Recupero crediti consistente nei confronti di ditta individuale

Indice dei contenuti dell'articolo


Recupero crediti - avvocato che agisce per crediti consistenti

Sono un avvocato che sta agendo per un recupero crediti consistente (circa 40 mila euro) vantato dalla mia cliente nei confronti di una ditta individuale, il cui titolare è deceduto a fine agosto, dopo la notifica di un pignoramento presso terzi che non ha avuto esito positivo.

A questo punto ho valutato l'opzione di procedere nei confronti di tutti gli eredi, previo accertamento del patrimonio ereditario del de cuis.

Durante le ricerche ho avuto modo di prendere visione di alcune rinunce all’eredità e, attraverso visure ipocatastali, ho preso atto che il de cuius era nulla tenente e la ditta si estinta con la sua morte.

Pertanto, mi chiedo se mi convenga continuare la procedura esecutiva verso coloro che non hanno ancora rinunciato all'eredità, pur sapendo che la rinuncia da parte degli eredi può essere fatta in qualsiasi momento pur in corso di una esecuzione.

Opzione da recupero crediti

Concordo con lei perchè continuare la procedura esecutiva verso i coeredi, o verso coloro cui la devoluzione ereditaria è stata trasmessa per rappresentazione, sarebbe un'operazione da "recupero crediti" nonché deontologicamente scorretta nei confronti della sua cliente. Beninteso, questo se il de cuius non ha lasciato beni in eredità.

22 Novembre 2012 · Marzia Ciunfrini