Revolving con interruzione di pagamento ed iscrizione in CAI

Indice dei contenuti dell'articolo


Carte revolving e pagamento interrotto - che succede?

Qualche mese fa ho interrotto i pagamenti di due carte di credito revolving i cui pagamenti si appoggiavano ad una banca che io non utilizzo più da tempo.

Oggi, è arrivata raccomandata da questa banca in cui mi si avvisa che la carta bancomat è stata sospesa e che devo riconsegnarla.

La mia domanda è questa.

La segnalazione a crif giunge anche all'altro istituto di credito che io utilizzo puntualmente, dove arrivano gli stipendi miei e di mio marito e dove, tra l'altro io ho aperto un fido di 1000 euro ed una carta di credito a me intestata?

Temo che mi revochino carta di credito e fido, è possibile? O non possono farlo non avendo dato questi estremi bancari alle finanziarie verso cui i sono debitrice? Spero di essermi spiegata sufficientemente.

Carte revolving e pagamento interrotto - Iscrizione in CAI

Per problematiche relative ad utilizzo irregolare delle carte di credito e bancomat si viene iscritti alla CAI (Centrale di Allarme Interbancaria).

Nella CAI, attraverso la segnalazione di banche e finanziarie (quelle che emettono carte di credito) confluiscono le generalita’ dei soggetti a cui sia stata revocata l'autorizzazione all'uso di carte di credito e di debito (bancomat) a causa di mancati pagamenti delle somme relative a prelievi o transazioni effettuati con le stesse. Questa iscrizione rimane per due anni ma non comporta lo scatto di alcun divieto. Il soggetto potrebbe ottenere quindi altre carte di pagamento, a discrezione dell'ente emittente.

Il suo caso è relativo invece ad una carta revolving.

A differenza delle carte di debito o di quelle di credito a saldo (il cui rimborso delle spese del mese in media avviene il 10-15 del mese successivo in un’unica soluzione) con le revolving si entra nel settore del credito al consumo.

E, mentre se si chiede un prestito la società a cui ci si rivolge vaglia ogni singola pratica, con la carta revolving viene concesso un plafond di spesa da utilizzare quando e come meglio si crede. Magari anche a mesi o anni di distanza dall'emissione della stessa, con la possibilità che nel frattempo le disponibilità economiche del titolare siano cambiate in peggio, al punto tale che attivare un rimborso rateale non sia opportuno.

In quanto strumento di credito al consumo, i mancati rimborsi relativi alle carte revolving vengono segnalati alla CRIF (Centrale Rischi Intermediazione Finanziaria).

Credo, per concludere, che il richiamo della carta bancomat sia stato solo la conseguenza naturale di un rapporto di conto corrente e di finanziamento revolving ormai evidentemente esaurito.

15 Gennaio 2013 · Ludmilla Karadzic


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Carta revolving
Per chi è gia familiare con l'uso delle carte di credito, la carta revolving (o carta di debito) puó rappresentare una semplice evoluzione. Solitamente, con la carta di credito (Visa, Mastercard, American Express e cosi via) tutti gli acquisti effettuati nell'arco di un mese sono addebitati in un'unica somma, il mese successivo. Gia questa è una forma di credito in quanto teoricamente si possono acquistare beni che vengono pagati il mese successivo. A parte i costi annuali della carta di credito, solitamente non vi sono altre spese per il cliente in quanto il credito non fa insorgere interessi passivi da ...

Carte revolving » il decalogo
La carta di credito revolving è uno strumento di pagamento alternativo al contante che permette di effettuare spese, nei limiti del fido accordato, rimborsabili ratealmente con l'addebito di interessi. La banca, una società finanziaria o un istituto di moneta elettronica mettono a disposizione del titolare una riserva di denaro (denominata fido o plafond), con cui poter effettuare acquisti di beni e servizi e/o prelevare contante. La restituzione delle somme utilizzate avviene in maniera rateale e posticipata rispetto al momento dell'acquisto o del prelevamento, attraverso rate di piccolo importo secondo modalità e tempi definiti al momento della stipula del contratto. Il ...

Carte revolving? » Un consiglio spassionato: evitatele!
Carte revolving: l'attuale crisi economica sta comportando un netto aumento dell'utilizzo di questa tipologia di carte di credito. Ma gli istituti di credito che concedono le carte revolving applicano interessi altissimi, spesso di poco inferiori al tasso soglia usura. E' bene sempre evitarne l'uso e conoscere lo strumento. Questo per non ritrovarsi, poi, a pagare un'infinità di piccole rate. In italia le famiglie continuano sempre più a coprirsi di debiti. Ciò anche a causa di forme di credito poco chiare e particolarmente costose, con tassi d'interesse vicini a quelli previsti, dalla Banca d'Italia, come usura. Purtroppo, dobbiamo dire, negli ultimi ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su revolving con interruzione di pagamento ed iscrizione in cai. Clicca qui.

Stai leggendo Revolving con interruzione di pagamento ed iscrizione in CAI Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 15 Gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte