Quali batterie?

Indice dei contenuti dell'articolo



La corrente di una batteria costa fino a 1000 volte di più di quella della rete. Se si ha veramente bisogno di batterie, l’ideale è utilizzare degli accumulatori al nickel-matal idruri (NiMH), che si ricaricano fino a 1000 volte. Per gli apparecchi utilizzati occasionalmente (lampadina tascabile, radio) o che necessitano di pochissima energia (orologio, telecomando), le pile alcaline presentano migliori prestazioni delle carbone-zinco. Attenzione: tutte le batterie sono considerate rifiuti pericolosi, pertanto devono essere depositate negli appositi contenitori per il riciclaggio (negozi o centri di raccolta).

19 Agosto 2013 · Giovanni Napoletano

Indice dei contenuti dell'articolo


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quali batterie?. Clicca qui.

Stai leggendo Quali batterie? Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 19 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Ottobre 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - codice del consumo vizi della cosa venduta garanzie e recesso - consumismo responsabile Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • noiglob 5 Giugno 2009 at 15:21

    Forse ci possono essere alternative.
    Parliamone! :)
    Cristian :)