invalidità civile » Domanda rigettata? Ecco i termini per il ricorso

Invalidità civile: quando si considera maturato il termine di decadenza per l’indennità di accompagnamento?

In tema di azione giudiziale per le prestazioni di invalidità civile, la normativa vigente; la cui efficacia è stata differita al 31 dicembre 2004, ha introdotto una decadenza prima inesistente, fissando il termine di sei mesi dalla data di comunicazione all’interessato del provvedimento emanato in sede amministrativa.

Di conseguenza il termine di decadenza si applica solo se il provvedimento amministrativo sia stato comunicato all’interessato dopo il 31 dicembre 2014.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 21700/14.

Richiesta di invalidità all’Inps rigettata? I termini per contattare un legale e fare ricorso sono veramente stretti.

Ciò perchè, dal 2004 esiste un nuovo termine di decadenza, prima inesistente, per chi intende far ricorso contro il rigetto della richiesta di assegno di invalidità civile e indennità di accompagnamento.

Nel nostro ordinamento giuridico, più dettagliatamente, viene chiarito che, in tema di azioni al giudice per le prestazioni di invalidità civile, è necessario iniziare la causa entro sei mesi dalla data di comunicazione del provvedimento di rigetto della pubblica amministrazione.

Praticamente, dal giorno del rigetto, l’interessato ha sei mesi per agire con il ricorso: scaduto il termine, la sua domanda verrà rigettata.

Con la pronuncia in esame, però, i giudici del Palazzaccio hanno spiegato che il citato termine di decadenza si applica solo se il provvedimento amministrativo di rigetto dell’istanza sia stato comunicato all’interessato dopo il 31 dicembre 2004.

Non si applica la decadenza, invece, nel caso in cui il provvedimento amministrativo sia stato comunicato all’interessato prima dell’entrata in vigore della nuova norma.

In parole povere, la norma non è retroattiva.

16 Ottobre 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: ,

Approfondimenti

Pensione di invalidità civile » Se la domanda è ancora in sospeso per ottenerla va conteggiato il reddito personale
Pensione di invalidità civile: conta il reddito personale o quello familiare? Pensione di invalidità civile: va conteggiato il reddito personale e non quello familiare, se la domanda è ancora in sospeso. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione, con sentenza 21807/14. Secondo quanto si apprende dalla pronuncia in esame, per ottenere la pensione di invalidità civile, il requisito del reddito richiesto dalla legge va determinato, di norma, conteggiando, insieme al reddito del richiedente, anche il reddito del nucleo familiare. Si considera, invece, solo il reddito personale del richiedente nel caso di domanda di pensione di inabilità civile per ...

Assegno di invalidità civile » Chi lavora non può beneficiarne
No all'assegno di invalidità civile se si lavora: il divieto scatta a prescindere dal quantitativo di reddito percepito. Lo svolgimento di attività lavorativa, infatti, preclude il diritto al beneficio, indipendentemente dalla misura del reddito ricavato. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Cassazione con sentenza 3517/14. Niente assegno di invalidità civile per chi lavora indipendentemente dal reddito Lo svolgimento di attività lavorativa impedisce, al cittadino, il diritto di ottenere il beneficio dell'assegno di invalidità, a prescindere dalla misura del reddito ricavato. L'articolo 13 della legge numero 118/1971, come recentemente modificato, difatti, afferma che agli invalidi civili, di età compresa fra il ...

Pensione ordinaria di invalidità e pensione di invalidità civile - Differenze
La pensione ordinaria di inabilità, prevista dell'articolo 2 della legge 222/1984, costituisce una prestazione di natura previdenziale, è collegata alla esistenza di un rapporto previdenziale, presuppone lo svolgimento di una pregressa attività lavorativa, ha come punto di riferimento la capacità lavorativa specifica dell'assicurato, è correlata alla impossibilità dello svolgimento in maniera non usurante della suddetta attività lavorativa o di altra confacente alle specifiche attitudini dei soggetto; e pertanto, coerentemente al ruolo suppletivo del sistema previdenziale, la presenza di una residua capacità lavorativa non è ostativa al riconoscimento della pensione ordinaria di inabilità allorché non sia comunque in grado di garantire ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su invalidità civile » domanda rigettata? ecco i termini per il ricorso. Clicca qui.

Stai leggendo invalidità civile » Domanda rigettata? Ecco i termini per il ricorso Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 16 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)