenza che decide il processo in cui essa è stata spiegata, dal momento che anche nel caso in cui l'estinzione del reato dipenda dalla morte del reo, non si può escludere che il danneggiato sia, sì, nuovamente investito dell'onere di riattivarsi sul piano processuale entro il termine biennale, ma ciò solo dal momento in cui è divenuta irrevocabile la sentenza penale dichiarativa di quella estinzione, avendo egli, sino a quella data, l'indiscutibile diritto a riporre un legittimo affidamento sull'effetto conservativo dell'azione civile negli stessi termini utili per l'esercizio della pretesa punitiva dello Stato contro il responsabile e, perciò, su una diversa situazione che gli assicurava la salvaguardia del proprio diritto.

Finora, consolidata giurisprudenza, aveva ritenuto che il termine biennale per la prescrizione del diritto al risarcimento danni prodotto dal sinistro stradale cominciasse a decorrere dalla data della morte del danneggiante anche nell'ipotesi in cui il danneggiato si sia ritualmente costituito parte civile nel processo penale.

Il cambio di rotta, è stato necessario per garantire il diritto fondamentale all'accesso alla giustizia per la vittima del reato.

Risarcimento danni per sinistro con decesso » Morte del reo e prescrizione - Il fatto

La questione al centro della controversia in esame, vede la richiesta di risarcimento danni da parte degli eredi di una vittima di un incidente stradale, al conducente del veicolo responsabile del sinistro.

In seguito all'incidente fu instaurato un procedimento penale per omicidio colposo, dove gli eredi della vittima si costituirono parte civile.

L'imputato, però, morì durante il processo di appello e la Corte dichiarò estinto il giudizio.

La corte di merito aveva rigettato la domanda di risarcimento danni, ritenendo il diritto prescritto, in quanto gli eredi sarebbero stati tenuti ad interrompere la prescrizione in seguito al decesso dell'imputato.

In particolare, il giudice d'appello, aveva sostenuto che mentre fosse indubbio che la costituzione di parte civile nel processo penale fosse idonea a interrompere la prescrizione, tuttavia, lo stesso principio non fosse operante nell'ipotesi in cui il reato si estingua per morte del reo.

Ma i familiari della vittima del sinistro, non ci stanno e ricorrono in Cassazione.

Qui, gli eredi, lamentano che la Corte di Appello non ha tenuto presente che la costituzione di parte civile ha il potere di produrre l'interruzione della prescrizione.

Così, la Suprema Corte, accoglie il ricorso, osservando che nel caso avvenga morte dell'imputato, la prescrizione del diritto al risarcimento danni, ricominci a decorrere fin dalla data della morte del danneggiante, e non da quella del passaggio in giudicato della sentenza dichiarativa dell'improcedibilità dell'azione, anche nell'ipotesi in cui il danneggiato si sia ritualmente costituito parte civile nel processo penale.

Di conseguenza, ritiengono di estendere a tutte le cause di estinzione il regime interruttivo/sospensivo che il processo penale garantisce al danneggiato, anche in caso di morte del danneggiante.

17 aprile 2013 · Giuseppe Pennuto


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sinistro stradale e risarcimento danni da relazione » Si della Cassazione
Ha diritto al risarcimento danni da vita di relazione chi riporta nel sinistro stradale una grave invalidità: lo ha sancito la Corte di Cassazione con la pronuncia 19963/13. I giudici di piazza Cavour hanno stabilito che: Ha diritto a essere risarcito del danno alla vita di relazione chi riporta nell'incidente ...
Sinistro stradale: senza cinture di sicurezza niente risarcimento danni? » Non sempre
In un sinistro stradale, è impossibile negare il risarcimento dei danni all'infortunato solo perché non indossava le cinture di sicurezza. In tema di concorso del fatto colposo del danneggiato nella produzione dell'evento dannoso, infatti, a norma dell'articolo 1227, 1 comma, del codice civile, applicabile per l'espresso richiamo di cui all'articolo ...
Sinistro stradale con morte del conducente » Guida spericolata? Nessun risarcimento danni
Sinistro stradale a causa di velocità eccessiva e inadeguata al contesto: motociclista colpevole per il drammatico incidente. Non sussiste alcun risarcimento danni. Alla persona deceduta in un sinistro stradale, vista la cattiva condotta tenuta alla guida, è addebitabile l'incidente che gli è costato, purtroppo, la vita. Ciò rende inutile la ...
Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni ...
Sinistro stradale e risarcimento danni » Non si può sommare indennizzo dell'Inail a quello dell'assicurazione rc auto del danneggiante
In tema di sinistro stradale e risarcimento danni, non si può sommare l'indennizzo corrisposto dall'Inail a quello convenuto dalla compagnia assicurativa con la polizza rc auto. Qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato una rendita capitalizzata, le somme corrisposte dall'ente previdenziale devono essere detratte ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risarcimento danni per sinistro con decesso » morte reo e prescrizione. Clicca qui.

Stai leggendo Risarcimento danni per sinistro con decesso » Morte reo e prescrizione Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 17 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca