Recupero crediti SKY - No ai messaggi a video che sollecitano pagamenti arretrati

L'Autorità per la privacy e la protezione dei dati personali si è espressa con riguardo alla prassi, posta in essere da SKY, consistente nel far comparire, sullo schermo del televisore degli abbonati, delle buste contenenti messaggi che sollecitano ad adempiere ai mancati pagamenti.

Questo sistema risulta illecito: il messaggio inviato al cliente, infatti, si presta a essere conosciuto da un numero indeterminato di soggetti.

Per evitare il rischio, anche solo potenziale, di diffusione a terzi di informazioni riguardanti la situazione debitoria del cliente, si dovrà prevedere l'utilizzo di un codice di accesso al contenuto del messaggio che verrà consegnato al cliente al momento della sottoscrizione del contratto. In generale sarebbe preferibile l'utilizzo di altre modalità per l'invio di solleciti di pagamento, come ad esempio le comunicazioni via mail o l'invio di un messaggio tramite busta chiusa all'indirizzo del cliente. L'inosservanza di queste previsioni comporta il pagamento di una somma che può andare da trentamila a centottantamila euro.

Di seguito il comunicato dell'Autorità per la privacy e la protezione dei dati personali.

Le "bustine" sullo schermo del televisore con all'interno messaggi per sollecitare mancati pagamenti non devono violare la riservatezza dei clienti. E' quanto ha stabilito il Garante per la privacy a seguito della segnalazione di un abbonato Sky che lamentava la modalità di comunicazione utilizzata dalla società che a suo avviso consentiva ad estranei di conoscere la eventuale posizione debitoria a suo carico (peraltro contestata dall'interessato).

Il sistema utilizzato da Sky, secondo gli elementi forniti dalla società, prevede l'invio di messaggi al decoder del cliente che sono "visualizzabili sullo schermo solo se il cliente decide di leggerli". Sul televisore "viene semplicemente visualizzato un banner con l'icona di una busta": è possibile leggere subito il messaggio oppure chiudere il banner per leggere il messaggio in un secondo momento.

Dall'istruttoria è emerso tuttavia che tale trattamento di dati non risulta lecito. Il messaggio inviato al cliente, per le modalità utilizzate, si presta infatti ad essere conosciuto da un numero indeterminato di soggetti, dal momento che il tasto del telecomando che consente la lettura o meno del messaggio può essere azionato da chiunque si trovi davanti allo schermo, senza nessun filtro.

Se intende continuare ad utilizzare il sistema dei messaggi sul televisore Sky dovrà dunque adottare le misure prescritte. Allo scopo di escludere il rischio, anche potenziale, di diffusione a terzi di informazioni sulla situazione debitoria del cliente ed evitare casi analoghi a quello segnalato, la società dovrà prevedere l'utilizzo di un codice di accesso al contenuto del messaggio che verrà consegnato al cliente al momento della sottoscrizione del contratto e che servirà per leggere il messaggio. La società dovrà comunque privilegiare per l'invio di solleciti di pagamento altre modalità, quali ad esempio la comunicazione via mail o l'invio di un messaggio in busta chiusa all'indirizzo del cliente.

L'inosservanza del provvedimento da parte della società comporta il pagamento di una somma che può andare da trentamila a centottantamila euro.

Le prassi di recupero dei crediti caratterizzate da modalità di presa di contatto invasive e talora lesive della riservatezza delle persone tali da determinare una comunicazione ingiustificata a soggetti terzi rispetto al debitore, erano già state in passato censurate dall'Autorità con un provvedimento rivolto sia alle società di recupero crediti sia a quanti - finanziarie, banche, concessionari di pubblici servizi, compagnie telefoniche - svolgono questa attività direttamente.

22 luglio 2015 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti: siete sicuri di sapere tutto? » Il prontuario per debitori e creditori
Partiamo da un assioma: il recupero crediti è un'attività che mira ad ottenere il pagamento di un credito (totale o parziale), sia quando il debitore rifiuta di onorarlo, sia quando si trova in una situazione di momentanea difficoltà ad adempiere la propria obbligazione. Sono ormai sempre più numerose le discussioni ...
Recupero crediti e violazione della privacy » Via libera al risarcimento danni
Via libera al risarcimento da pratiche aggressive nel recupero crediti. Deve essere riconosciuto il danno non patrimoniale al debitore braccato dalla società incaricata dalla banca affinché saldi il suo debito relativo a un prestito ottenuto dall'istituto. Lo ha stabilito il Tribunale di Chieti, il quale, con la pronuncia 883/12, ha ...
La black list delle società di recupero crediti sanzionate per pratiche ingannevoli o aggressive
Pratica aggressiva consistente in finte citazioni in giudizio, per tentare di recuperare, attraverso studi legali, presunti crediti acquisiti dalla società di telecomunicazioni LTS, con l'indicazione fittizia della data della prima udienza; e senza che segua alcuna iscrizione della causa a ruolo, presso sedi di Giudici di Pace sistematicamente diverse da ...
Agenti di recupero crediti vs debitori » Abusi ed azioni illecite
Al giorno d'oggi, si sa, i comportamenti scorretti ed illegittimi delle società di recupero crediti sono all'ordine del giorno. Infatti, ci si può ritrovare a vivere un incubo: c'è chi viene tartassato da una sfilza di chiamate al proprio recapito telefonico, chi da una scarica di sms sul cellulare o ...
Recupero crediti – non sono leciti comportamenti lesivi della dignità del debitore
Messaggi telefonici preregistrati che intimano a pagare, messaggi affissi sulla porta visibili a tutto il condominio. L'attività di recupero crediti ha assunto in Italia modalità più consone a scagnozzi e usurai che a società specializzate, operanti per conto di grandi aziende, finanziarie e/o fornitrici di servizi. Per porre freno a ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti sky - no ai messaggi a video che sollecitano pagamenti arretrati. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti SKY - No ai messaggi a video che sollecitano pagamenti arretrati Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 22 luglio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 22 luglio 2015 Classificato nella categoria attività di recupero crediti Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca