Società di recupero crediti » comportamento scorretto?

Ho un debito con una società di recupero crediti ceduto da una banca.

Stamattina è arrivata una telefonato al mio datore di lavoro per un'eventuale pignoramento del quinto dello stipendio.

Il mio datore di lavoro afferma come da contratto che io non lavoro più per loro (contratto di sostituzione maternità dal 17 ottobre 2011 al 4 maggio 2012).

Il problema è il seguente: dovevo rientrare al 4 giugno con un nuovo contratto di lavoro ma dopo la telefonata, il datore di lavoro si è spaventato e fino a settembre non mi farà lavorare.

Il comportamento della società di recupero crediti é stato scorretto?

Ho anche telefonato a questa società spiegando che la voglia di pagare il debito c'è ma con piccole rate mensili di 50/100 euro al massimo perché dopo la loro telefonata non sono più sicura di rientrare al lavoro.

Mi potete consigliare come muovermi?

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su società di recupero crediti » comportamento scorretto?. Clicca qui.

Stai leggendo Società di recupero crediti » comportamento scorretto? Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 15 gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca