Renato Brunetta, da mancato premio nobel a ministro "sciupa femmine"- Ma la Titti sarà gelosa?

brunettaCon le donne il nostro amato ministro Brunetta non si comporta certamente da fannullone ... «Le donne sono una delle cose più belle della vita. A me piacciono eleganti, intelligenti, non dominatrici e concorrenti, accetto la sfida alla pari. Credo nella passione, è sintesi tra emozioni, cuore e testa. Per imparare ad amare bene può volerci una vita. Così anche per il sesso. Difficile essere bravi… eh… con il tempo, forse. Ci si arriva o con l'intesa o con il sentimento, ma non sempre. Io non sono così ipocrita, il sesso ha anche una sua dimensione autonoma rispetto all'amore».

Così si racconta un Renato Brunetta insolitamente in vena di confidenze amatorie in un'intervista ad Antonella Boralevi , andato in onda mercoledì 8 luglio  su La7,  nel nuovo programma Capitani Coraggiosi, viaggio intorno alle inquietudini degli uomini d'oggi. «Sì, le donne mi corteggiano molto ora che sono ministro, ma anche prima», ammette il terrore dei pubblici fannulloni in formato hot. E spiega perché, tra le tante in studio, lo attira la fotografia di una coppia che balla il tango: «Mi piace la vicinanza, l'attrazione, l'incastro tra i corpi, il ritmo e l'eleganza: è un atto sessuale». Chiede la Boralevi: «Ma tutto questo ritmo, questa eleganza, ci sono nell'atto sessuale?». «Se si è bravi sì», risponde placido Brunetta.

Ammettendo che, col tempo, nella pratica, è migliorato di tanto anche lui: «Se penso a come ero io, mamma mia, imbranato come tutti, penso». L'intervistatrice gli chiede se sia mai scoppiato a piangere mentre era a letto con una donna. «No, ma penso che non sia disdicevole». Nel suo libro Diario di bordo il titolare della Funzione pubblica scrive che non si offenderebbe se qualcuno gli desse del «botolo ringhioso». Ma è un tenerone mentre racconta di quando ha conosciuto la fidanzata Titti: «In un vivaio tra piante e fiori, le ho detto buongiorno, lei prendeva delle piante e anche io cercavo delle piante, poi le abbiamo portate a casa mia». Ammette: «Sì, sono un uomo che si lascia abbracciare, mi arrendo alla mia donna, uno che sa dire ti amo. Mi vorrei sposare e vorrei un figlio. In astratto penso che sarei un padre palloso, insopportabile, ma forse con un bambino tuo poi diventi bravo».

Tratto da un articolo di Giovanna Cavalli pubblicato dal Corriere della Sera

Ah, mi sembra anche giusto ricordare oltre agli amori, anche gli impegni politico istituzionali dell'infaticabile ministro Brunetta. Lo vediamo (sic!) immortalato nella foto scattata insieme ad Obama ed al grandissimo Silvio Berlusconi, a margine di un importantissimo vertice internazionale.

BARACK OBAMA (sinistra) SILVIO BERLUSCONI (destra) RENATO BRUNETTA (al centro)
OBAMA (sinistra) BERLUSCONI (destra) BRUNETTA (al centro)

17 luglio 2009 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Link a ritroso

Stai leggendo Renato Brunetta, da mancato premio nobel a ministro "sciupa femmine"- Ma la Titti sarà gelosa? Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 17 luglio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • marta ferrandi 18 luglio 2009 at 13:12

    Il Ministro Brunetta corteggiato dalle donne

    E’ sicuramente un uomo diverso dal Ministro ‘anti-fannulloni’ che tutti conoscono, il Renato Brunetta che si confida in un’intervista piuttosto intima nel programma TV ‘Capitani Coraggiosi’. Si lascia andare a rivelazioni decisamente private e ammette con nonchalance i suoi limiti nell’ars amatoria, risultando alla fine dei conti un tenero romanticone che, a sua detta, ora è corteggiatissimo dal gentil sesso.

    “Le donne mi corteggiano molto ora che sono ministro, ma anche prima” dichiara compiaciuto Renato Brunetta “sono una delle cose più belle della vita. A me piacciono eleganti, intelligenti, non dominatrici e concorrenti, accetto la sfida alla pari. Credo nella passione, è sintesi tra emozioni, cuore e testa. Per imparare ad amare bene può volerci una vita. Così anche per il sesso. Difficile essere bravi… eh… con il tempo, forse. Ci si arriva o con l’intesa o con il sentimento, ma non sempre. Io non sono così ipocrita, il sesso ha anche una sua dimensione autonoma rispetto all’amore”.

    “Se penso a come ero io, mamma mia, imbranato come tutti, penso” ammette poi il Ministro, per nulla imbarazzato quando la giornalista inizia a fare domande più personali. Anzi, Brunetta lascia scoprire senza alcun pudore il lato più romantico di sè e conclude svelando persino i suoi sogni per il futuro “Sì, sono un uomo che si lascia abbracciare, mi arrendo alla mia donna, uno che sa dire ti amo. Mi vorrei sposare e vorrei un figlio. In astratto penso che sarei un padre palloso, insopportabile, ma forse con un bambino tuo poi diventi bravo”.

  • marco atzeri 18 luglio 2009 at 13:09

    Le confessioni di Brunetta: «Ora che sono ministro le donne mi corteggiano»

    «Il sesso? Difficile essere bravi, io ero un imbranato»

    Un’intervista sui generis, di quelle che non portano alla luce il politico ma l’uomo, le sue esperienze personali, le sue più intime confessioni. È quella che il ministro Renato Brunetta ha rilasciato ad Antonella Boralevi e che che andrà in onda mercoledì alle 23.30 su La7, nel programma Capitani Coraggiosi, viaggio intorno alle inquietudini degli uomini d’oggi. Le anticipazioni sulle dichiarazioni di Brunetta sono state pubblicate da Corriere.it.

    Inusuale, inaspettato, insolitamente “docile”, il ministro della Funzione pubblica, terrore degli impiegati, flagello dei fannulloni, racconta il suo rapporto con le donne, con il sesso, il suo primo incontro con la fidanzata Titti, della quale, per altro, ha sempre parlato molto poco.

    «Mi piacciono le donne eleganti e intelligenti». Brunetta parla di sensualità e del suo ideale di compagna: «Le donne sono una delle cose più belle della vita. A me piacciono eleganti, intelligenti, non dominatrici e concorrenti, accetto la sfida alla pari. Credo nella passione, è sintesi tra emozioni, cuore e testa. Per imparare ad amare bene può volerci una vita».

    «Sesso? Difficile essere bravi…io ero un imbranato». Già queste poche frasi bastano a far spalancare gli occhi di fronte a un irriconoscibile Brunetta che prosegue addentrandosi nelle tematiche dell’eros e del sesso: «Così anche per il sesso. Difficile essere bravi… eh… con il tempo, forse. Ci si arriva o con l’intesa o con il sentimento, ma non sempre. Io non sono così ipocrita, il sesso ha anche una sua dimensione autonoma rispetto all’amore». L’atto sessuale, secondo il ministro, deve essere come una danza, come un tango: «Mi piace la vicinanza, l’attrazione, l’incastro tra i corpi, il ritmo e l’eleganza: è un atto sessuale». Ma, ammette, occorre esperienza e pratica per riuscire a raggiungere certi livelli, insomma, bisogna «essere bravi». Un’esperienza che, ricorda, non aveva da ragazzo: «Se penso a come ero io, mamma mia, imbranato come tutti, penso».

    «Da quando sono ministro le donne mi corteggiano». Poi il colpo di scena, il coup de théâtre, Brunetta si svela latin lover: «Le donne mi corteggiano molto ora che sono ministro, ma anche prima». Sarà il fascino del potere, senza nulla togliere all’uomo che comunque mette le mani avanti per fugare ogni pensiero ammiccante e racconta del suo primo incontro con la fidanzata Titti: «In un vivaio tra piante e fiori, le ho detto buongiorno, lei prendeva delle piante e anche io cercavo delle piante, poi le abbiamo portate a casa mia».

    In futuro? «Vorrei un figlio ma sarei un papà palloso». Conclude la sua intervista, Brunetta, con un’immagine tenera, quella di un uomo che si abbandona alla donna, di un u omo che progetta una famiglia:«Sì, sono un uomo che si lascia abbracciare, mi arrendo alla mia donna, uno che sa dire ti amo. Mi vorrei sposare e vorrei un figlio. In astratto penso che sarei un padre palloso, insopportabile, ma forse con un bambino tuo poi diventi bravo».




Cerca