Recupero crediti di un soggetto deceduto senza lasciare eredità

Il defunto non lascia eredità essendo solo titolare dell'usufrutto dell'appartamento in cui viveva

A novembre 2009 muore il signor XY senza lasciare eredità, essendo titolare solo di usufrutto dell'appartamento in cui viveva (primo ed unico proprietario era il coniuge alla cui morte nel 1993, per testamento, nomina usufruttuario il marito e titolare della nuda proprietà uno degli eredi).

Perviene in questi giorni, da parte di una società recupero crediti, a mezzo di lettera libera intestata al sig XY, una richiesta di contatto per una definizione bonaria di un debito a carico dello stesso sig. XY risalente a circa 10 anni fa. La società scrivente, ovviamente, non è a conoscenza della morte dell'intestatario.

Queste le domande :
- è stato giusto non presentare domanda di successione? (è stato iscritto in catasto il solo consolidamento di usufrutto)
- gli eredi sono solidali con il debitore? Ed in particolare lo è il possessore della nuda proprietà dell'immobile in cui XY abitava e di cui era titolare solo di usufrutto?
- è consigliabile interagire con la società richiedente od ignorare la comunicazione?

La società di recupero crediti presume errando che il defunto abbia proprietà

La società di recupero crediti forse presume che il signor XY (che non sa essere defunto) debba necessariamente avere una qualche proprietà.

Non essendo stato diseredato a suo tempo dalla moglie defunta (lo prova l'assegnazione dell'usufrutto con testamento) c'è il problema che il coniuge proprietario dell'immobile non poteva lasciare il marito in braghe di tela.

Si può fare testamento di una quota di eredità indicata come "disponibile", ma al coniuge va riconosciuta almeno una parte "legittima".

Diciamo che la successione in capo al debitore defunto appare fortemente viziata. Anche perchè il coniuge XY aveva comunque diritto di abitazione "iure proprio". L'assegnazione di un usufrutto con legato, integra un plus assolutamente insignificante rispetto alla legittima cui egli aveva comunque diritto.

17 ottobre 2012 · Piero Ciottoli


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Testamento e successione » Quale erede subentra al deceduto?
L'individuazione dei soggetti che subentrano al defunto dipende dalle volontà del soggetto deceduto e, come noto, le ultime volontà vengono fissate in un atto che si chiama testamento. All'interno dell'articolo scopriremo il testamento nel dettaglio e chiariremo le differenze tra successione testamentaria, legittima e necessaria. La successione è un procedimento ...
Eredità e debiti tributari
Il chiamato eredita i debiti tributari solo al momento dell'accettazione dell'eredità. I soggetti “chiamati” ad accettare l'eredità non rispondono dei debiti tributari del defunto. Tale obbligo sorge solamente quando il "chiamato" accetta l'eredità (in modo espresso oppure in modo tacito per facta concludentia). Solo al momento dell'accettazione, infatti, si acquista ...
Azione di riduzione per lesione della quota di legittima dell'eredità - eredità disponibile, eredità relitta e donatum
A tutela dell'interesse generale alla solidarietà familiare, l'ordinamento giuridico prevede che i più stretti congiunti del de cuius hanno il diritto di ottenere, anche contro la volontà del defunto e in contrasto con gli atti di disposizioni dallo stesso posti in essere, una quota di valore del patrimonio ereditario e ...
Quando il chiamato rinuncia all'eredità o perde il diritto di accettare
Come ben sanno i creditori, la legge mette a disposizione uno strumento molto efficace a loro tutela nel caso in cui vi sia accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. Lo scopo della tutela è quello di abbreviare il termine decennale per l'accettazione. L'articolo 481 del codice civile, infatti, può prevedere ...
Eredità e successione - Reintegrazione della quota di legittima con riduzione delle disposizioni testamentarie e delle donazioni effettuate in vita dal de cuius
Il nostro ordinamento riserva a determinati soggetti legittimari (coniuge, figli e ascendenti del defunto) una quota di eredità legittima, della quale non possono essere privati per volontà del defunto, sia stata questa espressa in un testamento o eseguita in vita mediante donazioni.Il testatore, pertanto, può liberamente disporre solo della quota ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su recupero crediti di un soggetto deceduto senza lasciare eredità. Clicca qui.

Stai leggendo Recupero crediti di un soggetto deceduto senza lasciare eredità Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 17 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria recupero crediti - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca