Società di recupero crediti » comportamento scorretto?

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!





» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



Ho un debito con una società di recupero crediti ceduto da una banca.

Stamattina e’arrivata una telefonato al mio datore di lavoro per un’eventuale pignoramento del quinto dello stipendio.

Il mio datore di lavoro afferma come da contratto che io non lavoro piu’ per loro (contratto di sostituzione maternita’ dal 17 ottobre 2011 al 4 maggio 2012).

Il problema e’il seguente: dovevo rientrare al 4 giugno con un nuovo contratto di lavoro ma dopo la telefonata, il datore di lavoro si e’spaventato e fino a settembre non mi farà lavorare.

Il comportamento della società di recupero crediti é stato scorretto?

Ho anche telefonato a questa società spiegando che la voglia di pagare il debito c’è ma con piccole rate mensili di 50/100 euro al massimo perché dopo la loro telefonata non sono più sicura di rientrare al lavoro.

Mi potete consigliare come muovermi?



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


15 Gennaio 2013 · Ludmilla Karadzic




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su società di recupero crediti » comportamento scorretto?. Clicca qui.

Stai leggendo Società di recupero crediti » comportamento scorretto? Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 15 Gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!