Recupero crediti » Ok alla consultazione dell'Anagrafe Tributaria

Novità per quanto riguarda il recupero crediti: con la riforma della giustizia, sarà dato il via libera all’interrogazione dell’Anagrafe tributaria e dei conti correnti da parte del creditore.

Se le innovazioni al processo di recupero crediti saranno approvate in via definita, per i debitori si prospetteranno tempi davvero duri.

Infatti, grazie alla riforma della giustizia, sarà permesso all’ufficiale giudiziario, su richiesta del creditore, di interrogare l’Anagrafe Tributaria del fisco.

Ma perché è stata introdotta questa modifica? E cosa comporta in parole povere?

Cerchiamo di capirci meglio.

Molto spesso rimane difficile, per il creditore, ricercare dei beni che possono dar luogo a un’efficace azione di recupero crediti.

Ciò perché non sempre i beni mobili o gli immobili riescono ad essere venduti all’asta o è facile individuare dove si trovi il conto corrente del debitore o chi sia il suo datore di lavoro.

Ma, con questa variazione della procedura di recupero crediti, sarà consentito all’ufficiale giudiziario di consultare l’Anagrafe Tributaria, ovvero il database che utilizza anche l’Agenzia delle Entrate per riuscire a stanare gli evasioni fiscali. In questo archivio, infatti, sono contenuti tutti gli elementi utili dai quali è possibile individuare eventuali fonti di reddito dei contribuenti.

Inoltre, all’Anagrafe Tributaria è collegata l’anagrafe dei conti correnti, anch’essa utilizzata dal fisco, la quale rivela in quale istituto di credito ciascun italiano conserva i propri risparmi.

Le conseguenze per i debitori sono facilmente comprensibili.

Innanzitutto, per i creditori sarà molto più semplice riuscire a portare a termine il recupero crediti: inoltre, si assisterà probabilmente a una riduzione dei pignoramenti dello stipendio o della pensione, a tutto vantaggio, invece, dei pignoramenti del conto in banca.

Infatti, se, una volta intervistata l’Anagrafe Tributaria, il creditore avrà contezza non solo dell’azienda che eroga lo stipendio mensile al proprio debitore, ma anche dove questi poi va a depositare i soldi, egli potrà effettuare il pignoramento presso il datore di lavoro e, in questo caso accontentarsi del solo quinto pignorabile, oppure bloccare il conto corrente che è integralmente pignorabile, anche se vi affluiscono solo stipendi o pensioni.

Ma le sorprese non finiscono qui: il creditore potrà anche più facilmente pignorare l’automezzo del debitore chiedendo all’ufficiale giudiziario di interrogare il PRA per verificare quali autoveicoli sono intestati al moroso.

9 Settembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento con modalità telematica » Ecco come i creditori accedono ai dati dei debitori attraverso PRA Inps ed Anagrafe Tributaria
Vi spieghiamo come, grazie alle recenti modifiche legislative, i creditori possono accedere telematicamente ai dati del debitore attravero PRA, Inps ed Anagrafe Tributaria. E' noto, purtroppo, oramai, che gli italiani ‘debitorì non hanno più alcun tipo di segreto né per le banche, né per il fisco. I creditori, infatti, grazie ad una vera e propria rivoluzione culturale prima ancora che giuridica, possono andare, con relativa facilità, a reperire nelle banche dati delle pubbliche amministrazioni i beni del debitore da pignorare. Tale diritto resta subordinato unicamente all'autorizzazione del Presidente del Tribunale, il quale però è tenuto a concederla qualora gli venga ...

Le nuove armi a disposizione del creditore » Tutto sull'uso dello strumento telematico da parte dell'ufficiale giudiziario per la ricerca dei beni del debitore
Con la riforma della giustizia l'ufficiale giudiziario, per la ricerca dei beni del debitore, avrà dalla sua l'uso dello strumento telematico. La riforma della giustizia introduce la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare, strumento che potrebbe rivelarsi particolarmente utile per soddisfare le pretese, spesso deluse, dei creditori. A partire dall'11 dicembre 2014, infatti, il creditore che intende procedere ad esecuzione forzata, può proporre istanza al presidente del tribunale nella cui circoscrizione il debitore ha la propria residenza, domicilio, dimora o sede, affinché autorizzi l'ufficiale giudiziario alla ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare. Ciò varrà, però, esclusivamente ...

La ricerca telematica dei beni del debitore da sottoporre a pignoramento ed espropriazione
Su istanza del creditore procedente, il presidente del tribunale del luogo in cui il debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede, verificato il diritto della parte istante a procedere ad esecuzione forzata, autorizza la ricerca con modalità telematiche dei beni da pignorare. Il presidente del tribunale o un giudice da lui delegato dispone, quindi, che l'ufficiale giudiziario acceda mediante collegamento telematico diretto ai dati contenuti nelle banche dati delle pubbliche amministrazioni o alle quali le stesse possono accedere e, in particolare, nell'anagrafe tributaria, compreso l'archivio dei rapporti finanziari, nel pubblico registro automobilistico e in quelle degli ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti » ok alla consultazione dell'anagrafe tributaria. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti » Ok alla consultazione dell'Anagrafe Tributaria Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 9 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 17 Febbraio 2019 Classificato nella categoria pignoramento di stipendi e pensioni Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)