Ricorso ad ABF per finanziamento erogato con firma apocrifa

Per poter giungere a una decisione univoca e oggettiva in ordine alla al denunciato carattere apocrifo della sottoscrizione, sarebbe indispensabile poter effettuare perizie calligrafiche.

Tale eventualità esula tuttavia dalle competenze dell’ABF, in quanto, sulla base della normativa vigente, “la decisione sul ricorso è assunta sulla base della documentazione raccolta nell’ambito dell’istruttoria” (cfr. la deliberazione CICR del 29 luglio 2008 e le disposizioni regolamentari della Banca d’Italia).

È, quindi, onere del ricorrente fornire la prova della non autenticità di una sottoscrizione, eventualmente producendo i relativi documenti e un parere di un esperto calligrafo al riguardo. Da ciò discende l’applicazione del costante indirizzo della giurisprudenza ordinaria, per cui solo nel caso di difformità rilevabile ictu oculi (ossia immediatamente e senza margini di ambiguità) possa concludersi per il carattere apocrifo della sottoscrizione.

E’ questo l’orientamento espresso dall’organismo giudicante dell’Arbitro Bancario Finanziario nella decisione numero 5966 del 20 novembre 2013.

29 Marzo 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mutuo - diniego dopo istruttoria di durata eccessiva comporta almeno il rimborso della perizia
In tema di istruttoria per la concessione di un mutuo, la discrezionalità tecnica di cui la banca dispone nella gestione del credito non può ovviamente tradursi in arbitrarietà e deve perciò svolgersi all'interno del perimetro delineato dai doveri di correttezza e buona fede, il che rende certamente sindacabile, limitatamente a tale profilo, la condotta della banca nello svolgimento di tale attività. Anche se l'esito negativo dell'istruttoria comporta la decisione di non concedere al richiedente ulteriore credito ed è motivata dalla situazione di oggettiva difficoltà finanziaria in cui egli versa, ciò non toglie che la condotta della banca possa essere censurabile ...

Assegno tratto su conto corrente di una società - non basta la sola firma del rappresentante
Quando l'assegno è tratto su conto corrente intestato ad una società, il titolo deve contenere tutte le informazioni che consentano la chiara, certa ed univoca identificazione del soggetto giuridico titolare del conto corrente. In pratica, accanto alla firma o sigla del rappresentante, deve essere indicata la denominazione sociale, al fine di stabilire il collegamento tra chi sottoscrive e l'ente in nome e per conto del quale avviene la sottoscrizione. In mancanza, può essere legittimamente rifiutato il pagamento dell'assegno. Così ha ritenuto l'Arbitro Bancario Finanziario nella decisione numero 512 del 29 gennaio 2014. ...

Cambiale con firma apocrifa - Devo pagare lo stesso?
Cambiale con una mia firma falsa, cosa succede? Debbo pagare lo stesso?. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ricorso ad abf per finanziamento erogato con firma apocrifa. Clicca qui.

Stai leggendo Ricorso ad ABF per finanziamento erogato con firma apocrifa Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 29 Marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - frode creditizia e furto di identità Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)