Contanti, assegni e libretti - 10 consigli per evitare sanzioni


Le norme sull’uso di contanti, assegni, conti e libretti di risparmio o deposito, nate per contrastare il fenomeno del riciclaggio e il finanziamento del terrorismo, sono state recentemente aggiornate.

Contanti

È vietato il trasferimento tra privati di denaro contante e titoli al portatore di importo complessivamente pari o superiore a 3 mila euro se non ci si avvale di soggetti autorizzati (come le banche). Il divieto si applica anche ai trasferimenti frazionati (come più assegni al portatore, anche se ciascuno è di importo inferiore a mille euro).

Assegni

Gli assegni bancari, circolari o postali di importo pari o superiore a 1.000 euro devono sempre riportare (oltre data e luogo di emissione, importo e firma) l’indicazione del beneficiario e la clausola ‘non trasferibile’. La dicitura ‘non trasferibile’ è presente da anni sugli assegni che ti consegna la tua banca. Se hai necessità di utilizzare assegni in forma libera (cioè senza la dicitura ‘non trasferibile’) per importi inferiori a mille euro, puoi farne richiesta alla tua banca. Per ciascun assegno rilasciato o emesso in forma libera è previsto il pagamento a tuo carico di un’imposta di bollo di 1,50 euro che la banca versa allo Stato. Se possiedi ancora un vecchio libretto di assegni, verifica che questi assegni contengano la dicitura ‘non trasferibile’ e, se non è presente, ricorda di apporla per importi pari o superiori a mille euro.

Conti e libretti di risparmio e deposito

Sono vietate l’apertura in forma anonima e l’intestazione fittizia di conti o libretti di risparmio (così come il loro utilizzo se aperti in uno Stato estero). I libretti di deposito (bancari o postali) possono essere solo nominativi. Se ancora possiedi libretti al portatore, hai tempo fino al 31 dicembre 2018 per estinguerli. Trasferirli è vietato.

Sanzioni

– da 3 mila a 50 mila euro per violazioni della soglia di contanti e assegni (come la mancata indicazione della clausola ‘Non trasferibile’)

– da 250 a 500 euro per il trasferimento di libretti al portatore e per la mancata estinzione entro il 31 dicembre 2018

– dal 10% al 40% del saldo per l’utilizzo di conti o libretti anonimi o con intestazione fittizia

1 Marzo 2018 · Simonetta Folliero



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contanti, assegni e libretti - 10 consigli per evitare sanzioni. Clicca qui.

Stai leggendo Contanti, assegni e libretti - 10 consigli per evitare sanzioni Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 1 Marzo 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 14 Ottobre 2020 Classificato nella categoria Article schema org Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)