In pratica, cosa vuol dire tutto questo?

a) che lei intanto deve seguire le procedure qui indicate per raccogliere tutta la documentazione possibile che servirà in sede giudiziaria; o almeno le prove (comunicazioni con ricevute AR) che lei ha richiesto la documentazione necessaria a poter pagare in sicurezza, ma che la società di recupero non l'ha fornita o l'ha fornita solo parzialmente ed in modo non congruo alle finalità per cui di essa è stata fatta domanda;

b) che deve mettere da parte qualche soldino fin d'ora per pagarsi un avvocato che possa opporsi al decreto ingiuntivo e limitare efficacemente le ingiustificate pretese del creditore (pignoramento del quinto sostenibile per durata perchè riferito all'importo minimo che il giudice deciderà equo a fronte di una ragionevole e documentata opposizione al decreto ingiuntivo).

12 novembre 2012 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca