E' buona norma che nessuna informazione all'agente di recupero crediti venga fornita

Il ricorso per decreto ingiuntivo promosso dal creditore, deve essere notificato al debitore che, peraltro, ha 40 giorni di tempo per presentare motivata opposizione.

Il contratto di comodato, per essere opponibile all'ufficiale giudiziario, deve essere registrato all'Agenzia delle Entrate in data antecedente alla notifica del precetto e deve specificare, con il maggior dettaglio possibile, gli arredi, le utilità, gli elettrodomestici che vengono concessi in uso al debitore.

Il creditore può, naturalmente, interagire con il debitore solo con comunicazioni scritte via raccomandata AR. Ma, non dovrebbe contattare il debitore, o fargli visita, senza un esplicito consenso.

Il debitore può decidere, se crede, di accettare il contatto telefonico ed essere gentile e deferente con chi chiama al telefono. Spesso dietro questo atteggiamento c'è la speranza, illusoria, di ottenere, in cambio, un trattamento benevolo.

Niente di più sbagliato. Chi chiama, infatti, spera solo di trovare, dall'altra parte del filo, un soggetto ingenuo o affetto da sudditanza psicologica, per carpire informazioni utili che possano poi aprire la strada all'esercizio di una maggiore pressione psicologica e coercitiva. Ad esempio, sapere dove il debitore, o i suoi familiari, svolgono la propria attività lavorativa può essere determinante per il recupero del credito.

E' buona norma che nessuna informazione all'agente di recupero crediti venga fornita. Lo scambio, se proprio si vuole averlo, deve limitarsi alle condizioni atmosferiche ed alla caducità delle cose terrene (debiti compresi). Basta.

10 ottobre 2012 · Giorgio Martini

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su e' buona norma che nessuna informazione all'agente di recupero crediti venga fornita. Clicca qui.

Stai leggendo E' buona norma che nessuna informazione all'agente di recupero crediti venga fornita Autore Giorgio Martini Articolo pubblicato il giorno 10 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 6 novembre 2018 at 06:09

    Io ho delle rate non pagate di un piccolo finanziamento di circa tre anni fa,vivo a casa dei miei genitori, possono pignorare casa od oggetti ?

    • Annapaola Ferri 6 novembre 2018 at 08:39

      In linea teorica il creditore può azionare il pignoramento presso la residenza, o il domicilio del debitore anche per qualche euro: che poi entrino in gioco fattori di convenienza economica è tutt’altro discorso.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca