Rescissione anticipata del contratto di credito al consumo con restituzione del bene - Vessatoria la clausola che obbliga il debitore a conferire mandato di vendita al meglio

Spesso nei contratti di finanziamento di credito al consumo finalizzati all'acquisto di un bene (in particolare per quel che attiene i veicoli) è prevista la possibilità di rescissione anticipata con contestuale obbligo per il debitore di mettere il bene a disposizione del creditore e di conferire a quest’ultimo mandato irrevocabile a venderlo al meglio, senza alcun obbligo di rendiconto. Il ricavato è riconosciuto a credito del cliente per l'estinzione del debito residuale.

Tale previsione, nella misura in cui non consente al debitore di conoscere in anticipo i criteri di effettuazione della valutazione, né gli consente alcun diritto di informazione sulle modalità di concreta determinazione del valore di vendita del bene oggetto di riconsegna, genera un indubbio squilibrio tra la posizione del cliente e quella del finanziatore che potrebbe essere ritenuto “significativo” rispetto a quanto normato dal Codice del consumo.

Siffatta clausola, infatti, è da ritenersi vessatoria poiché in contrasto con quanto previsto dal Codice del consumo a proposito di escludere o limitare l'opportunità da parte del consumatore della compensazione di un debito nei confronti del professionista con un credito vantato nei confronti di quest'ultimo.

La clausola, a parere degli Arbitri bancari finanziari è, pertanto nulla. Ne discende che la determinazione definitiva di quanto dovuto dal debitore al creditore potrà aversi solo previa stima del bene riconsegnato, da effettuarsi con modalità idonee a consentire, appunto, al debitore di conoscere preventivamente i criteri di valutazione e verificarne il loro effettivo rispetto.

Questo l'orientamento dell'Arbitro Bancario Finanziario come emerge dalla decisione numero 1644/15.

3 giugno 2015 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Estinzione anticipata del contratto di prestito - Vanno rimborsate al debitore anche le commissioni finanziarie e di intermediazione
Per quanto attiene i contratti di prestito stipulati nell'ambito del credito al consumo, il debitore può rimborsare anticipatamente in qualsiasi momento, in tutto o in parte, l'importo dovuto al creditore. In tal caso il debitore ha diritto a una riduzione del costo totale del credito, pari all'importo degli interessi e ...
Credito al consumo e inadempimento del venditore - Il consumatore ha diritto alla risoluzione del contratto di credito anche se non c'è rapporto di esclusiva fra creditore e fornitore del bene
La Corte di Giustizia, con la sentenza del 23 aprile 2009 (emessa nella causa C-509/07) ha stabilito che l'esistenza di una clausola di esclusiva tra fornitore del bene e finanziatore, non è presupposto necessario del diritto del consumatore di procedere contro il creditore in caso di inadempimento delle obbligazioni da ...
Cessione del quinto dello stipendio - Vessatoria la clausola intesa a vincolare l'intero TFR a garanzia del finanziamento e non solo l'importo relativo al debito residuo
La cessione del quinto dello stipendio o della pensione è una forma di credito ai consumatori non destinata in modo specifico all'acquisto di determinati beni o servizi. Il finanziamento può avere una durata massima di 120 mesi; il debitore si obbliga al rimborso del finanziamento attraverso la cessione volontaria al ...
Esclusiva per la concessione di credito al consumo ai clienti e inadempimento del fornitore
Nei contratti di credito collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi, l'inadempimento del ...
Credito al consumo – il contratto (sintesi)
Quando il consumatore decide di accedere al credito al consumo per l'acquisto di un bene o servizio, deve firmare un contratto specifico, oltre a quello d'acquisto (se previsto). È necessario, quindi, tenere presente che il contratto di acquisto e il contratto di finanziamento sono distinti. Il contratto di acquisto riguarda ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rescissione anticipata del contratto di credito al consumo con restituzione del bene - vessatoria la clausola che obbliga il debitore a conferire mandato di vendita al meglio. Clicca qui.

Stai leggendo Rescissione anticipata del contratto di credito al consumo con restituzione del bene - Vessatoria la clausola che obbliga il debitore a conferire mandato di vendita al meglio Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 3 giugno 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 23 luglio 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito e di garanzia Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca