Interessi per ritardato rimborso delle imposte versate in eccedenza

Gli interessi dovuti per il ritardo nel rimborso delle imposte dirette (IRPEF, IRAP, IRES), ai sensi dell’articolo 44 del Decreto del Presidente della Repubblica 602/1973, a differenza degli ordinari interessi che, in quanto frutti civili, si acquistano di giorno in giorno, maturano, per ogni semestre intero, escluso il primo, con decorrenza dalla data del versamento e fino a quella dell’ordinativo di pagamento.

La norma citata, infatti, richiama esplicitamente l’articolo 38, comma 5, sempre del dpr 602/1973, con la conseguenza che e’ applicabile, ai versamenti diretti, la disciplina dei rimborsi semestrali.

Da ciò discende che gli interessi per ritardato rimborso di imposte pagate decorrono, non dalla data della domanda, ma dal secondo semestre successivo alla data del versamento.

In sostanza, nel prevedere il tasso di interesse (modificato di volta in volta da successivi e periodici decreti ministeriali), sulla restituzione di somme versate, a titolo di imposte dirette, in eccedenza a quanto effettivamente dovuto per il periodo in considerazione, il legislatore ha stabilito che il contribuente ha diritto alla corresponsione di tale interesse per ognuno dei semestri interi, escluso il primo ricompresi tra la data del versamento e quella dell’ordinativo con il quale venga, in concreto, effettuata la restituzione della maggiore imposta versata.

Peraltro, il riferimento letterale della norma vigente ai semestri interi, lascia fondatamente ritenere che il diritto in questione maturi al compimento di ogni singolo semestre, escluso il primo, ed al tasso vigente a tale momento. In altri termini, il tasso legale al quale occorre fare riferimento per la liquidazione degli interessi sulla restituzione della maggiore imposta pagata, è quello vigente,in forza dei decreti ministeriali emessi in materia, al momento in cui viene a scadenza ciascun singolo semestre, poiché è solo in tale momento che il diritto alla percezione di detti interessi viene a maturare a favore del contribuente.

Così hanno stabilito i giudici della Corte di cassazione con la sentenza 25684/2016.

11 Gennaio 2017 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Termine di decadenza del rimborso per il versamento di imposte non dovute quando il diritto alla restituzione sorge in epoca successiva al pagamento
Nel caso di errore materiale, duplicazione ed inesistenza totale o parziale dell'obbligo, il soggetto che ha effettuato il versamento di imposte sul reddito può presentare istanza di rimborso, entro il termine di decadenza di quarantotto mesi (due anni) dalla data del versamento stesso. Ove il diritto alla restituzione sia sorto solo in epoca successiva al pagamento, l'istanza di rimborso può essere presentata entro due anni dal giorno in cui si è verificato il presupposto per la restituzione. Questo il principio sancito dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 10990/16. ...

Rimborso delle imposte indebitamente versate - Il termine di decadenza per la presentazione dell'istanza è di quarantotto mesi dalla data del versamento
In tema di rimborso delle imposte, il termine di decadenza previsto dalla legge (articolo 38 dpr 602/73) ha portata generale, riferendosi a qualsiasi ipotesi di indebito correlato all'adempimento dell'obbligazione tributaria, qualunque sia la ragione per cui il versamento è in tutto o in parte non dovuto, e quindi ad errori tanto connessi ai versamenti. Per la restituzione dei tributi indebitamente versati non si applica il termine ordinario decennale di prescrizione bensì il termine di decadenza di quarantotto mesi dalla data del versamento Questo il principio ribadito dai giudici della Corte di cassazione con la sentenza 20668/15. ...

Ritardato pagamento delle multe - Dovuto un interesse del 10% per ogni semestre fino all'affidamento al concessionario per la riscossione forzata
In tema di sanzioni amministrative per violazione al Codice della strada, decorso inutilmente il termine fissato per il pagamento, l'autorità che ha emesso l'ordinanza ingiunzione procede alla riscossione delle somme dovute in base alle norme previste per la esazione delle imposte dirette, trasmettendo il ruolo all'esattore per la riscossione in unica soluzione. La somma dovuta è maggiorata di un decimo per ogni semestre a decorrere da quello in cui la sanzione è divenuta esigibile e fino a quello in cui il ruolo è trasmesso all'esattore (data di esecutività del ruolo). La maggiorazione assorbe gli interessi eventualmente previsti dalle disposizioni vigenti. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su interessi per ritardato rimborso delle imposte versate in eccedenza. Clicca qui.

Stai leggendo Interessi per ritardato rimborso delle imposte versate in eccedenza Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 11 Gennaio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria fisco - altre imposte ed argomenti di carattere generale Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Antonio Fraudatario 30 Marzo 2018 at 10:07

    De cuius mancata il 13/11/15 –
    Mod UNICO presentato dall’erede nel 2016 in tempo utile con credito di € 740,00 –
    rimborso all’erede effettuato il 20/12/2017 di 740.00 privo d’interessi –
    Questo malgrado che nella stampa di riepilogo rilasciato dall’Agenzia delle Entrate: “ISTANZA DI RIMBORSO CON DETTAGLIO DI PAGAMENTO”, risulta la voce “decorrenza interessi”: 30/09/2016.-
    Ho motivo di lagnanza e quindi chiedere mi venga liquidata la somma relativa agli interessi?
    Grazie a chi vorrà darmi una esaustiva risposta

    • Annapaola Ferri 30 Marzo 2018 at 11:30

      Ha senz’altro motivo di lagnanza.

      Capitale: € 740,00
      Data Iniziale: 30/09/2016
      Data Finale: 20/12/2017
      Interessi: Nessuna capitalizzazione (no anatocismo)
      dal 30/09/2016 al 31/12/2016 € 740,00 al tasso legale di 0,20% per giorni 92 € 0,37
      dal 01/01/2017 al 20/12/2017 € 740,00 al tasso legale di 0,10% per giorni 354 € 0,72
      Totale colonna giorni: 446
      Totale interessi legali: € 1,09
      Capitale comprensivi di interessi legali: € 741,09

      Quindi dovrebbe chiedere 1,09 euro. Può procedere con un ricorso amministrativo (in autotutela) all’Agenzia delle Entrate.