Indice del post recupero crediti e insinuazione al passivo

La procedura fallimentare si svolge attraverso fasi distinte. Tali fasi, in ordine progressivo, sono le seguenti: L’accertamento del passivo L’accertamento dell'attivo La liquidazione dell'attivo La divisione [ ... leggi tutto » ]

La fase dell'accertamento al passivo serve ad individuare i singoli creditori ammessi al concorso, cioè a partecipare, in ragione dei propri crediti ed alla pari (salvo le cause di prelazione - privilegi, pegni, ipoteche) al riparto dei beni del debitore fallito. Questa fase ha inizio con le domande di insinuazione al passivo che i creditori e tutti coloro i quali vantino diritti su beni mobili e immobili in possesso del fallito debbono presentare entro 30 giorni prima dell'udienza fissata per la verifica dello stato passivo fallimentare. Le domande sono esaminate dal curatore il quale, dopo aver preparato elenchi separati [ ... leggi tutto » ]

Accertato il passivo, si verifica la consistenza dell'attivo, rappresentato da tutti i beni del fallimento e da quei beni che per effetto di revocatoria sono tornati. L’accertamento di tale stato avviene mediante la redazione dell'inventario e la presa in consegna dei beni [ ... leggi tutto » ]

Ha la funzione di convertire in denaro i beni del fallito. Essa avviene tramite un programma di liquidazione preparato dal curatore ed approvato dal giudice, con il parere vincolante del comitato dei creditori. Il piano viene formato entro 60 giorni dalla redazione dell'inventario dei beni del fallito Il programma indica i termini e le modalità previste per la realizzazione dell'attivo ed in particolare: l’eventuale esercizio provvisorio dell'impresa, le proposte di concordato con il loro contenuto, le azioni risarcitorie, revocatorie, e restitutorie intraprese per conto del fallito ed ai danni dello stesso, le possibilità di cessione dell'azienda o di singoli [ ... leggi tutto » ]

Effettuata la liquidazione si provvede ad attribuire il ricavato ai singoli creditori. Le somme disponibili debbono essere ripartite secondo questo ordine: le spese di procedura ed i debiti del fallito hanno precedenza assoluta e devono essere quindi pagate subito; poi si pagano i creditori privilegiati (pegno, ipoteca, privilegio); infine si pagano i creditori chirografari (senza pegno, [ ... leggi tutto » ]

La chiusura del fallimento avviene quando si divide l’attivo senza che tutti i creditori siano stati soddisfatti integralmente; manca un attivo; non vi è nessun creditore che abbia presentato domanda di insinuazione al passivo nei termini sopra indicati; sono estinte tutte le passività. La chiusura viene dichiarata dal Tribunale il quale fa cessare dalle funzioni gli organi fallimentari, restituendo al debitore tutti i suoi diritti patrimoniali e facendo riacquistare ai creditori il potere di agire individualmente contro il debitore per il recupero di quanto non pagato con il fallimento. Ipotesi particolari di chiusura Il fallimento si può chiudere anche [ ... leggi tutto » ]

Il fallimento può essere riaperto quando i creditori non sono stati integralmente soddisfatti oppure quando il fallimento si è chiuso per mancanza di attivo. In tali casi il Tribunale può dichiarare la riapertura a condizione che: nel patrimonio del fallito vi sia un attivo che faccia apparire utile la riapertura; quando il fallito offra garanzia di pagare almeno il 10% ai creditori vecchi e nuovi; non siano passati 5 anni dalla chiusura del fallimento. Per fare una domanda sull'insinuazione al passivo nel recupero crediti, sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su [ ... leggi tutto » ]

5 luglio 2013 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Recupero crediti in ambito fallimentare » Possibile solo con insinuazione al passivo
Recupero crediti nei confronti del fallimento solo con insinuazione al passivo: l'accertamento del credito, può avvenire nel rito ordinario se c'è stata acquiescenza, nei gradi di merito, sulla declaratoria di fallimento. Vero è che l'accertamento del credito nei confronti del fallimento è devoluto alla competenza esclusiva del giudice delegato, ai ...
Insinuazione al passivo - Nessun termine di decadenza per i crediti sopravvenuti
La legge fallimentare dispone che le domande di ammissione al passivo di un credito, di restituzione o rivendicazione di beni mobili e immobili, depositate in cancelleria oltre il termine di trenta giorni prima dell'udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di dodici mesi dal deposito del ...
L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare non può essere presentata dal soggetto fallito
L'istanza di revocazione dei crediti ammessi al passivo fallimentare ha carattere d'impugnazione straordinaria, finalizzata a conseguire il risultato che l'esecuzione collettiva vada a vantaggio di coloro che risultano effet­tivamente creditori, e può quindi essere proposta, oltre che dal curatore e dai sog­getti titolari di diritti sui beni del fallito, soltanto ...
Insinuazione da parte della Pubblica Amministrazione - Va comunque rispettato il termine annuale dal deposito del decreto di esecutività dello stato passivo
Le domande di ammissione al passivo di un credito, di restituzione o rivendicazione di beni mobili e immobili, depositate in cancelleria oltre il termine di trenta giorni prima dell'udienza fissata per la verifica del passivo e non oltre quello di dodici mesi dal deposito del decreto di esecutività dello stato ...
Insinuazione al passivo per crediti erariali - Non è necessaria la preventiva notifica della cartella esattoriale al curatore
I crediti iscritti a ruolo ed azionati da società concessionarie per la riscossione seguono, nel caso di avvenuta dichiarazione di fallimento del debitore, l'iter procedurale prescritto dalla legge per gli altri crediti concorsuali, legittimandosi la domanda di ammissione al passivo, se del caso con riserva (ove vi siano contestazioni), sulla ...

Spunti di discussione dal forum

Probabile fallimento di una società – vorrei insinuarmi al passivo
Come faccio a sapere se una società è in fallimento? Dalla visura risulta, però per averne la certezza e il numero del procedimento cosa devo fare? Per presentare istanza di ammissione al passivo devo necessariamente avere un titolo come il decreto ingiuntivo o sono sufficienti le fatture non pagate?
Chiusura conto corrente cointestato – è tacita accettazione eredità?
I miei suoceri avevano un conto in banca cointestato con firma disgiunta, alla morte di mio suocero (settembre 2014) il conto era in passivo di circa 250 euro, avvisata la banca della morte, hanno chiesto a mia suocera di portare in attivo il conto prima di chiuderlo e così io…
Cessione del quinto e insinuazione al fallimento
Tre anni fa chiesi all'IBL banca una cessione del quinto ....dopo un anno la mia azienda fallisce. Io per sei mesi non percepisco nulla anzi vivo con i soldi del prestito. Dopo un anno la finanziaria si insinua al passivo e si prende tutto il tfr e 4 mensilita non…
Trasformazione sas in srl – E i debiti della sas?
Io lavoratore di una sas con socio accomandatario maturo dei crediti (stipendi ecc) che non mi vengono pagati, la sas intanto si trasforma in srl e continuano a maturare altri crediti (stipendi ecc) che insieme agli altri non vengono pagati. Poco tempo fa la srl va in scioglimento e in…
Una vicenda Kafkiana: quando è meglio non avviare una vertenza di lavoro
Il mio ultimo mese lavorativo presso il mio ex datore di lavoro risale al novembre 2012: avevo un contratto a progetto che arrivato alla sua naturale scadenza non è stato più rinnovato perché la Srl in questione è entrata subito dopo in liquidazione volontaria. Ho fatto richiesta all'INPS dell'Una Tantum…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post recupero crediti e insinuazione al passivo. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Recupero crediti e insinuazione al passivo Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 5 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria procedure di recupero crediti azioni esecutive ed espropriazione dei beni del debitore Inserito nella sezione recupero crediti.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca