Regione Lombardia – Istruzioni per la richiesta di informazioni sul Bonus Famiglia e schema di domanda per l’erogazione

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Il Bonus Famiglia è un contributo che Regione Lombardia eroga alle famiglie con tre o più figli per sostenere l’impegno di cura.

Beneficiari del Buono Famiglia sono le famiglie che possiedono i seguenti requisiti:

  1. presenza di almeno tre figli minorenni, compresi i minori in affido familiare, di cui almeno uno in età 0-6 anni;
  2. famiglie come definite dalla Carta Costituzionale, dallo Statuto di Regione Lombardia e dalla l.r. 23/99 “Politiche regionali per la famiglia” (il Buono Famiglia può essere richiesto anche nel caso di un solo genitore purché convivente con i figli);
  3. il genitore richiedente e tutti i figli devono essere residenti in Lombardia;
  4. il genitore richiedente deve essere:
    • cittadino italiano o comunitario iscritto in anagrafe;
    • cittadino straniero con carta di soggiorno o permesso di soggiorno CE di lungo periodo.

Le famiglie non possono presentare la domanda nel caso in cui:

  1. il figlio di 6 anni compia 7 anni nell’anno solare 2009;
  2. uno dei figli compia 18 anni nell’anno solare 2009.

Il riferimento di reddito per accedere al Buono Famiglia è individuato attraverso un indicatore della situazione di reddito (ISR) che non deve essere superiore a € 10.000

Dal 16 febbraio al 13 marzo 2009 le famiglie possono presentare la domanda presso:

  • gli sportelli territoriali attivati a livello distrettuale nelle ASL;
  • i Consultori Familiari pubblici e privati.

A partire dal 16 marzo 2009, tramite le ASL, verrà inviata alle famiglie beneficiarie la comunicazione relativa all’avvenuta assegnazione del contributo direttamente su Conto Corrente o Vaglia Postale.

Per informazioni:

  • Call Center Regionale numero 840.00.00.01
  • Asl Mantova Tel. 800 384384; 0376.334570
  • Asl Lodi Tel.0371 5872647
  • Asl Lecco Tel. 0341- 482290/482502
  • Asl Cremona Tel. 0372 497.215
  • Asl Como, tel. 031/370209
  • Asl Varese tel. 0332 277500
  • Asl Valle Camonica Sebino tel. 0364/329338
  • Asl provincia Sondrio 0342 – 555.735
  • Asl Pavia Tel. 0382 431321
  • Asl Brescia 030.3839742
  • Asl Bergamo 800.447722
  • Asl provincia Milano 3 (Monza  e Brianza) 039. 2384274
  • Asl provincia Milano 2 telefono:848.800.507
  • Asl provincia Milano 1tel. 02 97.973.823

Asl Milano:

  • Distretto 1    Tel 02/8578.8100
  • Distretto 2    Tel 02/8578.8200
  • Distretto 3    Tel 02/8578.8300
  • Distretto 4    Tel 02/8578.8400
  • Distretto 5    Tel 02/8578.8500

7 Marzo 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contributo affitto emergenza abitativa 2020 da Regione Lombardia
Sono un inquilino in affitto in quel di Milano: ho letto che la Regione Lombardia ha stanziato fondi per aiutare a pagare il canone di locazione agli inquilini che potrebbero trovarsi in difficoltà. A chi mi posso rivolgere? Al Comune di Milano o alla Regione direttamente? ...

Bonus bebè al via dopo disposizioni Inps » Le istruzioni per la presentazione della domanda al fine di ottenere il beneficio
Grazie alla pubblicazione, l'8 Maggio 2015, delle disposizioni Inps, sono state rese pubbliche le istruzioni per la presentazione della domanda alla fine di ottenere il beneficio del bonus bebè 2015. Come noto, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 febbraio 2015, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 83 del 10 aprile 2015, sono state introdotte le disposizioni sull'assegno del bonus bebè, diretto ad incentivare la natalità e contribuire alle spese per il suo sostegno. L'INPS, infatti, con la circolare 93 dell'8 maggio 2015 ha fornito le prime istruzioni sui requisiti e sulla presentazione della domanda. In particolare, nella circolare si ...

Regione Lombardia - La scatola nera che consente la circolazione anche ai veicoli inquinanti euro zero benzina ed euro zero, uno, due e tre diesel
Posseggo un veicolo diesel Euro 3, considerato inquinante che a Milano consente di circolare da lunedì a venerdì, solo dalle 19 e 30 alle 7 e 30 del mattino successivo. Ho sentito parlare di una scatola nera che, se installata sul veicolo, mi permetterebbe di circolare in qualsiasi ora del giorno. Ma quanto costa? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su regione lombardia – istruzioni per la richiesta di informazioni sul bonus famiglia e schema di domanda per l’erogazione. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • marcy 12 Settembre 2009 at 16:32

    ha volevo solo dare un consiglio mentre ero in fila si sentiva dei strnieri che facevano venire le mogli con figli nati al estero per ceercare di truffare per averlo chiedo a chi controlla di stare molto attento perche per colpa dei truffatori ci rimettiamo sempre noi quelli che vivono con 10 euro ultimi dieci giorni del mese e devi mangiare 4 figli e tu eviti fi che non c’e la fai piu .

  • marcella 12 Settembre 2009 at 16:22

    io l’ho ricevuto a giugno la prima rata spero che la regione lombardia informi le persone come me sole con 4 figli da crescere quando ci sono questi bandi io per caso il centro aiuto alla vita mi a informato il giorno prima neanche l’assistente sociale ne sapeva niente fortuna del caso grazie di avermi aiutato

  • 74ele74 13 Luglio 2009 at 14:08

    ad oggi 13/07/2009 non ho avuto nessuna risposta del bonus famiglia

  • giorgio stanca 21 Maggio 2009 at 11:34

    Il piano anti-crisi della regione Lombardia prevede un bonus per famiglie con non meno di tre figli, uno dei quali deve essere al di sotto dei 6 anni. Per ottenere il bonus è necessario rivolgersi alla propria ASL di competenza e compilare una serie di moduli. Sono state selezionate circa 15.400 famiglie in tutta la Lombardia. Il presidente Roberto Formigoni, in una breve cerimonia simbolica, a palazzo Pirelli, ha consegnato a una ventina di famiglie il primo assegno. Il bonus prevede tre rate quadrimestrali di 500 euro l’una.

  • weblog admin 20 Maggio 2009 at 20:32

    LOMBARDIA/BONUS FAMIGLIA: AL VIA EROGAZIONE 15 MILA ASSEGNI

    Famiglie italiane e straniere che hanno da tre a otto figli, alcuni piccoli, altri piccolissimi, altri, due per la precisione, che devono ancora nascere. Sono i 20 rappresentanti delle 15.333 famiglie, circa meta’ italiane e meta’ straniere, (7.739 italiane, 7.594 straniere) beneficiarie del ”Buono famiglia”, erogato a partire da oggi ai nuclei a basso reddito con almeno tre figli residenti in Lombardia. In realta’ tutto era pronto un mese fa, ma i ricorsi pendenti al Tar hanno provocato un mese circa di ritardo. Al grattacielo Pirelli il presidente di Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e l’assessore alla Famiglia e Solidarieta’ sociale, Giulio Boscagli, oggi hanno infatti consegnato la prima tranche di 500 euro dei 1.500 euro annui.

    ”Abbiamo voluto portare i bambini e le loro famiglie in questo luogo di lavoro – ha detto Formigoni – per ringraziare direttamente le famiglie di avere messo al mondo questi figli. La nascita di un figlio e’ un gesto di grande responsabilita’ e apre una nuova speranza per tutti”. Per il governatore lombardo, ”si tratta di una misura straordinaria per aiutare i nuclei famigliari che vivono in Lombardia ad affrontare una situazione economica che si prospetta piu’ difficile di quella degli anni passati, un momento nel quale si sta diffondendo sempre di piu’ una situazione di impoverimento generale”. Le domande per il ”Buono Famiglia” sono state presentate presso le Asl a partire dal 16 febbraio fino al 15 marzo. Ora e’ stato completato l’esame delle richieste: per soddisfarle tutte la Regione ha integrato lo stanziamento iniziale di 20 milioni con ulteriori 3 milioni. Le famiglie aventi diritto hanno un Indicatore della Situazione Reddituale, riferito ai redditi percepiti da tutti i componenti della famiglia nel 2007 (dichiarazione 2008), non superiore a 10 mila euro. Il calcolo dell’Isr e’ fatto tenendo conto di piu’ elementi: il numero dei componenti della famiglia; il reddito complessivo, eventualmente ridotto del canone annuale di locazione dell’abitazione di residenza, e altre caratteristiche (la presenza di persone con handicap o invalidita’, famiglie con un solo genitore o con entrambi genitori che lavorano). In base a questi parametri 10.000 euro ISR corrispondono, per esempio, a un reddito annuale di 28.500 euro per una genitore solo con tre figli o per una coppia, sempre con tre figli, ma nella quale solo uno dei genitori lavora; oppure ai 37.500 euro di una famiglia con 4 figli nella quale entrambi i genitori lavorano, e cosi’ via.