Finanziamenti e carte revolving

Vada pure in banca a scambiare due chiacchiere fra amici con il direttore, ma la cosa importante è comunicare formalmente all'agenzia la sua disponibilità ad onorare i debiti attraverso una ristrutturazione degli stessi: una rata sostenibile in base alle reali possibilità di rientro attuali ed un unico piano di ammortamento, per tutti i debiti, dimensionato sulla rata di cui il debitore può farsi carico, senza essere costretto alla fame.

Le comunicazioni dovranno essere effettuate con raccomandata AR e dettagliate con gli eventi che hanno determinato l'insolvenza e con un prospetto che evidenzi le entrate e le uscite mensili.

Le chiacchiere con il direttore non potrà presentarle al giudice, laddove la banca dovesse rifiutare la ristrutturazione e procedere per decreto ingiuntivo, finalizzato al pignoramento dello stipendio, ad esempio.

Le raccomandate AR, invece, sì. Dimostrano la volontà del debitore di non volersi sottrarre agli obblighi assunti e la protervia del creditore che decide di non venire incontro a richieste di consolidamento ampiamente motivate.

13 novembre 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca