Revoca della patente - almeno due anni per conseguirne una nuova

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

In caso di revoca della patente, il termine minimo per conseguirla (oggi due anni) decorre da quando il provvedimento di revoca è diventato definitivo.

In materia di revoca della patente di guida, l'articolo 218, comma 3 bis, del Codice della Strada, prevede che l'interessato non può conseguire una nuova patente se non dopo che siano trascorsi almeno due anni dal momento in cui è divenuto definitivo il provvedimento con cui è disposta la revoca.

Gli uffici della motorizzazione hanno sollevato numerosi dubbi in ordine alle modalità per il conseguimento di un nuovo documento di guida, specie con riferimento all'individuazione del momento iniziale, da cui devono decorrere i due anni.

Sul punto, è intervenuto il Ministero dell'Interno, che ha fornito chiarimenti in merito con nota del 29 aprile 2009, numero 2079.

In particolare, dopo aver richiamato l'esclusività della cognizione del giudice ordinario nelle impugnative di cui trattasi, per quanto attiene alla decorrenza del termine da cui calcolare l'anno per il conseguimento del nuovo documento di guida il predetto Ministero è dell'avviso che "ove non sia stato presentato ricorso, la definitività del provvedimento si consegua a partire dal giorno successivo all'ultimo utile per l'impugnazione del provvedimento prefettizio, regolarmente notificato; in caso contrario dalla scadenza del termine per la presentazione dell'impugnazione contro la eventuale sentenza sfavorevole al ricorrente, qualora questi abbia fatto opposizione all'ordinanza prefettizia dinanzi al giudice ordinario".

Pertanto, in caso di revoca della patente di guida disposta dal Prefetto quale sanzione amministrativa accessoria, il termine da cui calcolare l'anno per il conseguimento del nuovo documento di guida decorre:

  • qualora non sia stato presentato ricorso: dal giorno successivo all'ultimo utile per l'impugnazione del provvedimento prefettizio regolarmente notificato;
  • qualora sia stata fatta opposizione all'ordinanza prefettizia dinanzi al giudice ordinario: dalla scadenza del termine per la presentazione dell'impugnazione contro la eventuale sentenza sfavorevole al ricorrente.

22 giugno 2013 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca