Il recupero del credito scaduto per le forniture di luce e gas

Le procedure di recupero del credito scaduto sono sostanzialmente identiche per le forniture di energia elettrica e gas: all’invio di un sollecito (phone collection per importi medio-bassi o con raccomandata per importi superiori a 150 euro) segue l’inoltro della raccomandata di costituzione in mora con preavviso di sospensione della fornitura al cliente.

A fronte dell’inadempimento del cliente, viene avviata la sospensione della fornitura e subito dopo la risoluzione contrattuale che può determinare la rimozione del contatore.

Tempi e modi dell’azione di riscossione variano però a seconda dell’utente interessato: per gli utenti domiciliati, il primo sollecito è inviato, di solito, entro 3 giorni dalla registrazione del rid insoluto e comunque non prima di 10 giorni dalla data di scadenza della fattura; per gli utenti classificati come cattivi pagatori, invece, a circa 10 giorni dalla data di scadenza della fattura, c’è l’inoltro della raccomandata di messa in mora con preavviso di sospensione della fornitura. Per gli utenti classificati come buoni pagatori, infine, a circa 10 giorni dalla data di scadenza della fattura si procede con l’invio di una lettera di sollecito o con l’attivazione della phone collection e, solo decorso circa un mese senza soddisfazione del credito, c’è l’invio, automatico, della raccomandata di messa in mora con preavviso di sospensione della fornitura.

In ogni caso, se a seguito dell’invio della raccomandata di messa in mora con preavviso di sospensione l’utente non provvede al pagamento della fattura, l’operatore procede con la sospensione della fornitura. Se anche a seguito alla sospensione della fornitura l’utente non regolarizza la sua posizione debitoria, si procede alla risoluzione del contratto per morosità e alla cessazione della fornitura.

Per recuperare le morosità, i fornitori di energia elettrica e gas si avvalgono anche di società specializzate nel recupero crediti stragiudiziale, le quali intervengono contattando gli utenti attivi classificati come buoni pagatori con phone collection e lettere di sollecito; si occupano della gestione del recupero dei crediti di tutti i clienti cessati mediante phone collection, lettere di sollecito, nonché azioni stragiudiziali e giudiziali.

14 Luglio 2016 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Morosità per forniture di energia elettrica » Informazioni utili
In questo articolo parleremo di tutti i problemi cui si va incontro in caso di morosità per la fornitura di energia elettrica, ovvero, quando non si paga o si paga in ritardo una bolletta della luce. Forniremo, inoltre, alcune dritte e informazioni su come potersi tutelare in caso di distacco ingiusto. ...

Distacco dell'utenza di energia elettrica e/o del gas » I diritti fondamentali dei consumatori: ecco dove i fornitori non possono arrivare
Qual è la prassi, in caso di morosità (del consumatore) per il pagamento di bollette di luce o gas, che il fornitore, o il distributore, di energia deve rispettare prima di procedere al distacco dell'utenza? La crisi sta mettendo a dura prova i consumatori italiani, tanto che dai dati ufficiali diramati in merito, il numero delle utenze in morosità continua ad aumentare in maniera vertiginosa. Ben diciotto milioni risultano essere gli utenti morosi in Italia a fine giugno 2015, dato a dir poco allarmante. Oggigiorno, i pagamenti delle utenze domestiche sono dei problemi di ordinaria amministrazione, che possono diventare, però, ...

Fatture energia elettrica e gas: arrivano i cacciatori di bollette » Eni, Enel, Edison e Sorgenia si affidano a società di recupero crediti
Le società erogatrici di energia non riescono più a riscuotere le somme delle fatture inviate ai consumatori, così, entrano in scena i cacciatori di bollette: scopriamo chi sono. Dall'inizio della crisi, ormai circa 10 anni fa, molte famiglie e aziende italiane sono in difficoltà. Chi ha perso il proprio lavoro, chi gli investimenti effettuati. E tra le due categorie sorge un inconveniente comune, il pagamento delle bollette. E già, potrebbe sembrare poca cosa ma in Italia ci sono circa 380.000 utenti che non pagano le fatture dei servizi di luce e gas. Le sorelle Eni, Enel, Edison, Eon energia e ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il recupero del credito scaduto per le forniture di luce e gas. Clicca qui.

Stai leggendo Il recupero del credito scaduto per le forniture di luce e gas Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 14 Luglio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Agosto 2017 Classificato nella categoria attività di recupero crediti Inserito nella sezione recupero crediti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)