Revoca casa familiare al coniuge assegnatario e affidatario

Revoca casa familiare al coniuge assegnatario e affidatario

Se l’unico figlio ormai maggiorenne, sebbene non autosufficiente economicamente, si iscrive ad una sede universitaria al di fuori della città dove si trova la casa familiare (di proprietà del coniuge obbligato, ma assegnata all’ex coniuge affidatario della prole) ivi facendo rientro solo raramente, quando gli impegni universitari – caratterizzati dalla frequenza obbligatoria e da periodi di tirocinio – glielo consentono, è possibile ottenere la revoca dell’assegnazione?

Nella fattispecie, il figlio aveva consapevolmente reciso il legame con la casa familiare, intesa quale ambiente domestico necessario a garantire nella quotidianità quei riferimenti affettivi utili e di sostegno ad una crescita serena, costituendo in tal modo un autonomo habitat domestico distinto da quello originario, ormai disgregato (il ragazzo, peraltro, si era trasferita a casa della fidanzata).

Alla domanda hanno risposto i giudici della Corte di cassazione con l’ordinanza 16134/2019: la nozione di convivenza rilevante agli effetti dell’assegnazione della casa familiare richiede la stabile dimora del figlio presso l’abitazione di uno dei genitori, con eventuali, sporadici allontanamenti per brevi periodi, e con esclusione, quindi, della ipotesi di saltuario ritorno presso detta abitazione per i fine settimana, ipotesi nella quale si configura, invece, un rapporto di mera ospitalità.

Secondo la pronuncia in commento, il requisito della convivenza può sussistere anche in assenza di una quotidiana coabitazione: occorre, però, che il figlio, anche se costretto ad assentarsi con frequenza, per periodi non brevi, per motivi ad esempio di studio, faccia ritorno nell’abitazione del genitore ogniqualvolta gli impegni glielo consentano.

21 Agosto 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

E' possibile la revoca di assegnazione della casa familiare se il figlio affidato quando era minorenne, oggi maggiorenne ma studente, frequenta corsi universitari in altra città?
In seguito a separazione consensuale, mi è stata assegnata la casa familiare di proprietà del coniuge separato e l'affidamento del figlio avuto nel corso del matrimonio. Mio figlio, ora maggiorenne, ma non ancora economicamente autosufficiente, ha deciso di frequentare una facoltà universitaria fuori sede, molto lontana dalla casa in cui risiede con me. Ho paura che il mio ex marito chiede la revoca dell'assegnazione della casa familiare. Secondo voi, il motivo della frequenza del figlio ai corsi universitari in una città diversa da quella di residenza è sufficiente all'accoglimento alla revoca dell'assegnazione della casa? ...

Divisione della casa in comproprietà fra coniugi poi separati o divorziati - Il diritto di abitazione assegnato al coniuge affidatario dei figli minori non deve influire nella determinazione del conguaglio dovuto all'altro coniuge
L'assegnazione del godimento della casa familiare, in forza della legge sul divorzio, non può essere considerata in occasione della divisione dell'immobile in comproprietà tra i coniugi al fine di determinare il valore di mercato del bene qualora l'immobile venga attribuito al coniuge titolare del diritto al godimento stesso, atteso che tale diritto è attribuito nell'esclusivo interesse dei figli e non del coniuge affidatario e che, diversamente, si realizzerebbe un indebito arricchimento a suo favore, potendo egli, dopo la divisione, alienare il bene a terzi senza alcun vincolo e per il prezzo integrale. Nello stimare i beni per la formazione delle ...

Al coniuge separato superstite nessun diritto di abitazione nella casa del coniuge separato premorto se la convivenza fra coniugi era già cessata al momento del decesso
In caso di separazione personale dei coniugi e di cessazione della convivenza, l'impossibilità di individuare una casa adibita a residenza familiare fa venire meno il presupposto oggettivo richiesto ai fini dell'attribuzione di tale diritto. Se, infatti il diritto di abitazione (e il correlato diritto d'uso sui mobili) in favore del coniuge superstite può avere ad oggetto esclusivamente l'immobile concretamente utilizzato prima della morte del de cuius come residenza familiare, è evidente che l'applicabilità della norma in esame è condizionata all'effettiva esistenza, al momento dell'apertura della successione, di una casa adibita ad abitazione familiare; evenienza che non ricorre allorché, a seguito ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su revoca casa familiare al coniuge assegnatario e affidatario. Clicca qui.

Stai leggendo Revoca casa familiare al coniuge assegnatario e affidatario Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 21 Agosto 2019 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Settembre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)