Risarcimento danni negato a passegero - Automobilista corretto

Sinistro stradale e risarcimento danni negato a passeggero per correttezza conducente

Mi chiamo Sara, scrivo da Roma e sono un'animalista convinta. Mi servirebbero alcune informazioni da voi.

Stamattina, mentre andavo al lavoro, su Metro, il giornale gratuito, ho letto di un uomo che, per evitare un cane, ha avuto un incidente stradale.

La ragazza, dalla parte del passeggero, avrebbe chiesto un risarcimento danni, negato per la correttezza dell'automobilista.

Non che io sia contenta del fatto che alla donna sia stato rifiutato il risarcimento, ma apprezzo particolarmente che i giudici abbiano riconosciuto all'uomo la buona condotta.

Comunque, vorrei saperne di più sull'accaduto, potete aiutarmi?

Nessun risarcimento a passeggero se danno causato da conducente che cerca di evitare sinistro

La notizia che ha letto è fondata: un uomo, infatti, ha frenato con forza per riuscire ad evitare l'impatto con un cane, apparso improvvisamente in strada.

Per fortuna l'animale si è salvato, ma a lamentarsi è il passeggero, una donna, per le ripercussioni subite a causa della inaspettata manovra.

Ma nessun risarcimento è riconoscibile: assolutamente corretto il comportamento dell'automobilista.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, che con la sentenza numero 6813 del 19 Marzo 2013, ha sancito che: In tema di sinistri derivanti dalla circolazione stradale, l'apprezzamento del giudice di merito relativo, tra l'altro, all'esclusione del rapporto di causalità tra i comportamenti dei singoli soggetti e l'evento dannoso, si concreta in un giudizio di mero fatto, che resta sottratto al sindacato di legittimità, qualora il ragionamento posto a base delle conclusioni sia caratterizzato da completezza, correttezza e coerenza sul piano logico-giuridico (nella specie, non è dovuto il risarcimento del danno al passeggero che per la frenata brusca del conducente per evitare di investire il cane riporta lesioni gravi: se sono state adottate tutte le misure idonee a evitare il sinistro non si configura nessun nesso casuale tra evento e il danno).

Risarcimento negato per correttezza conducente - Il fatto

A finire sotto accusa era stato il comportamento dell'automobilista, che, alla guida della propria vettura, con apprezzabile spirito animalista era riuscito ad evitare l'impatto con un cane che stava attraversando la strada.

Il gesto, di grande civiltà, però, non era stato apprezzato adeguatamente dalla passeggera che lo affiancava in automobile.

Più precisamente, la donna lamentava che l'uomo, per evitare, appunto, l'investimento dell'animale, aveva effettuato una brusca frenata e che a causa di quella manovra, lei, aveva riportato gravi lesioni.

Così, intenta una causa di risarcimento danni, diretta contro l'automobilista e la compagnia assicurativa.

Ma, prima il Giudice di pace e poi il Tribunale rigettano la domanda, ritenendo assolutamente corretto il comportamento alla guida tenuto dall'automobilista.

La donna decide allora di ricorrere in Cassazione.

Ma la visione dei giudici del tribunale, viene confermata anche, in ultima battuta, dagli Ermellini, i quali respingono le contestazioni della donna, secondo cui il conducente non aveva affatto provato di avere adottato tutte le misure idonee ad evitare il danno.

26 marzo 2013 · Stefano Iambrenghi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Sinistro stradale » Il risarcimento danni è ridotto se il passeggero è consapevole del rischio
Qualora il terzo trasportato, ovvero il passeggero, sia consapevole dell'alta velocità e, quindi, del pericolo a cui va incontro, il risarcimento danni da parte dell'assicurazione sarà ridotto. Una compagnia assicurativa ha la possibilità di ridurre il risarcimento danni da versare al terzo trasportato, in caso di un sinistro stradale, qualora ...
Strada pericolosa? » Se l'automobilista è imprudente non ha diritto al risarcimento danni
L'automobilista imprudente non ha il diritto al risarcimento danni. Il proprietario di una strada non è responsabile, ai sensi dell'articolo 2051 del codice civile, degli infortuni occorsi ai fruitori di quest’ultima. Ciò, quando sia provata l'elisione del nesso causale tra la cosa e l'evento, quale può aversi, in un contesto ...
Cancellazione volo e mancata assistenza a terra - Per il passeggero risarcimento minimo
Diversamente dal diritto del passeggero alla compensazione pecuniaria, l'obbligo di assistenza a terra in favore del passeggero, in caso di significativi ritardi o di cancellazione del volo, sussiste anche nel caso in cui il ritardo o la cancellazione siano dovuti ad eventi eccezionali non imputabili al vettore. La validità di ...
Sinistro stradale e risarcimento danni da relazione » Si della Cassazione
Ha diritto al risarcimento danni da vita di relazione chi riporta nel sinistro stradale una grave invalidità: lo ha sancito la Corte di Cassazione con la pronuncia 19963/13. I giudici di piazza Cavour hanno stabilito che: Ha diritto a essere risarcito del danno alla vita di relazione chi riporta nell'incidente ...
Risarcimento danni » Legittimo dopo acquisto auto con motore difettoso
Nel caso si acquisti un'autovettura con il motore difettoso è valido il risarcimento del danno e/o la risoluzione del contratto. Infatti, in caso di vendita di prodotti difettosi, il risarcimento comprende tutti i danni subiti dall'acquirente, anche quelli inerenti la mancata o parziale utilizzazione della cosa o il lucro cessante. ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su risarcimento danni negato a passegero - automobilista corretto. Clicca qui.

Stai leggendo Risarcimento danni negato a passegero - Automobilista corretto Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 26 marzo 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca