Indice del post reddito minimo garantito » parte la sperimentazione

Il reddito minimo garantito è una forma di sostegno al reddito, presente in tutti i Paesi europei tranne che in Italia e in Grecia, destinata a tutti i residenti in età lavorativa che si trovano sotto la soglia di povertà. La forma sperimentale introdotta nel maxiemendamento si chiama SIA, Sostegno per l'Inclusione Attiva. Il Sostegno per l'Inclusione Attiva (SIA) e il reddito minimo garantito Le motivazioni dell'introduzione del SIA sono forti ed evidenti. Da tempo si segnala l'assenza nel nostro ordinamento, a differenza che nella quasi totalità dei paesi europei, di un istituto nazionale di sostegno per tutte le [ ... leggi tutto » ]

Il SIA si caratterizza per sei aspetti qualificanti. E' di misura nazionale Il SIA è una misura nazionale in applicazione del principio che il sostegno al reddito di chi si trova in povertà deve essere garantito a tutti e con le medesime modalità, indipendentemente da dove essi risiedano sul territorio nazionale. Non vi sono solo ragioni di equità che giustificano questa scelta, ma anche di efficacia (per esempio, per la maggiore trasparenza derivante dall'adozione di criteri uniformi per definire le disponibilità economiche) e di efficienza (connesse con l'obiettivo di evitare un'indesiderabile mobilità geografica verso aree in cui fossero maggiori [ ... leggi tutto » ]

Concettualmente il livello di riferimento del SIA è dato dal costo di un paniere di consumo di beni e servizi di mercato e di fruizione di beni pubblici ritenuto decoroso in relazione agli stili di vita prevalenti. Ciò implica una sua articolazione in molteplici fattori, fra cui assumono un rilievo preminente la composizione del nucleo familiare e le differenze territoriali nel costo della vita e nella disponibilità di servizi collettivi. La rilevanza del primo aspetto - la composizione del nucleo familiare - è ampiamente acquisita ed è alla base dell'uso ormai comune della scala di equivalenza nella valutazione della [ ... leggi tutto » ]

L'ammontare delle prestazioni monetarie alle famiglie beneficiarie del SIA è pari alla differenza tra la misura delle loro risorse economiche e il livello di riferimento (o di una sua quota a seconda dei vincoli di finanziamento complessivo del programma). La definizione corretta delle risorse economiche è problema tica, ma cruciale. L'Isee - un indicatore rappresentato da una media ponderata di reddito e patrimonio - è certamente più idoneo di altri indicatori per definire la condizione economica complessiva di una famiglia, ma, in primis per la presenza della componente patrimoniale, si basa su un concetto più ampio delle risorse monetarie [ ... leggi tutto » ]

L'INPS sembra essere il soggetto ragionevolmente più adatto a erogare le prestazioni monetarie, essendo l'ente presso cui sono centralizzate le informazioni necessarie per la prova dei mezzi. La modalità preferibile di erogazione del beneficio sarebbe il semplice trasferimento monetario. Si potrebbe anche utilizzare una carta di debito, in analogia a quanto fatto nella recente esperienza della Carta acquisti, ma l'adozione del trasferimento monetario è preferibile sotto vari profili: la maggiore libertà di scelta a esso connaturato; l'assenza di stigma sociale, che potrebbe invece caratterizzare la Carta acquisti. L'azione di responsabilizzazione delle famiglie nella gestione finanziaria delle proprie risorse. Qualora [ ... leggi tutto » ]

Una valutazione sufficientemente accurata dei costi stimati del SIA richiede una specificazione dettagliata di tutti i suoi aspetti che non è possibile nei tempi imposti alla produzione del presente documento. Inoltre, al costo della prestazione monetaria, va aggiunto quello per i programmi di inserimento sociale, di assai più difficile valutazione. Ricerche condotte utilizzando modelli di microsimulazione alimentati con i dati dell'indagine It-Silc dell'Istat - ancorché condotte sulla base di ipotesi parzialmente diverse da quelle qui suggerite - indicano che, in dipendenza delle scelte compiute in relazione alla definizione di alcuni aspetti della misura della condizione economica, alla scala di [ ... leggi tutto » ]

27 novembre 2013 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Spunti di discussione dal forum

Disoccupato da 7 anni con indennità per un anno – Ho diritto al Rei (reddito povertà)?
Sono ufficialmente disoccupato dal 2010 per licenziamento per giusta causa, ho eseguito qualche lavoro in nero, ed ho usufruito della disoccupazione ordinaria per 1 anno, nel 2011. Ho appena compiuto 60 anni e vivo da solo. Vorrei sapere se posso beneficiare del reddito d'inclusione per la povertà.
Cittadino nigeriano con status di esule politico – Posso usufruire del reddito di inclusione per la povertà?
Sono un extracomunitario nigeriano che vive in italia da ormai 7 anni: ho ottenuto lo status di rifugiato per asilo politico. Vivo in una casa occupata abusivamente a Roma con mia moglie incinta, mio figlio minorenne e la madre di mia moglie, una donna di 75 anni. Al momento nessuno…
Reddito inclusione attiva – Negato se ho acquistato autovettura?
Siamo una famiglia con gravi problemi economici: due figli minorenni, mio marito ha perso il posto da poco ed io lavoro presso una ditta di pulizie, ma sono precaria. A dicembre avrei dovuto effettuare la richiesta per poter ricevere, dall'anno prossimo, il rei o reddito di inclusione attiva. Ma sto…
Assegni familiari e nucleo familiare allargato
La mia famiglia composta da 4 componenti marito, moglie e due figli si è trasferita per motivi lavorativi e abbiamo preso residenza nell'abitazione dove già risiede mio suocero. Ovviamente siamo quindi diventati un unico nucleo familiare: mio suocero è pensionato, ai fini degli assegni familiari che percepisco come dipendente e…
ISEE – Sposati nell’anno corrente e lavoriamo entrambi, ma nel 2013 io e mia moglie eravamo a carico dei rispettivi genitori
Io sono sposato quest'anno e sia io che mia moglie lavoriamo e siamo indipendenti dalle nostre famiglie dall'anno scorso. Nel regolamento ISEE pero c'è scritto che viene considerato il reddito relativo al 2013. Quell'anno entrambi noi non lavoravamo ed eravamo a carico delle rispettive famiglie di origine. Posto che il…

Link a ritroso

Stai leggendo Indice del post Reddito minimo garantito » Parte la sperimentazione Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 27 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 16 dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica .

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca