Regione Lazio - un sito per il microcredito al servizio di chi è in difficoltà

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

Più facile, nel Lazio, l'accesso al credito per i soggetti non bancabili

"Non serve regalare pesce, bisogna insegnare a pescare” - così sostiene Muhammad Yunus - professore di economia del Bangladesh inventore del Microcredito e, per questo,insignito del Premio Nobel per la pace nell'anno 2006, dopo che l'Onu aveva formalmente riconosciuto l'anno 2005 ,come l'Anno Internazionale del Microcredito.

E' necessario che le persone mettendo a frutto gli insegnamenti ricevuti o, comunque sfruttando le capacità di cui sono in possesso, lavorino al fine di produrre il reddito necessario al proprio sostentamento con continuità.

Sempre Yunus sostiene: "I poveri sono imprenditori nati perchè dall'esito delle loro attività economiche dipende la loro vita"

Tuttavia può accadere che la capacità di reddito a disposizione, in alcuni periodi particolari, non sia sufficiente per fare fronte alle spese necessarie per sè o per la propria famiglia.

Inoltre alcune particolari categorie di persone, per i motivi più disparati (es: reddito troppo basso, superamento dei limiti d'età, procedimenti penali a carico, sofferenze bancarie, protesti, ecc.) sono escluse dal circuito del credito bancario divenendo perciò soggetti non bancabili.

Pertanto, per aiutare le persone che si trovano temporaneamente in difficoltà e che sono escluse dal credito ordinario, la Regione Lazio, con la L.R. 10/06, aveva già istituito un Fondo (ormai esaurito) per il microcredito, concedendo loro piccoli prestiti.

Concedere credito alle persone vuol dire dare loro fiducia, non deve concretizzarsi in una pura transazione finanziaria, ma piuttosto arrivare a diventare un vero e proprio diritto ed, in quanto tale, spettante a tutti coloro che ne hanno realmente bisogno.

Affinché tutto ciò sia realizzabile, è condizione fondamentale del microcredito che il beneficiario senta il dovere di restituire il prestito ottenuto, come impegno sociale, morale e legale.

23 luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca