Società in accomandita semplice (SAS) - Nessun beneficio di escussione per il socio accomandatario

Le sezioni unite della Corte di Cassazione, con la sentenza numero 18312 del 30 agosto 2007, hanno sancito che il socio accomandatario è illimitatamente e direttamente responsabile e va quindi considerato debitore al pari della società. In altre parole, non è previsto per il socio accomandatario il beneficio di escussione per cui il creditore, prima di aggredire i beni del socio accomandatario, debba procedere necessariamente nei confronti della società in accomandita.

8 settembre 2013 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca