Riapertura dei termini per la definizione agevolata a saldo stralcio

Riapertura dei termini per la definizione agevolata a saldo stralcio

Il Decreto Legge 34/2019 (decreto Crescita), ha riaperto i termini per aderire alla Definizione agevolata 2018 a saldo stralcio, per i carichi esattoriali (cartelle esattoriali, avvisi di addebito INPS e avvisi di accertamento esecutivi) affidati all’Agente della riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.

Fino al giorno 31 luglio 2019, si potrà aderire scegliendo di pagare in unica soluzione (entro il 30 novembre 2019) oppure nel numero massimo di 5 rate consecutive scadenti il 30 novembre 2019 (35% del dovuto), il 31 marzo 2020 (20%), il 31 luglio 2020 (15%), il 31 marzo 2021 (15%), e il 31 luglio 2021(15%).

Possono aderire alla Definizione per estinzione dei debiti, cosiddetta a saldo e stralcio cartelle esattoriali, avvisi di addebito INPS e avvisi di accertamento esecutivi, affidati all’Agente della riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2017, le persone fisiche che versano in grave e comprovata situazione di difficoltà economica con carichi affidati all’Agente della riscossione derivanti esclusivamente dall’omesso versamento di imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali nonché dall’omesso versamento di contributi dovuti dagli iscritti alle Casse previdenziali professionali o alle Gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento.

Per quanto riguarda i requisiti necessari per dimostrare la sussistenza della grave e comprovata situazione di difficoltà economica, l’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non deve essere superiore a 20 mila euro oppure, indipendentemente dal valore ISEE deve essere già aperta, alla data di presentazione della dichiarazione di adesione, la procedura di liquidazione di cui alla legge 3/2012 sulla composizione delle crisi da sovraindebitamento.

Per presentare la domanda di definizione agevolata a saldo stralcio è possibile scaricare il modello qui.

A questo link si può richiedere il prospetto informativo dei carichi affidati ad Agenzia delle Entrate Riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 relativamente ad uno specifico codice fiscale.

I debiti esattoriali ammessi possono essere estinti senza corrispondere le sanzioni comprese in tali carichi, gli interessi di mora, ovvero le sanzioni e le somme aggiuntive per violazioni in materia di previdenza ed assistenza obbligatorie (articolo 35 legge 689/1981) versando:

  • il 16% dell’importo complessivamente dovuto, qualora l’ISEE del nucleo familiare risulti non superiore a euro 8.500;
  • il 20% dell’importo complessivamente dovuto, qualora l’ISEE del nucleo familiare risulti superiore a euro 8.500 e non superiore a euro 12.500;
  • il 35% per cento dell’importo complessivamente dovuto, qualora l’ISEE del nucleo familiare risulti superiore a euro 12.500, fino a 20 mila euro;
  • l’aggio spettante all’agente della riscossione (6% calcolato sulle somme versate a saldo stralcio) e il rimborso delle spese per le procedure esecutive e di notifica della cartella di pagamento.

I debitori per cui è stata aperta – alla data di presentazione dell’istanza di adesione alla definizione agevolata dei debiti esattoriali, tramite estinzione a saldo stralcio – la procedura di liquidazione del patrimonio ex articolo 14 quinquies della legge 3/2012 per la composizione delle crisi da sovraindebitamento, saranno chiamati versare solo il 10% dell’importo complessivamente dovuto (indipendentemente dal valore dell’indicatore della situazione economica equivalente – ISEE), oltre all’aggio spettante all’agente della riscossione (6% calcolato sulle somme versate a saldo stralcio) e il rimborso delle spese per le procedure esecutive e di notifica della cartella di pagamento.

6 Luglio 2019 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Definizione agevolata a saldo stralcio dei carichi esattoriali affidati all'agente della riscossione dal primo gennaio 2000 al 31 dicembre 2017 - La procedura prevista dopo la presentazione della domanda di adesione
Ho aderito alla definizione agevolata saldo e stralcio (domanda fatta nei termini previsti) ad oggi ancora non ho ricevuto nessuna comunicazione dall'ADER: nel mio estratto conto delle cartelle da saldare non risultano le cartelle che ho indicato nel saldo e stralcio. Visto che bisogna saldare entro il trenta novembre e mancano pochi giorni al 31 ottobre senza ricevere comunicazioni dall'ADER, devo fare qualche adempimento o sollecito? ...

Definizione agevolata delle cartelle esattoriali (ma anche di avvisi di addebito ed accertamenti immediatamente esecutivi) tramite pagamento a saldo stralcio
Requisiti per beneficiare della definizione agevolata dei debiti esattoriali tramite estinzione a saldo stralcio Possono fruire della definizione agevolata dei debiti esattoriali, tramite estinzione a saldo stralcio, i debitori che si trovano in una situazione di grave e comprovata situazione di difficoltà economica, attestata da un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare non superiore ad euro 20 mila. Indipendentemente dal valore dell'indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) del nucleo familiare, potranno fruire della definizione agevolata dei debiti esattoriali, tramite estinzione a saldo stralcio, anche i debitori per i quali è stata aperta, alla data di presentazione dell'istanza ...

Gli avvisi di accertamento per i crediti della Pubblica Amministrazione locale (compresi i verbali per violazione al Codice della Strada) divengono immediatamente esecutivi ai fini della riscossione coattiva dei debitori inadempienti se non opposti nei termini di legge » Dal primo gennaio 2020 vanno in soffitta l'ingiunzione fiscale e la cartella esattoriale per la riscossione delle entrate comunali
Gli atti relativi alle attività di riscossione degli enti delle Pubbliche Amministrazioni - nonché delle società di capitale partecipate dalla PA (a condizione che la società partecipata realizzi la parte più importante della propria attività con la PA che la controlla e che svolga la propria attività solo nell'ambito territoriale di pertinenza della PA che la controlla) ed in particolare dei Comuni - emessi a partire dal primo gennaio 2020, anche con riferimento ai rapporti pendenti alla stessa data, sono potenziate mediante le seguenti disposizioni: avviso di accertamento immediatamente esecutivo anche per gli enti della Pubblica Amministrazione - L'avviso di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su riapertura dei termini per la definizione agevolata a saldo stralcio. Clicca qui.

Stai leggendo Riapertura dei termini per la definizione agevolata a saldo stralcio Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 6 Luglio 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)