Indice del post gli strumenti di recupero per le somme non versate nel mantenimento

Nell'ambito di una separazione, o divorzio, tra due coniugi, sono diverse le problematiche che possono sorgere quando l'assegno di mantenimento non viene versato: dunque, quando ciò avviene, come è possibile recuperare il credito? Come accennato, quando avviene una separazione, o un divorzio, tra due coniugi, non sempre viene rispettato l'obbligo del mantenimento. Con la redazione di questo articolo, dunque, vogliamo fornire [ ... leggi tutto » ]

Vediamo quali sono g sono diversi strumenti a tutela dell’ex coniuge quando l’altro non versa l’assegno, lo versa solo in parte o è sempre in ritardo. Vi sono diversi strumenti a disposizione del coniuge beneficiario per recuperare le somme da versare nell'assegno di mantenimento. La più comune è la diffida dell’Avvocato per ottenere il pagamento: in pratica, si tratta di inviare una raccomandata con la quale si invita la parte inadempiente al pagamento. Nella lettera si può mettere in mora l’obbligato ossia assegnargli un termine entro cui dovrà provvedere al versamento delle somme dovute con l’avvertimento che in mancanza [ ... leggi tutto » ]

Come finalizzare un'esecuzione forzata per rimediare al mancato o ritardato pagamento del mantenimento. Come abbiamo visto in caso di mancato o ritardo nel pagamento dell’assegno, si puo’ procedere con un’azione espropriativa. La sentenza di divorzio, il verbale o la sentenza di separazione e i provvedimenti dei Tribunali per il mantenimento dei figli di genitori non sposati costituiscono un titolo esecutivo che consente a chi ha diritto all’assegno di mettere in esecuzione quanto stabilito dal giudice. Il cliente dovrà dare mandato all’avvocato che potrà predisporre un atto di precetto: ossia un’ intimazione fatta all’ex coniuge/debitore a rispettare l’obbligo risultante dal [ ... leggi tutto » ]

E' possibile ricorrere al sequestro dei beni dell'ex coniuge per il mancato versamento dell'assegno di mantenimento: vediamo come. Sia per il caso di mancato versamento che nel caso in cui sussista il pericolo di inadempimento, chi ha diritto all’assegno può chiedere il sequestro di beni di proprietà dell’ex coniuge obbligato a pagare l’assegno. E’ sufficiente che il beneficiario dell’assegno fornisca al giudice degli indizi di varia natura dai quali si possa trarre il fondato convincimento che il debitore non voglia adempiere. Il sequestro è un provvedimento che può essere emesso dal presidente del tribunale, dal giudice dinanzi al quale [ ... leggi tutto » ]

In alternativa, è possibile ottenere il pagamento diretto del mantenimento dal datore di lavoro dell’ex coniuge. Il cosiddetto ordine di pagamento diretto, consente di ricevere il mantenimento con un effetto molto simile a quello risultante da un pignoramento (presso terzi), pur avendone caratteristiche differenti. Si tratta di uno strumento considerato fra i più idonei a garantire il soddisfacimento di un credito periodico come quello derivante dall’obbligo di mantenimento, in quanto permette di “scavalcare” l’inerzia dell’obbligato. Esso è previsto non solo nella ipotesi di separazione e divorzio, ma anche in una serie di casi in cui il familiare viene meno [ ... leggi tutto » ]

Ecco quali sono le garanzie reali o personali per rimediare alla mancata corresponsione del mantenimento. Nel caso in cui sussista il pericolo che l’ex coniuge tenuto a versare l’assegno all’ex o ai figli non vi provveda, il tribunale può imporgli con la sentenza di divorzio di prestare idonea garanzia reale (pegno o ipoteca) oppure personale (fideiussione). La [ ... leggi tutto » ]

Come funziona l'iscrizione di ipoteca sui beni dell'obbligato al mantenimento che non versa le somme prestabilite. Se sussiste un concreto pericolo che l’ex coniuge non adempia all’obbligo di versare l’assegno di divorzio, l’ex coniuge/creditore può iscrivere ipoteca giudiziale sui beni dell’obbligato. La Cassazione, rispetto all’importo della somma per cui può essere iscritta l’ipoteca, ha affermato che esso va stabilito riferendosi a elementi oggettivi, come le tabelle per la costituzione delle rendite vitalizie immediate. Il coniuge debitore può chiedere che sia il giudice a rideterminare l’ importo dell’ipoteca e, se la somma per la quale è stata richiesta l’iscrizione eccede [ ... leggi tutto » ]

La responsabilità penale dell'obbligato che non procede alla corresponsione dell'assegno di mantenimento all'ex coniuge. Qualora emerga che il genitore inadempiente si stia sottraendo volontariamente al proprio obbligo per ragioni di “ripicca”, potrà sporgersi una denuncia penale contro di lui. Va detto che quella della querela contro l’altro genitore costituisce una delle strade più battute dai genitori che si trovano in questo tipo di situazioni (anche perché non comporta un esborso di denaro), ma non sempre è di utilità per chi intenda solo ottenere il pagamento del mantenimento. Il reato del quale risponderebbe il genitore inadempiente è, in tale ipotesi, [ ... leggi tutto » ]

Vediamo, infine, in quali casi si rischia di perdere il diritto all'assegno di mantenimento. L’art. 710 c.p.c. prevede la possibilità per i coniugi di chiedere, in qualunque momento, la modifica dei provvedimenti riguardanti i coniugi e i figli minori, e in tale ottica ciascun coniuge può ricorrere al Tribunale per far revocare o quanto meno modificare il provvedimento con il quale il giudice della separazione abbia disposto in favore dell’altro coniuge un assegno di mantenimento. Naturalmente devono ricorrere determinate circostanze, ad es: nel caso in cui la moglie abbia cominciato a svolgere una propria attività lavorativa e percepisca quindi [ ... leggi tutto » ]

18 ottobre 2016 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post gli strumenti di recupero per le somme non versate nel mantenimento. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Gli strumenti di recupero per le somme non versate nel mantenimento Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 18 ottobre 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 20 ottobre 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca