Cessione pro soluto dei crediti - Cautele da adottare nella scelta delle controparti

L'incarico per la esecuzione della Due diligence, finalizzata ad eseguire una analisi sulla recuperabilità delle partite da cedere e ad attribuire alle stesse un prezzo indicativo di cessione, sarà dato ad un soggetto:

  • giuridicamente e professionalmente abilitato (per esempio, una società di recupero o direvisione iscritta all'Albo), che abbia le necessarie licenze ed abilitazioni professionali;
  • che svolga tale attività realmente, ovvero che sia operativo per tutto l'anno.

Per quanto riguarda la controparte cessionaria, la società dovrà:

  • avere la forma di società di capitali, con capitale sociale pari ad almeno 500.000 €;
  • essere iscritta all'U.I.C. e svolgere l'attività finanziaria in via esclusiva;
  • operare professionalmente nell'ambito del recupero dei crediti, ovvero essere in grado, per struttura organizzativa e capacità, di ottenere remunerative percentuali di recupero.

Per porre in atto un'operazione di cessione pro-soluto ineccepibile occorrerà anche:

  • accertare che il soggetto che ha certificato l'inesigibilità del credito non abbia alcun rapporto organico (partecipazioni, appartenenza o altro) con la società cessionaria;
  • consegnare al cessionario la documentazione relativa ai crediti ceduti, necessaria per attivare le azioni di recupero.
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca